Via del Teatro romano e via Leonardo da Vinci al buio, la gente insorge

Via del Teatro romano e via Leonardo da Vinci al buio, la gente insorge

Strade al buio, i cittadini protestano. Sotto accusa ci sono due vie che già in passato sono finite nel mirino di residenti e non solo per la loro scarsa visibilità. Si tratta delle trafficate via del Teatro romano e via Leonardo da Vinci

03.11.2012 - 11:02

0

Strade al buio, i cittadini protestano. Sotto accusa ci sono due vie che già in passato sono finite nel mirino di residenti e non solo per la loro scarsa visibilità. Si tratta delle trafficate via del Teatro romano e via Leonardo da Vinci. Nel primo caso a destare preoccupazione è il passaggio pedonale che, sebbene segnalato da appositi lampeggianti, è praticamente al buio. I lampeggianti, che dovrebbero lampeggiare ripetutamene all’avvicinarsi di persone pronte ad attraversare la strada proprio per segnalare la loro presenza, sono infatti spenti ormai da tempo e così anche il lampione, quello più vicino alle strisce pedonali, è fuori uso lasciando il tratto completamente al buio. A farlo notare sono gli stessi automobilisti preoccupati per aver visto più volte sbucare i pedoni tra le automobili parcheggiate da un lato della strada. “Il rischio - affermano - è di accorgersi del pedone solo all’ultimo istante con le conseguenze che si possono immaginare. Sarebbe bene anche posizionare un lampione o comunque una fonte di luce più vicina alle strisce”. Ma via del Teatro romano non è l’unica strada a far preoccupare i cittadini. Una seconda segnalazione arriva da via Leonardo da Vinci, una delle vie più vive e trafficate della nostra città, così come la definiscono gli stessi residenti che, anche in questo caso, puntano il dito contro la scarsità di luce. “Non ci manca veramente nulla: negozi, scuole, impianti sportivi, supermercati, bar, ufficio postale e chi più ne ha più ne metta, peccato che appena il sole tramonta sembra tutto scomparire come per magia” affermano, la strada è infatti molto trafficata anche nelle ore del tardo pomeriggio quando, calato il sole, diventa difficile distinguere i pedoni e comunque muoversi in sicurezza. Sotto accusa la scarsa illuminazione dell’intera via ritenuta dai residenti non adeguata: “Una strada praticamente a quattro corsie, considerando i due sensi di marcia e le due file per il parcheggio, illuminata solamente da una fila di lampioni, distanti inoltre l’uno dall’altro tanto da non vedere nulla. Le strisce pedonali dobbiamo immaginarle ed anche i dossi, se non hai imparato la loro posizione a memoria, sembrano spuntare dal nulla”. A fare la sua parte anche la folta vegetazione che contribuisce a rendere ancora più buia la via: “La luce dei pochi lampioni è per giunta oscurata dalle piante che ormai li sovrastano. Il verde è fondamentale, ma una potatura è ormai indispensabile. Ne guadagneremmo ottenendo non solo la luce, ma evitando che ogni volta che piove o tira vento si stacchino montagne di foglie che ostruiscono i tombini fognari” sottolineano da via Leonardo da Vinci concludendo con una espressione quanto mai eloquente: “Anneghiamo nel buio”.

 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Roma, arrestati 3 funzionari corrotti uffici Dogana a Fiumicino

Roma, arrestati 3 funzionari corrotti uffici Dogana a Fiumicino

Fiumicino (askanews) - Apponevano in modo illegale il timbro doganale, autorizzando alcuni cittadini cinesi al rimborso Iva su fatture relative a merce, per lo più capi di abbigliamento, scarpe e borse griffati, acquistata in Italia e fittiziamente destinata all'esportazione in Cina. Con le accuse, a vario titolo, di falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici, tentata ...

 
Pensioni, Gentiloni ai sindacati: sostenete le misure del governo

Pensioni, Gentiloni ai sindacati: sostenete le misure del governo

Roma (askanews) - Uno sforzo significativo di condivisione sulle pensioni; è quello che ha chiesto il premier Paolo Gentiloni aprendo il tavolo con i leader di Cgil, Cisl e Uil a Palazzo Chigi. Gentiloni ha messo sul tavolo anche altre due proposte "di un certo peso": l'estensione delle esenzioni delle categorie definite gravose anche alle pensioni di anzianità (e non solo alle pensioni di ...

 
Cristina D'Avena n. 1 in classifica: "Le mie sigle sono magiche"

Cristina D'Avena n. 1 in classifica: "Le mie sigle sono magiche"

Milano (askanews) - Cristina D'Avena canta gli storici brani dei cartoni animati più famosi con 16 big della musica italiana in "Duets - tutti cantano Cristina". La cantante duetta sulle canzoni conosciute e amate da tante generazioni, dai bambini agli adulti: tra gli altri J-Ax ha reinterpretato "Pollon", Alessio Bernabei canta "All'arrembaggio!", Michele Bravi "I Puffi sanno", Chiara "Sailor ...

 
Motori, i carabinieri si addestrano sul circuito del Mugello

Motori, i carabinieri si addestrano sul circuito del Mugello

Firenze (askanews) - L'Autodromo del Mugello, alle porte di Firenze, in Toscana, è stato teatro di un corso di guida sicura organizzato dall'Arma dei Carabinieri. Non si è trattatto di una lezione di guida sportiva in pista, quanto piuttosto di una serie di prove per rendere gli autisti consapevoli dei limiti delle vetture nonché dei limiti psicofisici individuali e di quelli che si creano in ...

 
Giole Dix e le nevrosi ipocondriache di Moliere

Perugia

Gioele Dix e le nevrosi ipocondriache di Moliere

Il capolavoro di Moliere Il malato immaginario, con la raffinata regia di Andrèe Ruth Shammah, sarà al teatro Morlacchi di Perugia, da martedì 21 a giovedì al 23 novembre. ...

17.11.2017

"Sold out" per il Nobel alla sala dei Notari

Perugia

"Sold out" per il Nobel alla sala dei Notari

Grande folla ieri, venerdì 17 novembre, per la lectio magistralis del Premio Nobel per la Fisica, Barry Barish. Nel progetto del Post (Perugia officina della scienza e della ...

17.11.2017

"Io ho scoperto Monica Bellucci"

La storia

"Io ho scoperto Monica Bellucci"

“La conobbi mentre faceva l’autostop e la convinsi a diventare la mia modella". La modella in questione è Monica Bellucci e a raccontare la storia è Piero Montanucci, celebre ...

17.11.2017