Il paese in subbuglio per una frase del parroco in processione

Don Fabrizio rassicura: "nessun anatema su chi non ha partecipato alla commemorazione di Santa Marina. Voleva solo ricordare ai parrocchiani che "vivere lontano da Dio è molto  rischioso" 

19.07.2012 - 17:45

0

"Se Dio gli dà il tempo e non li chiama prima a sé, si confessassero". Una frase questa che ha suscitato  sconcerto l'altro ieri tra la comunità di Castel Ritaldi.  Soprattutto perché è stata pronunciata dal parroco  del paese, don Fabrizio Maniezzo. Il quale, però, pur  confermando di aver detto esattamente quelle parole  subito dopo la processione che ogni anno celebra Santa  Marina, patrona del piccolo Comune alle porte di  Spoleto, rassicura l'intera comunità che non è stato  una sorta di "anatema" su chi non ha partecipato alla  commemorazione della Santa, così come è stata in  realtà interpretata dalle persone che hanno partecipato  all'evento religioso,ma un modo per dire a chi non  c'era, e non solo, che "vivere lontano da Dio è molto  rischioso, sai come vivi ma non sai come muori - sono  state le sue parole nel momento in cui è stato interpellato  per spiegare il perché di quella affermazione - dal  punto di vista cristiano è pericoloso. Così come se  sprechiamo il tempo per cose superflue. Non era certo  mia intenzione augurare la morte a nessuno, il mio  rammarico è solo che molte persone non hanno partecipato,  e per questo devono pentirsi dei loro peccati.  Inoltre, tanta gente dice grandi cose su Santa Marina  e poi, anche in occasione dell'ultima processione, c'era  un chiacchiericcio pazzesco - ha concluso - conservare  le apparenze è inutile". Certo è che, comunque, ieri  a Castel Ritaldi non si parlava che di quelle parole  pronunciate da don Fabrizio che hanno lasciato di  stucco molti dei fedeli presenti alla processione dedicata  a Santa Marina. Sindaco Andrea Reali compreso.  "E' un argomento quello sulla fede su cui si possono  aprire dibattiti ma che se estremizzato così è un po' pericoloso e sconcertante - sono state le parole del  primo cittadino - la frase ha sconvolto una intera piazza  e magari il parroco dovrebbe stare un po' più attento  nel dare messaggi del genere. Se qualcuno le fraintende,  poi si preoccupa e vive nella paura .Affermazioni  del genere sono da ideologi e filosofi, non da dire  durante una predica a mio avviso - ha concluso - forse  ci vorrebbe un po' più di rispetto".

Rosella Solfaroli

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Robert Redford: con #metoo un punto di svolta per le donne

Robert Redford: con #metoo un punto di svolta per le donne

Park City (askanews) - Il ruolo delle donne è a un "punto di svolta", grazie al movimento #metoo e Time's Up contro le molestie sessuali. Ne è convinto Robert Redford. L'attore americano lo ha detto in un intervento nel corso dell'inaugurazione del Sundance Festival da lui ideato a Park City. "E' un punto di svolta perché questo cambierà l'ordine delle cose. Le donne avranno più voce. Quanto al ...

 
Sud Corea, la fiamma olimpica passa dalla zona demilitarizzata

Sud Corea, la fiamma olimpica passa dalla zona demilitarizzata

Seul (askanews) - A tre settimane dall'inaugurazione dei Giochi Olimpici invernali di Pyeongchang la fiamma olimpica è passata nella zona demilitarizzata tra Corea del Sud e Corea del Nord. Accompagnata da atleti in bicicletta, la fiamma olimpica ha attraversato il Ponte dell'Unificazione che divide in due la penisola coreana.

 
Russia, fedeli immersi nell'acqua gelata per l'epifania ortodossa

Russia, fedeli immersi nell'acqua gelata per l'epifania ortodossa

Mosca (askanews) - Fiumi, ruscelli, stagni sono stati presi d'assalto dai fedeli in Russia per celebrare l'epifania ortodossa. Come da tradizione in molti si sono messi in fila per immergersi nelle acque gelate. La tradizione prevede tre immersioni nelle acque gelate per ricordare il battesimo di Cristo nel fiume Giordano, nel nome del padre, del figlio e dello spirito santo.

 
Dentro la mente di Carlo Mollino: a CAMERA le sue fotografie

Dentro la mente di Carlo Mollino: a CAMERA le sue fotografie

Torino (askanews) - Un architetto, prima di progettare, guarda, forse più intensamente di altri. Di certo lo faceva Carlo Mollino, uno dei grandi nomi del Novecento, che è stato anche un artista complesso e affascinante. Come dimostrano le sue fotografie, dai celebri nudi a tanti lavori meno noti al grande pubblico, che sono state raccolte nella mostra "L'occhio magico di Carlo Mollino", che ...

 
Gli U2 a Barcellona bono

Gli U2 a Barcellona

MUSICA

U2, fissata la tappa italiana. Quando e dove comprare i biglietti

Gli U2 tornano in Europa: l’appuntamento con i fan italiani è fissato per l’11 e 12 ottobre 2018 al Mediolanum Forum di Assago (Milano). L’eXPERIENCE + iNNOCENCE Tour, dopo ...

16.01.2018

Morta Dolores OʼRiordan, frontwoman dei Cranberries

Lutto nel mondo della musica

Morta Dolores OʼRiordan, frontwoman dei Cranberries

La frontwoman dei The Cranberries, Dolores O'Riordan, è morta all'età di 46 anni. La cantante era a Londra per una breve sessione di registrazione. Nel 2017 il gruppo aveva ...

15.01.2018

DiCaprio nel nuovo film di Tarantino su Charles Manson

Cinema

DiCaprio nel nuovo film di Tarantino su Charles Manson

Leonardo DiCaprio e Quentin Tarantino di nuovo insieme. La star di Hollywood sarà nel cast del nuovo film del regista dopo aver collaborato nel 2012 per Django Unchained. Sul ...

13.01.2018