Sir Conad, Russel salta la Champions

Berger abbraccia Russel

Volley SuperLega

Sir, la favola di Russel. Dall'infortunio a mvp di Supercoppa

13.10.2017 - 13:42

0

Che strano il destino.
Quello che, complice un infortunio in allenamento, ti impedisce di scendere in campo nel momento topico di una stagione.

Lo stesso che, qualche mese più tardi, ti permette di prenderti la rivincita, di tornare protagonista tanto da risultare l’uomo decisivo per il primo e quindi storico successo della tua squadra.

Sembra una storia da film a lieto fine, quella che piace tanto agli americani. Una favola in stile Walt Disney, insomma.

E’, più semplicemente, la parabola di vita e di carriera che tra fine marzo ed i primi di ottobre ha visto protagonista un giocatore che più americano non si può, Aaron Russell da Baltimora, autore contro Civitanova di tre ace consecutivi nel quarto set che hanno girato la finale sublimata dal punto decisivo che ha chiuso ogni discorso.

L’Mvp della Supercoppa, a qualche giorno di distanza da una Final Four che resterà per sempre nei cuori di tutto il mondo Sir, si racconta, tornando indietro con la mente non solo al recente successo personale e di squadra ma anche a quanto accaduto nel periodo successivo a quel maledetto infortunio occorso ad inizio primavera.

La miglior partita della mia carriera Parla in italiano, “Spider”, un ulteriore dimostrazione, come spiegherà lui stesso, di quanto si senta sempre più “a casa” a Perugia. “Il rientro in campo è stato bellissimo. Sono molto felice e fortunato di giocare in una squadra così forte. Prima della Supercoppa mi sentivo pronto, concentrato, sapevo di essere in grado di poter dare una mano ai ragazzi e così è stato”. Quando gli chiediamo se nella finale contro Civitanova abbia giocato la miglior partita della sua carriera, l’ex Penn State University risponde con l’umiltà che gli è propria: “Direi di sì, è stato tutto fantastico, perfetto. Ma voglio anche dire che sono riuscito ad esprimermi bene anche grazie al fondamentale contributo dei miei compagni che hanno fatto due grandi partite. Rispetto allo scorso anno siamo più forti. Siamo migliorati molto grazie ad acquisti importanti come quelli di Colaci, di Anzani, di Ricci”.

Più forte di prima Se il presente ed il futuro più prossimo appaiono rosei, il recente passato è stato sì contraddistinto da un matrimonio da favola con la storica fidanzata, Kendall Pierce ma, sportivamente parlando, è stato anche caratterizzato da momenti bui per via di un k.o. che ha impedito a Russell di giocare le fasi decisive dei playoff e le Final Four di Champions League di Roma: “Durante l’infortunio - sottolinea lo schiacciatore classe ’93 - ho percepito molta vicinanza, affetto e supporto da parte di tutti. Mi sono sentito molto “vicino” ai tifosi e alla società. Ho avuto il tempo per fare pesi e guardare molti video che mi hanno permesso di capire dove devo migliorare. Stare fermi non è mai facile, sono stato fuori a lungo ma adesso mi sento più forte di prima anche grazie alle cure di uno staff medico come il nostro che è molto preparato. Non vedevo l’ora di tornare in campo, avevo molta fame”.

Primo passo verso lo Scudetto Ne servirà molta, di fame, per fare in modo che la stagione della sua Sir possa essere ancora più ricca di soddisfazioni. Russell si mostra ottimista, sottolineando come Perugia abbia tutte le carte in regola per vivere un anno da protagonista: “Ci aspetta un’annata lunga e difficile. Il campionato italiano è molto complicato - spiega -. Civitanova, Trento e Modena sono grandi avversari ma dovremo competere contro tante squadre forti. Ripeto, grazie ai nuovi giocatori che sono arrivati in estate, la nostra squadra è ancora più competitiva ma dobbiamo cercare sempre di migliorare, di dare tutto sia in allenamento che durante le partite. Non vediamo l’ora di esordire in casa contro Padova dopo quanto di buono abbiamo fatto in Supercoppa. Ci aspetta una partita difficile ma dobbiamo partire con il piede giusto. Domenica sarà il primo passo per provare a vincere lo Scudetto”.

