Gli amici: "Forse Francesco ci aveva lanciato un segnale"

Francesco Marigliani e Silvia Tabacchi

L'omicidio/suicidio

Gli amici: "Forse Francesco ci aveva lanciato un segnale"

Domani l'autopsia sul corpo dei due ragazzi

20.03.2017 - 20:19

0

Francesco Marigliani aveva salutato i compagni di corso universitario (era studente di medicina prossimo alla laurea) lasciando ad uno di loro il badge con cui certificava la sua presenza alle lezioni. Un gesto al quale, in quel momento, nessuno aveva dato peso, ma che alla luce di quanto avvenuto quel maledetto venerdì pomeriggio, in quella piazzola di sosta della Vasanellese, ovviamente riveste oggi altri significati. Pare infatti sia consuetudine che si lasci la tessera ad un compagno quando si ha la certezza di non essere presente il giorno o i giorni successivi, o magari si pensi di arrivare più tardi. L’amico, in questi casi, all’occorrenza può “avvantaggiare” il passaggio del badge. Se si mette in relazione questo gesto con quello che è avvenuto solo qualche ora dopo, è evidente che lo scenario di un atto premeditato si rafforza. In una mente in cui si era già sviluppata la folle idea di compiere un duplice omicidio, contro la donna amata e contro se stesso, potrebbe essere scattato anche il riflesso condizionato di non portarsi dietro quella tessera che non sarebbe mai stata più usata. Francesco, a quanto riferisce chi lo ha conosciuto, era un ragazzo un po’ introverso, ma anche un ottimo studente che godeva della considerazione (positiva) da parte di chi aveva modo di entrare in contatto con lui. Nessuno, quindi, avrebbe mai potuto ipotizzare che potesse architettare una simile follia. Ma nei meandri della mente umana talvolta si annidano anche dei mostri invisibili.

Nella giornata di domani è in programma l’esame autoptico sui corpi della povera vittima e del suo carnefice. L’incarico è stato affidato al medico legale, dottor Alfredo Canonici, dal magistrato che ha in carico il fascicolo, Chiara Capezzuto.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

La denuncia di Oxfam: in Siria è emergenza ma gli aiuti calano

La denuncia di Oxfam: in Siria è emergenza ma gli aiuti calano

Roma, (askanews) - Dalla comunità internazionale ancora una volta non è arrivato ciò che serviva davvero per garantire un futuro al popolo siriano. È la denuncia di Oxfam, all'indomani della sesta conferenza di Bruxelles sulla crisi. "Nonostante le preoccupazioni espresse dai diversi governi a Bruxelles per la crescente ondata di violenze in Siria, le dichiarazioni d'intenti non si tradurranno in ...

 
I grandi dell'immaginario protagonisti a Encuentro

quinta edizione

I grandi dell'immaginario protagonisti a Encuentro

La quinta edizione di Encuentro, in programma a Perugia e Terni dal 2 al 6 maggio, sarà quella dei grandi immaginari che si incontrano e dialogano tra loro. La letteratura in ...

24.04.2018

Don Matteo, la 12esima serie si farà

Spoleto

Don Matteo, la 12esima serie si farà

La notizia è arrivata all'indomani del bagno di folla di giovedì 19 aprile al Teatro Nuovo "Menotti" di Spoleto (leggi qui): la 12esima serie di don Matteo si farà. E sarà ...

20.04.2018

Don Matteo, in mille per il gran finale

Spoleto

Don Matteo, in mille per il gran finale

Oltre 1000 persone si sono trovate dal pomeriggio di giovedì 19 aprile al Teatro Nuovo di Spoleto per l'evento conclusivo dell'11esima stagione della serie di Don Matteo. ...

19.04.2018