E' morto il "Bambi" dei Sibillini

E' morto il "Bambi" dei Sibillini

Il giovane capriolo era stato trovato ferito ai margini della strada in località San Pellegrino, tra Castelluccio e Norcia. Per salvarlo si erano mobilitati cittadini, professionisti e forze dell'ordine

10.07.2012 - 19:27

0

di Elio Clero Bertoldi

 “Bambi” è morto. Il giovane capriolo, trovato ferito ai margini della strada in località San Pellegrino, tra Castelluccio e Norcia, nonostante la mobilitazione e la sensibilità di cittadini privati, di professionisti e delle forze dell'ordine, è spirato. Gli esami hanno evidenziato che presentava un brutto versamento interno che, alla fine, ha causato il decesso dell'animale selvatico (che abbiamo chiamato Bambi in ricordo del toccante film della Disney del dopoguerra). E tuttavia questa vicenda mette in luce un aspetto e che cioè  servirebbe una maggiore sinergia tra tutte le istituzioni che operano, nel settore, in Umbria.

Andiamo con ordine. Sabato 30 giugno, intorno alle 23, un automobilista perugino, il signor M., dipendente statale e una coppia di giovani ternani in moto (due fidanzatini), che stavano scendendo verso Norcia, hanno notato l'animale a terra, si sono fermati e hanno cercato di soccorrerlo. Una chiamata, per avvertire della presenza dell'animale ferito da soccorrere, al 112, che ha indirizzato, per competenza, il cittadino a rivolgersi alla Forestale che, a sua volta, ha invitato ad allertare la polizia provinciale. Primo problema: chi trasporta l'animale? Mezzi idonei non erano disponibili. Telefonate concitate. Per cui alla fine, con l'autorizzazione della Forestale, è stato lo stesso signor M. a caricare,con l'aiuto dei fidanzati motociclisti, il capriolo nel porta bagli ed a portarlo al veterinario di zona, a Norcia. Il veterinario ha visitato e curato l'animale con una flebo e una iniezione, proprio nel bagagliaio della vettura.

A quel punto si è posto il secondo problema: quello del ricovero. A Norcia la struttura non risultava idonea per il ricovero e la cura dell'animale, per cui si prospettava il trasferimento a San Venanzo, sul Monte Peglia (ad oltre 100 chilometri di distanza), unica struttura pubblica dedicata agli animali selvatici. Era notte, per di più tra il sabato e la domenica e il ricovero di San Venanzo risultava chiuso. Cosa fare? E' entrata in campo, ancora, la sensibilità dei cittadini: l'automobilista si è detto disponibile a portare a casa propria (sempre con l'autorizzazione della Forestale) il capriolo, pur di non farlo morire in strada. Così la notte il capriolo l'ha trascorsa, amorevolmente accudito, nella casa del signor M., nella Media Valle del Tevere. La domenica, di prima mattina,un veterinario di Marsciano, subito allertato, si è spostato (a sue spese), ha raggiunto l'abitazione dell'automobilista, ha caricato l'animale e lo ha portato nel suo studio privato per curarlo meglio, poi ne ha disposto il ricovero nel Centro Specializzato di San Venanzo.

Purtroppo tutti gli sforzi sono risultati vani: dopo 24 ore "Bambi" è morto. Questa la vicenda nella sua cronologia. Siccome negli ultimi giorni sono stati almeno tre i casi di caprioli, daini, cerbiatti trovati feriti in varie zone della regione, sarebbe bene - sia detto con spirito costruttivo e senza alcuna critica aprioristica - che fra tutte le istituzioni scattasse una sinergia piena, magari con il varo di un piano di soccorso per situazioni del genere. Magari anche facendo in modo di tenere aperto, più delle attuali 4 ore giornaliere, il Centro di San Venanzo o coinvolgendo, per esempio, la clinica veterinaria dell'Università di Perugia. E' vero che l'Italia attraversa un periodo di vacche magrissime, ma forse con un pizzico di buona volontà si potrebbero movimentare un minimo di risorse per affrontare problematiche di questo tipo. Non credete?

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Trump riceve Macron: "Da matti l'accordo con l'Iran"

Trump riceve Macron: "Da matti l'accordo con l'Iran"

Roma, (askanews) - "Da matti l'accordo con l'Iran": così il presidente statunitense dalla Casa Bianca dove riceve il francese Emmanuel Macron. Proprio l'accordo con Teheran firmato da Barack Obama assieme alla diplomazia internazionale è uno dei temi caldi dell'incontro fra Parigi e Washington: Macron aveva per missione cercava di convincere Trump a non recedere dall'accordo, perdendo anni di ...

 
Inaugurata la prima statua di donna davanti a Westminster

Inaugurata la prima statua di donna davanti a Westminster

Londra, (askanews) - Non solo le statue di Winston Churchill, di Gandhi e di Mandela davanti al parlamento britannico; c'è finalmente anche la statua di una donna, l'attivista per i diritti femminili Millicent Fawcett, svelata nel centesimo anniversario del voto alle donne. La statua realizzata dall'artista Gillian Wearing, è stata inaugurata dalla premier Theresa May accanto al sindaco di Londra ...

 
Trump-Macron in abito nero, Melanie-Brigitte sfoggiano il bianco

Trump-Macron in abito nero, Melanie-Brigitte sfoggiano il bianco

Roma, (askanews) - Il presidente americano Donald Trump ha ricevuto alla Casa Bianca il presidente francese Emmanuel Macron. I due capi di Stato, in elegante completo scuro, erano accompagnati dalle rispettive moglie, Melanie e Brigitte, entrambe in completo bianco. Melanie con anche un cappello a larghe tese.

 
Economia

Bose europee contrastate, a Milano bene il lusso

Le Borse europee chiudono contrastate, sulla scia del ribasso di Wall Street dopo che i rendimenti decennali americani hanno toccato la soglia del 3% per la prima volta da gennaio 2014. A Milano l'indice Ftse Mib segna +0,22% oltre quota 24mila punti. In progresso Londra +0,36%, deboli i listini di Francoforte -0,17% e Parigi -0,10%, dove il fermo di Vincent Bolloré per un'inchiesta su presunte ...

 
I grandi dell'immaginario protagonisti a Encuentro

quinta edizione

I grandi dell'immaginario protagonisti a Encuentro

La quinta edizione di Encuentro, in programma a Perugia e Terni dal 2 al 6 maggio, sarà quella dei grandi immaginari che si incontrano e dialogano tra loro. La letteratura in ...

24.04.2018

Don Matteo, la 12esima serie si farà

Spoleto

Don Matteo, la 12esima serie si farà

La notizia è arrivata all'indomani del bagno di folla di giovedì 19 aprile al Teatro Nuovo "Menotti" di Spoleto (leggi qui): la 12esima serie di don Matteo si farà. E sarà ...

20.04.2018

Don Matteo, in mille per il gran finale

Spoleto

Don Matteo, in mille per il gran finale

Oltre 1000 persone si sono trovate dal pomeriggio di giovedì 19 aprile al Teatro Nuovo di Spoleto per l'evento conclusivo dell'11esima stagione della serie di Don Matteo. ...

19.04.2018