Si stringe il cerchio intorno al piromane che ha incendiato la montagna di Poreta

La Forestale sta esaminando alcuni reperti trovati in una buca in mezzo al bosco

23.08.2012 - 12:22

0

Si fatica ancora a domare l'incendio che ormai da quattro giorni sta devastando il monte di Poreta. Ieri mattina le fiamme sono tornate a prendere vigore sia sul versante di Bazzano e Silvignano, martoriato da domenica pomeriggio, che su quello di Poreta e La Piaggia, finora scampato al disastro. Qui, in particolare, cinque focolai hanno impegnato per tutta la giornata imezzi aerei, un elicottero della Forestale e un bipala dell' Esercito, assenti, invece, i Canadair a lavoro su altri fronti. A complicare le operazioni di spegnimento è stato ancora una volta il sottobosco capace di nascondere, sotto la spessa coltre di vegetazione, piccoli focolai destinati a fare scattare l'allerta massima alla prima folata di scirocco. Per questo le squadre al lavoro hanno tentato per tutto il pomeriggio di ieri di aprire un varco nel bosco assicurando un percorso praticabile ai mezzi dei vigili del fuoco e della Forestale che, da terra, hanno, se non altro parzialmente, potuto affiancare il lavoro degli elicotteri. Uno sforzo impagabile quello degli uomini che ormai da quattro giorni lottano contro le fiamme cercando, contestualmente, di proteggere abitazioni, fabbricati rurali e uliveti. Nel frattempo, con il passare delle ore e la messa in sicurezza di alcune aree ormai devastate dalle fiamme, gli uomini del Niab, il nucleo investigativo antincendi boschivi della Forestale, hanno potuto eseguire una serie di sopralluoghi ai piedi del monte, zona in cui ha avuto origine il rogo. Qui il personale specializzato avrebbe individuato una buca di origine naturale all'interno della quale sarebbero stati trovai gli inneschi con cui è stato appiccato l'incendio. Che dietro l'inferno di Poreta ci sia la mano di qualche piromane, insomma, sembrano esserci pochi dubbi, tanto che dal quartiere generale della Forestale fanno sapere di essere in attesa di "riscontri determinanti". Non è escluso, quindi, che l'uomochehacausato l'enorme danno ambientale abbia lasciato dietro di sé tracce evidenti che potrebbero aiutare gli inquirenti nell'identificazione. Sul caso, naturalmente, la procura della Repubblica di Spoleto ha aperto un fascicolo d'inchiesta, titolare delle indagini, stando a quanto riferito da fonti autorevoli della Forestale, sarebbe il procuratore capo Gianfranco Riggio. La svolta, dunque, è attesa per le prossime ore quando, questo il punto, nelle mani degli investigatori arriveranno i risultati delle analisi di laboratorio a cui sono stati sottoposti i vari reperti trovati sul luogo. Nel frattempo una nuova e impietosa stima riferirebbe di oltre 100 ettari di bosco andati in fumo. Da segnalare anche la chiusura al traffico della strada che collega la Flaminia a Poreta.

Chiara Fabrizi


Vedi anche: Ha ripreso con forza l'incendio a Poreta, nello Spoletino

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Gli indigeni dell'Amazzonia "felici" per la visita del Papa

Gli indigeni dell'Amazzonia "felici" per la visita del Papa

Puerto Maldonado (Perù), (askanews) - È stato il primo pontefice a visitare l'Amazzonia, dove ha invitato i giovani a rifiutare un "malinteso progresso" che coincide con lo sfruttamento ambientale della regione, senza rassegnarsi né rinunciare alle eredità dei propri avi. E la visita di Papa Francesco a Puerto Maldonado, in Perù, durante il suo viaggio in Sudamerica, è stata davvero motivo di ...

 
In arrivo due nuove eroine Disney: Sara e Marti #LaNostraStoria

In arrivo due nuove eroine Disney: Sara e Marti #LaNostraStoria

Milano (askanews) - Da Londra a Bevagna, è questa la sfida che devono affrontare Sara e Marti protagoniste de #LaNostraStoria, la nuova serie TV tutta italiana prodotta da Stand By Me in collaborazione con The Walt Disney Company Italia interamente girata nel borgo medievale nel cuore dell'Umbria. Le due sorelle interpretate dalle giovani e talentuose Aurora Moroni e Chiara Del Francia si ...

 
Altro

Classe G, il mito Merceds si rifà il look

Arriva la nuova Mercedes Classe G svelata al Salone di Detroit. Il mitico fuoristrada tedesco, uno dei suoi modelli simbolo, nato nel 1979 e continuamente evoluto. Ogni singolo componente del nuovo progetto è stato aggiornato, portando la vettura al top per tecnologia, prestazioni, confort, sicurezza e connettività. In Germania la Classe G sarà offerta con prezzi a partire da circa 107.000 euro. ...

 
Altro

Il super Airbus pronto al decollo

Ecco il BelugaXL, il nuovo gigante dei cieli. Il velivolo, prodotto dal colosso europeo Airbus, prende il nome dall’omonimo cetaceo dell’artico ed è uno degli aerei cargo più voluminosi al mondo. La prima cellula strutturalmente completa del nuovo aereo, infatti, ha effettuato la parte conclusiva di collaudo da un hangar di assemblaggio a Tolosa. Secondo le previsioni dei progettisti spiccherà il ...

 
Gli U2 a Barcellona bono

Gli U2 a Barcellona

MUSICA

U2, fissata la tappa italiana. Quando e dove comprare i biglietti

Gli U2 tornano in Europa: l’appuntamento con i fan italiani è fissato per l’11 e 12 ottobre 2018 al Mediolanum Forum di Assago (Milano). L’eXPERIENCE + iNNOCENCE Tour, dopo ...

16.01.2018

Morta Dolores OʼRiordan, frontwoman dei Cranberries

Lutto nel mondo della musica

Morta Dolores OʼRiordan, frontwoman dei Cranberries

La frontwoman dei The Cranberries, Dolores O'Riordan, è morta all'età di 46 anni. La cantante era a Londra per una breve sessione di registrazione. Nel 2017 il gruppo aveva ...

15.01.2018

DiCaprio nel nuovo film di Tarantino su Charles Manson

Cinema

DiCaprio nel nuovo film di Tarantino su Charles Manson

Leonardo DiCaprio e Quentin Tarantino di nuovo insieme. La star di Hollywood sarà nel cast del nuovo film del regista dopo aver collaborato nel 2012 per Django Unchained. Sul ...

13.01.2018