Sandreani compie 33 anni: undici anni e 322 presenze in rossoblù

Sandreani compie 33 anni: undici anni e 322 presenze in rossoblù

Venti ottobre 1979, 20 ottobre 2012: Alessandro Sandreani compie 33 anni. E per festeggiarli il capitano del Gubbio ha scelto un modo simpatico, una serata etichettata, visti i 33 anni, goliardicamente come… “Ultima cena” nel suo locale di Cantiano    

19.10.2012 - 18:50

0

Venti ottobre 1979, 20 ottobre 2012: Alessandro Sandreani compie 33 anni. E per festeggiarli il capitano del Gubbio ha scelto un modo simpatico, una serata etichettata, visti i 33 anni, goliardicamente come… “Ultima cena” nel suo locale di Cantiano.  Nient’altro che un modo per stare insieme ai suoi compagni di mille battaglie, ai suoi amici per condividere un momento di festa, prima di rituffarsi da martedì in clima campionato in vista dell’impegno di Prato. L’occasione è propizia per ripercorrere il lungo cammino con la maglia del Gubbio, quella che lui ha sempre definito “una seconda pelle”. In tutto, per Sandreani, tra serie C2 e serie B ben 322 presenze timbrate da 17 gol. Più gioie che delusioni. Altri numeri: tre play off, tutti in C2. Uno perso in finale nel 2002-03 contro il Rimini nell’anno dei duelli con la Florentia Viola. Un altro, l’anno successivo. Lo stop arrivò in semifinale con la Sangiovannese. Nel primo caso era il Gubbio griffato da Alessandrini. Quel tecnico che Sandreani ricorda sempre con piacere… “Non dimentico che è stato lui a farmi debuttare tra i professionisti. Arrivavo dalla Cagliese in serie D e non ebbe esitazioni nel farmi giocare…”, è solito dire a chi gli chiede quale allenatore ha lasciato un segno nella sua carriera. Nel secondo caso era il Gubbio di Galderisi che rilevò in corsa Cannito. Il terzo play off è coinciso con l’epilogo trionfale di San Marino che Sandreani ricorda come l’emozione più grande, forse superiore anche al successo in C1 e al debutto in serie B. Era il Gubbio di Torrente, l’altro allenatore di cui Sandreani conserva un ricordo indelebile… “È quello che mi ha ritagliato il ruolo più adatto alle mie caratteristiche, ha capito dove potessi dare il meglio”, ripete quando di parla dei mister avuti in carriera. In mezzo annate non semplici, tante richieste da squadre di categoria superiore, l’amore per i tifosi e per la città che lo ha adottato. E anche sui tifosi, la frase ricorrente è… “Se sono rimasto a Gubbio è per loro, per il calore che mi hanno trasmesso”. Nel 2010-2011 il trionfale cammino fino alla conquista della serie B. Una categoria che a Gubbio mancava da 64 anni, purtroppo non gustata fino in fondo per le tante e note vicissitudini del campionato scorso. Ma il capitano è ripartito. Con Boisfer, Briganti, Bartolucci sta rispondendo ancora presente. Il Gubbio per ora c’è. Il futuro? Lavorare con i giovani è il suo sogno. Avverrà già l’anno prossimo? Non è da escludere. Ma prima, dice lui a chi gli chiede quali intenzioni abbia… “C’è un campionato tutto da vivere”.   

Guido Giovagnoli

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Economia

Coripet, obiettivo raccolta bottiglie in pet del 90% nel medio termine

Con la definizione delle cariche sociali di Coripet prende pienamente il via l’attività del consorzio formato da cinque aziende produttrici di acque minerali e bevande analcoliche (Acque Minerali d’Italia, Ferrarelle, Lete, Gruppo Sanpellegrino e Drink Cup, che insieme rappresentano circa il 35% del mercato a valore delle acque minerali in Italia) e tre aziende di riciclo di Pet (Aliplast, Dentis ...

 
Quelli dei Massive Attack

Umbria Jazz 2018

Quelli dei Massive Attack

La lunga notte dei Massive Attack all'Arena Santa Giuliana per Umbria Jazz fra tanta musica, effetti speciali e un'abbondante pioggia che non ha fermato entusiasmo e note ... ...

17.07.2018

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

Umbria Jazz

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

L'acquazzone che si è abbattuto per qualche minuto sull'arena Santa Giuliana di Perugia non ha scoraggiato assolutamente il popolo di Umbria Jazz e l'attesissimo concerto ...

17.07.2018

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Il festival

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Poco dopo le 22 la luna si oscura e nubi nere scatenano un acquazzone sul popolo dei Massive Attack, all'arena Santa Giuliana. Hanno partecipato in tanti, sia sulle gradinate ...

16.07.2018