E allora sì che, con il tricolore sul petto, la storia che vede protagonista Aaron Russell sarebbe ancora di più a lieto fine. In pieno stile americano.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Elena Mirò, dall'atelier creativo la donna contemporanea di Vanessa Incontrada

Elena Mirò, dall'atelier creativo la donna contemporanea di Vanessa Incontrada

'L'atelier', cantiere della creatività per la donna contemporanea, e la nuova collezione Spring/Summer 2018. A presentarli, con Vanessa Incontrada, è Elena Mirò, brand di Miroglio Fashion, con una sfilata nel flagship Store di Piazza della Scala a Milano. La partnership creativa tra Vanessa Incontrada ed Elena Mirò si consolida. "Tutta l'energia che ho assorbito è stata tradotta in idee di ...

 
"Get shorty", arriva su Timvision la serie tv acclamata negli Usa

"Get shorty", arriva su Timvision la serie tv acclamata negli Usa

Roma, (askanews) - Dal libro bestseller di Elmore Leonard, "Get shorty", nel 1995 era stato tratto il celebre film con John Travolta, ma oggi un enorme successo ha riscosso negli Stati Uniti l'omonima serie, che arriva in prima visione assoluta per l'Italia dal 22 febbraio su Timvision. La dark comedy per la tv "Get shorty", di cui vediamo una clip in esclusiva, è diretta da Davey Holmes, già ...

 
Siria, orrore a Ghouta: regime uccide 200 civili, 60 sono bambini

Siria, orrore a Ghouta: regime uccide 200 civili, 60 sono bambini

Damasco, (askanews) - Un massacro con quasi 200 morti fra i civili, di cui 60 bambini. È il bilancio di tre giorni di bombardamenti incessanti sulla roccaforte ribelle della Ghouta, a Est di Damasco, da parte del regime siriano di Bashar al-Assad. Secondo l'Osservatorio siriano per i diritti umani, con sede in Gran Bretagna, l'attacco ha provocato 17 morti domenica 18, 127 morti lunedì 19 e 50 ...

 
Perché la regina di Danimarca sorride ai funerali del marito?

Perché la regina di Danimarca sorride ai funerali del marito?

Copenaghen, (askanews) - Circa 60 ospiti si sono stretti attorno alla famiglia reale danese per salutare il principe consorte Henrik, marito della regina Margherita II di Danimarca. Nelle immagini si vede la regina, 77 anni, che scende dall'auto vestita a lutto ma in più di un'occasione la si vede sorridente e quasi allegra. Presenti al funerale i figli della coppia, il principe ereditario ...

 
Scelti gli studenti più belli

Miss e mister 2018

Scelti gli studenti più belli

Un successo lo School Day gran finale 2018. Oltre 2000 le presenze: il pubblico degli istituti delle scuole superiori di Perugia e provincia in occasione del carnevale delle ...

19.02.2018

Con Montesano al Lyrick trionfa la romanità

L'intervista

Con Montesano al Lyrick trionfa la romanità

C’è Enrico Montesano sabato 17 e domenica 18 febbraio al teatro Lyrick di Assisi nell'anteprima nazionale del “Conte Tacchia”, commedia in musica, rivisitazione del film del ...

17.02.2018

Arriva Sfera Ebbasta

L'appuntamento

Arriva Sfera Ebbasta

Il Centro Commerciale Collestrada è pronto per un evento d'eccezione: domenica 18 febbraio alle 17 salirà sul palco Sfera Ebbasta, in tour per promuovere "ROCKSTAR" il nuovo ...

17.02.2018