Svelato il mistero del volto di Giulia Farnese

La mostra ai Musei Capitolini di Roma

Pintoricchio e il mistero del volto di Giulia Farnese

19.05.2017 - 14:03

0

Ci sono un capolavoro ritrovato, un giallo risolto e diversi personaggi principali, tutti di prima grandezza, nella storia che racconta la mostra “Pintoricchio pittore dei Borgia” presentata ieri mattina ai Musei Capitolini di Roma dal Sovrintendente capitolino ai Beni culturali Claudio Parisi Presicce, dai curatori Cristina Acidini, Francesco Buranello e Claudia La Malfa (tra i curatori anche Claudio Strinati) e dal presidente dell’associazione Metamorfosi Pietro Folena.
Il capolavoro ritrovato è il secondo pezzo rispuntato fuori nel giro di pochi anni dell’affresco di Bernardino di Betto, originariamente facente parte del corpo di dipinti dell’Appartamento Borgia in Vaticano, che rappresentava la Madonna col Bambino e papa Alessandro VI in adorazione; il primo pezzo, detto “Gesù Bambino delle mani” è da qualche anno conservato alla Fondazione Guglielmo Giordano di Perugia e oggi il pubblico può ammirare dopo tanti secoli anche un secondo pezzo ritrovato, quello nel quale è rappresentata la Vergine; il giallo risolto è quello inerente il volto della Madonna, che secondo una vulgata durata diversi secoli avrebbe avuto le sembianze di Giulia Farnese, giovane amante di papa Alessandro VI Borgia. I personaggi principali sono il Pintoricchio, il suddetto Alessandro VI che lo volle a Roma (dove aveva già lavorato col Perugino alla Cappella Sistina e al Belvedere di Innocenzo VIII) e appunto Giulia Farnese; su queste ultime due figure storiche dopo la loro morte calò una “damnatio memoriae” durata in sostanza fino ai giorni nostri. Bernardino di Betto, assieme a molti aiutanti, lavorò all’Appartamento Borgia per poco più di due anni, nel corso dei quali in quelle stanze fece cose bellissime, le sue cose più belle secondo gli autorevoli storici dell’arte curatori della mostra in questione. Da quell’immenso sistema di affreschi, a distanza di qualche decennio, venne staccata e smembrata una sola opera: quella che ritraeva il “maledetto” Alessandro VI e la presunta Giulia Farnese con il Bambinello. D’altra parte, come ha rilevato Francesco Buranelli, fu una voce insigne come quella di Giorgio Vasari a propagare la diceria: fu infatti lo storico aretino a pubblicare nel 1550 per primo la notizia che nell’appartamento Borgia si conservava un dipinto che ritraeva ‘sopra la porta d’una camera la Signora Giulia Farnese per il volto d’una Nostra Donna: et nel medesimo quadro la testa di esso Papa Alessandro’, “mettendo nero su bianco, solo dopo la morte di Paolo III Farnese, ciò che alla corte papale si vociferava più o meno sommessamente da lungo tempo”. Sempre Buranelli ha ricordato la singolarità del fatto che “Giorgio Vasari, critico severo delle qualità artistiche del Pintoricchio, ignori completamente il complesso impianto iconografico dell’Appartamento Borgia e si soffermi, invece, piuttosto lungamente su questo dettaglio che ripeterà, in forma quasi invariata, diciotto anni dopo nella seconda edizione de Le Vite de’ più eccellenti Pittori, Scultori et Architettori. La critica - prosegue Buranelli - è sempre più concorde nel ritenere che il Vasari non avesse avuto accesso agli appartamenti papali e che per descriverli si sia servito prevalentemente di informazioni di seconda mano e delle incisioni a stampa. Solo così è possibile spiegare la sinteticità del Vasari sull’Appartamento Borgia, a fronte della puntuale descrizione dedicata al gruppo della Madonna (dichiaratamente ritenuto il ritratto di Giulia Farnese) col Bambino e Papa Alessandro VI in ginocchio”.
La leggenda, spiega ancora Buranelli, fu ingigantita dai Gonzaga al tempo di Paolo V Borghese (che a sua volta aveva studiato a Perugia, la città del Pintoricchio): diventati Duchi di Mantova, vedevano in quel dipinto una sorta di rappresentazione dell’inizio delle fortune della famiglia Farnese, e ne commissionò una copia ad un pittore mediocre, il mantovano Pietro Fachetti, il quale non ebbe certo la mano felice dell’autore dell’opera originale, ma con la sua riproduzione ha consentito agli studiosi dei giorni nostri di rimettere assieme le tessere del “puzzle”. O meglio: due tessere su tre, visto che del ritratto di Alessandro VI non c’è traccia né testimonianza. Dopo lunghi anni di studi e comparazioni gli studiosi sono alfine giunti alla conclusione che quella bellissima Vergine riemersa oggi non abbia le fattezze di Giulia Farnese, e che la “censura” si basò solo su dicerie. Ne sono convinti i curatori della mostra romana, che portano a riprova le poche descrizioni ricavate da documenti scritti del viso di Giulia, che ne delineano un volto paffuto molto distante da quello affilato della Vergine del Pintoricchio; inoltre la comparazione tra diverse Madonne dipinte da Bernardino di Betto suggeriscono che quel volto sia una idealizzazione senza alcun elemento ritrattistico, molto simile alle altre Vergini dipinte prima e dopo.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Palermo, bambino vittima bullismo cerca di darsi fuoco a scuola

