Vertenza Ast, il vero nodo è il piano industriale

TERNI

Vertenza Ast, il vero nodo è il piano industriale

02.12.2014 - 11:05

0

L’appuntamento è alle 15 di martedì 2 dicembre, al ministero dello Sviluppo economico, e secondo tutte le previsioni potrebbe essere veramente il giorno dell’accordo, quello della firma che porterebbe alla conclusione la vertenza Ast dopo oltre quattro mesi di scioperi, blocchi stradali, proteste e trattative interminabili nelle stanze di quel palazzone romano in travertino di epoca fascista dove ha sede il ministero dello Sviluppo economico. Il governo punta alla chiusura della vertenza senza esborsi né interventi diretti, che invece sembrano possibili per Taranto. Sugli esuberi i numeri ufficiali sono noti: in 251 hanno già firmato per l’esodo volontario e gli esuberi rimasti sarebbero 39. In realtà le voci interne dicono all’unisono che la quota 290, esuberi da allontanare attraverso l’esodo incentivato, sarebbe stata già raggiunta e addirittura superata. Richieste in eccesso per gli operai. Qualche problema di esuberi resterebbe invece per gli impiegati. Anche per la contrattazione di secondo livello le distanze non sono incolmabili. Per l’orario notturno, domenicale e festivo l’azienda è disposta a mettere un massimo di 8,2 milioni di euro l’anno. Il sindacato chiede un fondo di 11 milioni l’anno per l’integrativo. Lo scoglio vero potrebbe trovarsi sul Piano industriale. Il sindacato chiede un piano dettagliato degli investimenti nel freddo e nel caldo, oltre all’annunciato trasferimento della linea 5 da Torino. Un minimo di un milione di tonnellate annue di fuso annue e la permanenza dei due forni per almeno 4 anni, la vigenza del piano industriale. L’Ast continua a chiedere la verifica sulla convenienza di mantenere il secondo forno dopo due anni, verifica biennale. I sindacati temono che transigendo su questo punto alla fine del biennio si arriverebbe allo spegnimento certo di un forno. I sindacati chiedono anche garanzie e autonomia per la politica commerciale, riportando il centro decisionale a Terni, con una politica di espansione verso il Mediterraneo. Ultima richiesta è la clausola di salvaguardia per i lavoratori delle ditte terze, e cioè che conservino il lavoro in caso di appalto vinto da un’altra ditta. Il contratto per la principale ditta esterna, la Ilserv, 320 dipendenti, è stato prorogato di un anno, fino a setttembre del 2015. 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Addio allo schermo? Come sta cambiando l'arte contemporanea

Addio allo schermo? Come sta cambiando l'arte contemporanea

Milano (askanews) - E' stata una delle opere d'arte simbolo degli ultimi anni, premiata alla Biennale di Venezia del 2013 e poi in giro per i musei più importanti del mondo. "Grosse Fatigue" di Camille Henrot sembra per certi versi rappresentare l'opera d'arte perfetta per il mondo contemporaneo, con il suo mix di visionarietà e di enciclopedismo. Eppure quello schermo che è l'elemento ...

 
Enel: arrivano i droni nella centrale di Civitavecchia

Enel: arrivano i droni nella centrale di Civitavecchia

Roma, (askanews) - Arrivano i droni nella centrale Enel di Torrevaldaliga Nord di Civitavecchia. A loro sarà affidato il compito di supportare le attività di esercizio, manutenzione e protezione dell'impianto, grazie a soluzioni sviluppate da due star-up: Convexum e Percepto. In particolare, la start-up "Convexum" ha sviluppato un sistema in grado di impedire il sorvolo dell'impianto da parte di ...

 
Polonia, Lech Walesa incontra un gruppo di manifestanti disabili

Polonia, Lech Walesa incontra un gruppo di manifestanti disabili

Varsavia (askanews) - L'ex presidente polacco e premio Nobel per la pace, Lech Walesa ha incontrato il gruppo di giovani disabili che ha trascorso oltre un mese accampato fuori dal Parlamento polacco per chiedere al governo di centro-destra di aumentare i fondi per i loro magri sussidi. "Farò tutto quanto in mio potere per aiutarvi - ha detto loro il 74enne ex leader di Solidarnosc - però so che ...

 
Salvini: "All'estero non hanno nulla di cui preoccuparsi"

Salvini: "All'estero non hanno nulla di cui preoccuparsi"

Roma (askanews) - "Qualcuno all'estero dovrà cambiare la sua prospettiva. Sarà un governo di speranza e prospettiva, non sarà un governo remissivo". Lo ha detto il segretario della Lega Matteo Salvini, nelle dichiarazioni alla stampa al termine del colloqui con il Capo dello Stato, Sergio Mattarella. "Abbiamo fatto il nome del presidente del Consiglio, abbiamo ben chiara squadra e progetto di ...

 
Sì al Todi festival, ma in Umbria non ci sono piste di atletica

Fiona May

Sì al Todi festival, ma in Umbria non ci sono piste di atletica

Atleta, mamma e ora anche attrice di teatro, Fiona May in Umbria per presentare il suo debutto  al Todi festival 2018, il 25 agosto al teatro Comunale di Todi.

21.05.2018

La bella Carolina Miss Mondo Umbria

Eletta a Corciano

La bella Carolina Miss Mondo Umbria

Carolina Scarscelli, 16 anni, studentessa di Città di Castello è Miss Mondo Umbria 2018. È stata eletta sabato sera al Gherlinda nel corso della finale regionale organizzata ...

21.05.2018

Doppia italia sul podio di Cannes

festival del cinema

Doppia italia sul podio di Cannes

Trionfo dell'Italia al Festival del cinema di Cannes. "Dogman" di Matteo Garrone regala a Marcello Fonte il premio come miglior attore protagonista, mentre Alice Rohrwacher ...

20.05.2018