"Il giudice non deve esprimersi sulla scelta della donna di abortire"

"Il giudice non deve esprimersi sulla scelta della donna di abortire"

La Corte Costituzionale ha depositato le motivazioni sulla questione di illegittimità della legge 194. La vicenda sollevata dal tribunale di Spoleto

03.02.2013 - 16:13

0

Il giudice tutelare del tribunale di Spoleto che aveva sollevato questione di costituzionalità nell'ambito di una vicenda che coinvolge una minore intenzionata a interrompere la gravidanza senza informare i genitori, non era "chiamato a decidere, o a codecidere, sull'interruzione della gravidanza", che spetta solo "alla responsabilità della donna". Con queste motivazioni, depositate ieri, la Corte costituzionale ha dichiarato lo scorso 20 giugno manifestamente inammissibile la questione di legittimità costituzionale dell'articolo 4 della legge 194 sull'aborto, sottolineando che la legge assegna al giudice il ruolo di "verifica in ordine all'esistenza delle condizioni nelle quali la decisione della minore possa essere presa in piena libertà morale". L'articolo 4 rappresenta il nocciolo della legge: qui si stabilisce, infatti, che per l'interruzione volontaria della gravidanza entro i primi novanta giorni, "la donna che accusi circostanze per le quali la prosecuzione della gravidanza, il parto o la maternità comporterebbero un serio pericolo per la sua salute fisica o psichica, in relazione o al suo stato di salute, o alle sue condizioni economiche, o sociali o familiari, o alle circostanze in cui è avvenuto il concepimento,o a previsioni di anomalie o malformazioni del concepito" può "rivolgersi a un consultorio". Secondo la Consulta il giudice non è chiamato ad esprimersi sulle scelte della donna. Il magistrato può intervenire "nella sola generica sfera della capacità (o incapacità) del soggetto". Anche nell'ordinanza 126 del 2012, prosegue la Consulta, si é affermato che "sia attribuito a tale giudice, in tutti i casi in cui l'assenso dei genitori o degli esercenti la tutela non sia o non possa essere espressa, il compito di 'autorizzare a decidere', un compito che non può configurarsi come potestà co-decisionale, la decisione essendo rimessa soltanto alla responsabilità della donna". Dunque, "il provvedimento del giudice tutelare risponde ad una funzione di verifica in ordine all'esistenza delle condizioni nelle quali la decisione della minore possa essere presa in piena liberta morale".

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

26 anni dopo via D'Amelio, Palermo ricorda Borsellino

26 anni dopo via D'Amelio, Palermo ricorda Borsellino

Palermo (askanews) - Ventisei anni dopo Palermo si è ritrovata ancora una volta in via D'Amelio per ricordare il giudice Paolo Borsellino e gli agenti della sua scorta: Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. Sul palco allestito davanti all'albero che ricorda la strage di Via D'Amelio del 19 luglio 1992, sono saliti in tanti per testimoniare il ...

 
Tabacco in Umbria, tradizione, innovazione e tutela della salute

Tabacco in Umbria, tradizione, innovazione e tutela della salute

Perugia, (askanews) - Riduzione del danno e sostenibilità economico-sociale della filiera tabacchicola. Su queste due direttrici si muove l'azione congiunta di Philip Morris Italia e Coldiretti illustrata nella tavola rotonda "Il tabacco in Umbria - tra innovazione, tradizione e tutela della salute" svoltasi a Perugia e che ha messo attorno allo stesso tavolo istituzioni, mondo medico-scientifico ...

 
Ilaria Bonacossa presenta Artissima 2018: il Tempo contemporaneo

Ilaria Bonacossa presenta Artissima 2018: il Tempo contemporaneo

Milano (askanews) - Ilaria Bonacossa, per il secondo anno alla direzione di Artissima, la fiera d'arte contemporanea di Torino che per il 2018 andrà in scena all'Oval (e non solo) dal 2 al 4 novembre, ha presentato ad askanews la nuova edizione della kermesse. Alcuni numeri: 189 gallerie, il 60% delle quali internazionali. Confermata la sezione, inaugurata nel 2017, dedicata ai disegni, e inoltre ...

 
Quelli dei Massive Attack

Umbria Jazz 2018

Quelli dei Massive Attack

La lunga notte dei Massive Attack all'Arena Santa Giuliana per Umbria Jazz fra tanta musica, effetti speciali e un'abbondante pioggia che non ha fermato entusiasmo e note ... ...

17.07.2018

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

Umbria Jazz

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

L'acquazzone che si è abbattuto per qualche minuto sull'arena Santa Giuliana di Perugia non ha scoraggiato assolutamente il popolo di Umbria Jazz e l'attesissimo concerto ...

17.07.2018

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Il festival

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Poco dopo le 22 la luna si oscura e nubi nere scatenano un acquazzone sul popolo dei Massive Attack, all'arena Santa Giuliana. Hanno partecipato in tanti, sia sulle gradinate ...

16.07.2018