Via Saffi ancora chiusa e traffico caotico. Scoppia la rabbia degli spoletini

Gli esercenti di piazza del Mercato alle prese con disagi e privi di interlocutori istituzionali: scatta un'altra petizione

03.08.2012 - 11:59

0

"Via Saffi sarà riaperta o siamo stati condannati al caos dei semafori?". È pronta a esplodere ancora una volta la rabbia dei commercianti della parte alta della città,da mesi alla prese con una viabilità di fortuna che, nonostante la fine dei lavori di via Saffi, continua a reggersi sui sensi alternati di via Arco di Druso e via Brignone. Ma i semafori del centro storico di disagi, si sa, ne creano diversi, specie da quando anche la transenna di piazza della Libertà, con cui fino a qualche settimana fa si è vietato h24 l'accesso alla zona tamponando il traffico, è sparita.
"Assistiamo ogni giorno a macchine che rimangono incastrate perché si azzardano a passare con il giallo - spiegano alcuni esercenti - motorini che svoltano con il rosso come se niente fosse, furgonati che costringono famiglie di turisti a camminare in fila indiana schiacciati contro i palazzi e non è raro essere colpiti in pieno dagli specchietti delle auto". Un'immagine, neanche a dirlo, distante anni luce dal centro ordinato e a misura di uomo di cui si è tanto parlato, un miraggio l'ipotesi di un'isola pedonale in piazza del Mercato. Ma non è solo la piega piuttosto anarcoide che il traffico della parte alta della città va assumendo giorno dopo giorno a esasperare gli animi dei commercianti.
"È un mese - si sfogano - che cerchiamo di capire quando via Saffi sarà riaperta, quando partirà il cantiere per la ripavimentazione di via dei Duchi, se ci sarà qualche modifica alla Ztl, ma manca un referente, nessuno ci dà risposte e pure i vigili urbani preferiscono non farsi vedere piuttosto che combattere con questo caos". La rabbia, insomma, monta da settimane tanto che, all'ombra del silenzio degli amministratori, i commercianti sono tornati a preparare l'ennesima petizione. "É pronta da un pezzo - spiegano tutti insieme - ma non l'abbiamo mai consegnata sperando di riuscire ad avere un dialogo, evitando di presentarsi dal sindaco con trenta o quaranta firme per chiedere la riapertura di via Saffi, ma arrivati a questo punto la consegneremo, magari qualcosa si muove". Sulla scrivania del sindaco Daniele Benedetti, insomma, arriveranno formalmente le richieste degli esercenti determinati a non vedere tramontare la stagione estiva tra colpi di clacson e motori accesi davanti a semafori. Anche perché di turisti in giro ce ne sono diversi e permettere al traffico di rovinare una delle più belle cartoline della città fa storcere il naso un po' a tutti. Un'altra grana insomma, dopo che le bordate degli ultimi giorni lanciate dalle associazioni di categoria e dal commercio all'indirizzo del Comune.

Chiara Fabrizi

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

26 anni dopo via D'Amelio, Palermo ricorda Borsellino

26 anni dopo via D'Amelio, Palermo ricorda Borsellino

Palermo (askanews) - Ventisei anni dopo Palermo si è ritrovata ancora una volta in via D'Amelio per ricordare il giudice Paolo Borsellino e gli agenti della sua scorta: Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. Sul palco allestito davanti all'albero che ricorda la strage di Via D'Amelio del 19 luglio 1992, sono saliti in tanti per testimoniare il ...

 
Tabacco in Umbria, tradizione, innovazione e tutela della salute

Tabacco in Umbria, tradizione, innovazione e tutela della salute

Perugia, (askanews) - Riduzione del danno e sostenibilità economico-sociale della filiera tabacchicola. Su queste due direttrici si muove l'azione congiunta di Philip Morris Italia e Coldiretti illustrata nella tavola rotonda "Il tabacco in Umbria - tra innovazione, tradizione e tutela della salute" svoltasi a Perugia e che ha messo attorno allo stesso tavolo istituzioni, mondo medico-scientifico ...

 
Ilaria Bonacossa presenta Artissima 2018: il Tempo contemporaneo

Ilaria Bonacossa presenta Artissima 2018: il Tempo contemporaneo

Milano (askanews) - Ilaria Bonacossa, per il secondo anno alla direzione di Artissima, la fiera d'arte contemporanea di Torino che per il 2018 andrà in scena all'Oval (e non solo) dal 2 al 4 novembre, ha presentato ad askanews la nuova edizione della kermesse. Alcuni numeri: 189 gallerie, il 60% delle quali internazionali. Confermata la sezione, inaugurata nel 2017, dedicata ai disegni, e inoltre ...

 
Quelli dei Massive Attack

Umbria Jazz 2018

Quelli dei Massive Attack

La lunga notte dei Massive Attack all'Arena Santa Giuliana per Umbria Jazz fra tanta musica, effetti speciali e un'abbondante pioggia che non ha fermato entusiasmo e note ... ...

17.07.2018

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

Umbria Jazz

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

L'acquazzone che si è abbattuto per qualche minuto sull'arena Santa Giuliana di Perugia non ha scoraggiato assolutamente il popolo di Umbria Jazz e l'attesissimo concerto ...

17.07.2018

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Il festival

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Poco dopo le 22 la luna si oscura e nubi nere scatenano un acquazzone sul popolo dei Massive Attack, all'arena Santa Giuliana. Hanno partecipato in tanti, sia sulle gradinate ...

16.07.2018