E il giovane Montalbano “sdoganò” Michele Riondino

E il giovane Montalbano “sdoganò” Michele Riondino

Ora i circuiti che contano lo chiamano. L'emozione del debutto alla regia con "Il segreto dell'acqua" tratto da un testo di Alessandra Mortelliti

13.07.2012 - 17:29

0

di Anna Lia Sabelli Fioretti

"Quanto tempo avete perso!". Michele Riondino debutta al Festival dei Due Mondi ma non crede di essere un "miracolato" o un "privilegiato" perché, spiega,"ho inseguito gli operatori, gli addetti ai lavori e i critici per una vita cercando in ogni modo la loro attenzione. Il Festival di Spoleto è sicuramente una buona chance per me ma è anche un'ottima occasione per poter finalmente dire: 'quanto tempo avete perso!' Faccio teatro da 14 anni, con la mia compagnia ho realizzato tanti spettacoli ma nessuno ci ha mai dato credito. Questo perché, a quanto pare, festival e circuiti tradizionali per offrirti una possibilità devi aver fatto prima 'Il giovane Montalbano'".
Coraggioso il ragazzo! E senza peli sulla lingua. Tarantino di nascita e siciliano per i suoi più famosi alter ego artistici (il Blasco de "Il segreto dell'acqua" e la serie sulla giovinezza del celebre commissario creato da Camilleri) Riondino ama follemente il teatro e per poterlo fare è costretto a girare film e fiction tv (Fortapasc, Qualche nuvola, Marpiccolo, Noi credevamo Henry, Acciaio, Distretto di Polizia, La freccia nera). E, a suo avviso, è stato tutto questo suo lavorare sui set ad averlo portato, finalmente, a Spoleto dove oggi e domani metterà in scena "La vertigine del drago" di Alessandra Mortelliti, nipote di Camilleri (Auditorium della Stella, ore 21) nel doppio ruolodi interprete e regista.
Per la prima volta alla regia. Qual è stata la molla?
"E' una molla scattata da tempo. Gli ultimi spettacoli fatti erano regie collettive di progetti che abbiamo cominciato a seguire con amici e colleghi, portati avanti per 5 anni e poi diventati spettacoli. A differenza di quelli La vertigine del drago è un progetto nato da un testo che non ho contribuito a scrivere e quindi è scattato l'interesse verso una modalità nuova di curare la regia di uno spettacolo. L'incontro con Alessandra à stata la molla".
Che difficoltà ha trovato nel passare dall'essere diretto a dirigere se stesso?
"Sono sempre stato dell'idea che un regista non dove fare mai l'attore. Come vede mi sono contraddetto da solo. La magia, come sempre, è scattata in sala prove. Provando con Alessandra il testosi è trasformato in uno spettacolo vero e proprio, siamo noi stati i primi a stupirci di come fosse plasmabile".
Il contenuto di questa piece è molto forte. E' lo scontro tra due opposti, un naziskin, fautore della pura razza ariana che si confronta con una zingara, zoppa ed epilettica, una creatura piena di difetti. Si arriva ad una conciliazione finale?
"I due non mirano alla convivenza. Questo lavoro è proprio sugli stereotipi, sull'idea che la società ha del naziskin e della zingara. Loro hanno in comune una cosa sola molto forte, l'anima dello spettacolo: sono entrambi componenti di due branchi diversi che li emarginano. Ci si sente forti quando si è ingruppo, il lorodrammaè che vengono esclusi".
Perché vengono esclusi?
"Questa è la sorpresa dello spettacolo. E proprio perché esclusi si ritrovanonella stessa stanza apassare del tempo insieme".
Tra lei e Camilleri c'è amicizia, stima o deferenza?
"C'è sicuramente stima da parte mia e forse anche da parte sua. E' stato molto contento di come abbiamo lavorato sui personaggi. Ci sarebbe anche dell'amicizia se io non fossi così timido nei suoi confronti".

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Mentana parla del suo giornale online: "I soldi ce li metto io, è un progetto su cui scommetto"

Mentana parla del suo giornale online: "I soldi ce li metto io, è un progetto su cui scommetto"

(Agenzia Vista) Milano, 19 luglio 2018 "Qui stiamo parlando di un progetto in cui scommetto i miei soldi e il primo riflesso giornalistico è chiedere dov'è l'inghippo". Lo ha detto il direttore del Tg La7 Enrico Mentana a Milano durante un suo intervento al Campus Party rispondendo alle domande dei giornalisti sul suo nuovo giornale online Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev agenziavista....

 
Mentana parla del suo giornale online: "Cairo non sarà l'editore"

Mentana parla del suo giornale online: "Cairo non sarà l'editore"

(Agenzia Vista) Milano, 19 luglio 2018 "Cairo mi accompagnerà ma non sarà l'editore, come si chiamerà il giornale? Non lo so". Lo ha detto il direttore del Tg La7 Enrico Mentana a Milano durante un suo intervento al Campus Party rispondendo alle domande dei giornalisti sul suo nuovo giornale online Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev agenziavista.it

 
Mentana parla del suo giornale online: "Sarà fatto dai giovani per i giovani"

Mentana parla del suo giornale online: "Sarà fatto dai giovani per i giovani"

(Agenzia Vista) Milano, 19 luglio 2018 "Anche nel giornalismo servono atti di coraggio per questo ho lanciato l'idea di fare un giornale sui giovani perché solo un giornale online fatto dai giovani e per i giovani. Chi ha il diritto di parola sono grandi e vecchi e non esiste un dibattito tra i giovani". Lo ha detto il direttore del Tg La7 Enrico Mentana a Milano durante un suo intervento al ...

 
Ventennale Polizia Postale, Gabrielli: "E' stata una grande intuizione"

Ventennale Polizia Postale, Gabrielli: "E' stata una grande intuizione"

(Agenzia Vista) Roma, 18 luglio 2018 Ventennale Polizia Postale, Gabrielli: "E' stata una grande intuizione" A Roma, presso la “Lanterna” di Fuksas, la Polizia di Stato celebra il ventesimo anniversario dell’istituzione del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni con una manifestazione alla presenza delle più alte cariche istituzionali e del capo della Polizia prefetto Franco Gabrielli ...

 
Quelli dei Massive Attack

Umbria Jazz 2018

Quelli dei Massive Attack

La lunga notte dei Massive Attack all'Arena Santa Giuliana per Umbria Jazz fra tanta musica, effetti speciali e un'abbondante pioggia che non ha fermato entusiasmo e note ... ...

17.07.2018

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

Umbria Jazz

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

L'acquazzone che si è abbattuto per qualche minuto sull'arena Santa Giuliana di Perugia non ha scoraggiato assolutamente il popolo di Umbria Jazz e l'attesissimo concerto ...

17.07.2018

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Il festival

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Poco dopo le 22 la luna si oscura e nubi nere scatenano un acquazzone sul popolo dei Massive Attack, all'arena Santa Giuliana. Hanno partecipato in tanti, sia sulle gradinate ...

16.07.2018