Sandreani compie 33 anni: undici anni e 322 presenze in rossoblù

Sandreani compie 33 anni: undici anni e 322 presenze in rossoblù

Venti ottobre 1979, 20 ottobre 2012: Alessandro Sandreani compie 33 anni. E per festeggiarli il capitano del Gubbio ha scelto un modo simpatico, una serata etichettata, visti i 33 anni, goliardicamente come… “Ultima cena” nel suo locale di Cantiano    

19.10.2012 - 18:50

0

Venti ottobre 1979, 20 ottobre 2012: Alessandro Sandreani compie 33 anni. E per festeggiarli il capitano del Gubbio ha scelto un modo simpatico, una serata etichettata, visti i 33 anni, goliardicamente come… “Ultima cena” nel suo locale di Cantiano.  Nient’altro che un modo per stare insieme ai suoi compagni di mille battaglie, ai suoi amici per condividere un momento di festa, prima di rituffarsi da martedì in clima campionato in vista dell’impegno di Prato. L’occasione è propizia per ripercorrere il lungo cammino con la maglia del Gubbio, quella che lui ha sempre definito “una seconda pelle”. In tutto, per Sandreani, tra serie C2 e serie B ben 322 presenze timbrate da 17 gol. Più gioie che delusioni. Altri numeri: tre play off, tutti in C2. Uno perso in finale nel 2002-03 contro il Rimini nell’anno dei duelli con la Florentia Viola. Un altro, l’anno successivo. Lo stop arrivò in semifinale con la Sangiovannese. Nel primo caso era il Gubbio griffato da Alessandrini. Quel tecnico che Sandreani ricorda sempre con piacere… “Non dimentico che è stato lui a farmi debuttare tra i professionisti. Arrivavo dalla Cagliese in serie D e non ebbe esitazioni nel farmi giocare…”, è solito dire a chi gli chiede quale allenatore ha lasciato un segno nella sua carriera. Nel secondo caso era il Gubbio di Galderisi che rilevò in corsa Cannito. Il terzo play off è coinciso con l’epilogo trionfale di San Marino che Sandreani ricorda come l’emozione più grande, forse superiore anche al successo in C1 e al debutto in serie B. Era il Gubbio di Torrente, l’altro allenatore di cui Sandreani conserva un ricordo indelebile… “È quello che mi ha ritagliato il ruolo più adatto alle mie caratteristiche, ha capito dove potessi dare il meglio”, ripete quando di parla dei mister avuti in carriera. In mezzo annate non semplici, tante richieste da squadre di categoria superiore, l’amore per i tifosi e per la città che lo ha adottato. E anche sui tifosi, la frase ricorrente è… “Se sono rimasto a Gubbio è per loro, per il calore che mi hanno trasmesso”. Nel 2010-2011 il trionfale cammino fino alla conquista della serie B. Una categoria che a Gubbio mancava da 64 anni, purtroppo non gustata fino in fondo per le tante e note vicissitudini del campionato scorso. Ma il capitano è ripartito. Con Boisfer, Briganti, Bartolucci sta rispondendo ancora presente. Il Gubbio per ora c’è. Il futuro? Lavorare con i giovani è il suo sogno. Avverrà già l’anno prossimo? Non è da escludere. Ma prima, dice lui a chi gli chiede quali intenzioni abbia… “C’è un campionato tutto da vivere”.   

Guido Giovagnoli

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Governo, Mattarella riparte da un'(auspicabile) intesa M5s-Pd

Governo, Mattarella riparte da un'(auspicabile) intesa M5s-Pd

Roma (askanews) - "Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto il presidente della Camera dei deputati, Roberto Fico e gli ha affidato il compito di verificare la possibilità di una intesa di maggioranza parlamentare tra M5s e Pd per costituire il governo". Meno di trentasei ore per rendere possibile quello che fino ad oggi sembrava impossibile: un governo di larghe intese ...

 
Rupert Everett: Wilde perseguitato, "succede ancora oggi"

Rupert Everett: Wilde perseguitato, "succede ancora oggi"

Roma, 23 apr. (askanews) - "The Happy Prince", il principe felice: prende il nome dalla favola di Oscar Wilde il film che Rupert Everett ha dedicato al grande scrittore irlandese, alla sua vita rutilante nella società londinese di fine Ottocento e al suo crollo quando la sua omosessualità divenne di pubblico dominio. Oscar Wilde è un ruolo che Everett ha ricoperto anche in teatro. Dal festival di ...

 
Rupert Everett nel "Nome della Rosa": "A Eco piacerebbe"

Rupert Everett nel "Nome della Rosa": "A Eco piacerebbe"

Sorrento, (askanews) - Intervistato al Festival di Sorrento, Rupert Everett racconta del suo impegno in un progetto caro al cuore dell'Italia, una serie tv Fox tratta dal "Nome della Rosa" di Umberto Eco, girata a Perugia: Guglielmo sarà John Turturro. E Umberto Eco, dice, Everett, sarebbe contento. "Penso che sarebbe contento: rispetto al film che doveva riassumere così tanti temi del libro, noi ...

 
Don Matteo, la 12esima serie si farà

Spoleto

Don Matteo, la 12esima serie si farà

La notizia è arrivata all'indomani del bagno di folla di giovedì 19 aprile al Teatro Nuovo "Menotti" di Spoleto (leggi qui): la 12esima serie di don Matteo si farà. E sarà ...

20.04.2018

Don Matteo, in mille per il gran finale

Spoleto

Don Matteo, in mille per il gran finale

Oltre 1000 persone si sono trovate dal pomeriggio di giovedì 19 aprile al Teatro Nuovo di Spoleto per l'evento conclusivo dell'11esima stagione della serie di Don Matteo. ...

19.04.2018

Fresu e Sollima, Sicilia e Sardegna in musica

L'intervista

Fresu e Sollima, Sicilia e Sardegna in musica

Paolo Fresu e Giovanni Sollima, sardo il primo, siciliano l’altro. Due musicisti eclettici e virtuosi che su sollecitazione dell’Orchestra da camera di Perugia hanno ...

18.04.2018