Palermo, bambino vittima bullismo cerca di darsi fuoco a scuola

Palermo (askanews) - Stanco di subire atti di bullismo ha cercato di darsi fuoco in classe. Protagonista della vicenda è un ragazzino che frequenta la seconda media di un istituto comprensivo di Cefalù, in provincia di Palermo. Lo studente, la mattina di lunedì 11 dicembre, si è cosparso di un liquido infiammabile ed ha minacciato di darsi fuoco con un accendino, venendo fortunatamente bloccato ...

 
A Roma per la prima volta una mostra del fotografo Steve McCurry

A Roma per la prima volta una mostra del fotografo Steve McCurry

Roma, (askanews) - Un'emozionante raccolta fatta di meravigliosi scatti realizzati in ogni angolo del mondo, per la prima volta fino al 7 gennaio in mostra nel nuovo spazio di Wegil a Trastevere, a Roma: si intitola "Leggere", è la mostra del fotografo americano Steve McCurry. La personale dell'artista statunitense è stata scelta per aprire la programmazione di Wegil il nuovo hub culturale ...

 
Dallo slow food allo slow drink, il gin punta sui giovani

Dallo slow food allo slow drink, il gin punta sui giovani

Milano (askanews) - L'elogio della lentezza non più solo nel mangiare ma anche nel bere, dallo slow food si passa allo slow drink puntando a conquistare i giovani passando per il variegato mondo del cocktail. È la strategia di Star of Bombay, l'ultimo nato in casa dei produttori di gin del gruppo Martini Bacardi: un prodotto completamente rifatto con grande attenzione alla scelta degli ...

 
Super Vacanze di Natale, Ruffini celebra 35 anni di cinepanettone

Super Vacanze di Natale, Ruffini celebra 35 anni di cinepanettone

Roma (askanews) - Un successo che dura da 35 anni. I film di Natale prodotti da De Laurentiis, dal primo "Vacanze di Natale" del 1983 all'ultimo "Dio salvi la regina", hanno incassato complessivamente 400 milioni, coinvolto più di 200 attori, e sono stati girati in 50 location, da Cortina D'Ampezzo a New York. Quest'anno, per celebrare il 35esimo compleanno del cosiddetto "cinepanettone", il 14 ...

 
Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Golden Globe

Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Annunciate a Los Angeles le candidature per la 75esima edizione dei Golden Globe 2018, che si terranno il 7 gennaio al Beverly Hilton Hotel, sede della manifestazione. Bene ...

11.12.2017

E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

capitale in lutto

E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

E' morto Lando Fiorini. Il cantante, che avrebbe compiuto 80 anni a gennaio, è deceduto a Roma nel pomeriggio di sabato 9 dicembre dopo una lunga malattia. Le conferme sono ...

09.12.2017

Il funambolo e l'idea di Alchemika

Oltre l'esibizione

Il funambolo e l'idea di Alchemika

L’idea di riportare un equilibrista sospeso sulle teste dei perugini a un secolo da Strucinàide non è poi così nuova. Chi ha una qualche dimestichezza con la vita culturale ...

09.12.2017