Caso Di Bacco, l'opposizione non ci sta "È una vergogna, non ci rappresenta"

Caso Di Bacco, l'opposizione non ci sta "È una vergogna, non ci rappresenta"

L'ex Pdl vicepresidente del consiglio: "Lui ha votato il bilancio e Puc 1 e la maggioranza... lo ha eletto"

13.12.2012 - 13:11

0

Non ci stanno le minoranze che dopo l’elezione di Pasquale Di Bacco a vice presidente del consiglio comunale tornano a sottolineare l’atteggiamento di prevaricazione tenuto dalla maggioranza nei loro confronti. Le opposizioni avevano indicato Luigi Girlanda (Pdl) come loro candidato, spetta infatti, per consuetudine, alle minoranze scegliere uno dei due vicepresidenti. Dopo le dimissioni di Nicola Aloia (eletto nel Pdl, passato al Gruppo misto e quindi entrato nei Socialisti) in carica come vicepresidente era rimasto infatti solo Giuseppe Brunelli (Socialisti), necessario quindi eleggere uno dei consiglieri in rappresentanza delle minoranze. Di Bacco, eletto nel Pdl poi passato al Gruppo misto, è stato però di fatto scelto, nella seduta del 26 novembre, dalla coalizione di centrosinistra (11 voti), dato che le minoranze hanno votato per Girlanda (8 voti).

“Dal punto di vista politico afferma Luigi Girlanda (Pdl) - è un atto criminale, sono state violate le più basilari regole a tutela democratica della minoranza. Non è possibile non mettere in relazione il fatto che Di Bacco ha votato il Puc 1 e gli assestamenti di bilancio e che poi subito dopo si sia deciso di interpretare diversamente il regolamento permettendogli di venire eletto con gli esclusivi voti della maggioranza. O si pone rimedio o non resta altra soluzione che appellarsi ad un giudice terzo che stabilisca se l’elezione di Di Bacco sia legittima”.

“Non ci rappresenta e l’indicazione da noi data è stata completamente disattesa - commenta Giovanni Vantaggi (Un’altra Gubbio) - Di Bacco dice di essere in minoranza, ma nei fatti sostiene la maggioranza. Nei nostri confronti è stato compiuto un atto di forza, la maggioranza avrebbe potuto votare scheda bianca e lasciare a noi la scelta”.

“Questa maggioranza gioca con le istituzioni - afferma Graziano Cappannelli (Idv) - quello che è stato compiuto è stato un atto di forza e penso sia stata applicata una dittatura della maggioranza, proprio dal Pd che si definisce appunto ‘democratico’. Credo farebbe bene a dimettersi tutto l’ufficio di presidenza, la cui elezione è avvenuta durante la seconda seduta del consiglio e non durante la prima come invece stabilito dal regolamento. In ogni caso va annullata la delibera del consiglio comunale che ha portato all’elezione di Di Bacco, in quanto illegittima. Per designare i due vicepresidenti bisogna infatti procedere ad una elezione contemporanea, quindi è da ritenersi decaduta anche l’elezione dell’altro vicepresidente (Brunelli)”.

“Un atto vergognoso e che appare incomprensibile - afferma Lucio Lupini (Gubbio per noi) - Di Bacco dice di essere in minoranza, ma è così organico alla maggioranza tanto da aver votato questioni fondamentali come quelle in materia di bilancio e anche il Puc 1. Si è verificata una mancanza di rispetto, è stata una forzatura da parte di una maggioranza dimostratasi rozza e politicamente arretrata”.

Lapidario sulla vicenda pure il consigliere Udc Mattia Martinelli: “Sono francamente senza parole e credo che sia emblematico l’appello lanciato da Sarli, membro peraltro della stessa maggioranza, che ha chiesto a Di Bacco di dimettersi - ha spiegato - in questo modo è stata schernita la democrazia”.

Duro il capogruppo di “Gubbio comunista resiste” Antonella Stocchi: “La maggioranza ha mancato di rispetto all’intero consiglio comunale e alle regole della democrazia - ha affermato - ha dimostrato per l’ennesima volta l’arroganza dei numeri. Fossi in Di Bacco raccoglierei l’invito di Sarli e mi dimetterei subito. Senza dimenticare che c’è stata un’interpretazione ‘ad personam’ del regolamento: il 19 novembre per l’elezione valeva la maggioranza dei due terzi e a Luigi Girlanda non sono bastati 11 voti, la settimana seguente è stato sufficiente il numero più alto di preferenze. Si è trattato di un vizio di forma, ma in questo caso la forma è sostanza”.

Sulla questione molto chiaro è Carlo Pierotti (Gubbio Partecipa): “Di Bacco ha votato gli equilibri di bilancio insieme con la maggioranza - sottolinea - l’ortica certo puoi anche chiamarla basilico, ma ‘picca’! Di Bacco è in minoranza, ma vota con la maggioranza. Avevamo trovato un criterio il vicepresidente sarebbe stato quello appartenente al gruppo più numeroso, Gubbio comunista resiste si è fatta da parte, Luigi Girlanda per il Pdl ha dato la sua disponibilità e per noi era sinonimo di garanzia per la minoranza. Invece abbiamo assistito ad una prova di arroganza e a mio parere sinonimo di debolezza della maggioranza.

servizio a cura di Roberto Minelli e Anna Maria Minelli

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Cultura

Il mito di Raffaello protagonista a Bergamo

Fino al prossimo 6 maggio, Raffaello è il protagonista della stagione espositiva 2018 di Bergamo con la grande mostra ‘Raffaello e l’eco del mito’, che anticipa le celebrazioni dell’anniversario, nel 2020, dei 500 anni dalla morte del maestro urbinate. Un inedito percorso di oltre 60 opere, provenienti da importanti musei nazionali e internazionali e da collezioni private che ha preso avvio dal ...

 
Cultura

Dal buio alla luce attraverso l’amore, è il libro di Fabio Salvatore

Come si può uscire dal buio della malattia, della violenza, della mancanza di speranza? Una via c’è, ed è l’amore. Lo sa bene Fabio Salvatore, regista, attore e scrittore, provato dalla vita da gravi malattie e lutti all’apparenza inconsolabili. A partire dal best seller ‘Cancro non mi fai paura’, passando per tanti altri successi, la sua esperienza letteraria si arricchisce ora di ‘Buio e luce’. ...

 
Spettacolo

Esce “Omicidio al Cairo”, di Tarik Saleh

Noredin Mustafa è un detective corrotto della polizia de Il Cairo. Una cantante viene trovata uccisa in una stanza dell’hotel Nile Hilton, e ben presto l’uomo scopre la relazione segreta della donna con il proprietario dell’albergo, ricco imprenditore e membro del parlamento. Durante le indagini gli viene ordinato di archiviare il caso. Il detective tuttavia non demorde e l'indagine conduce a ...

 
Siria, sale la tensione nell'enclave curda di Afrin nel Ghouta

Siria, sale la tensione nell'enclave curda di Afrin nel Ghouta

Afrin (askanews) - Sale la tensione nell'enclave curda di Afrin, nel nord della Siria, vicino al confine con la Turchia, nella regione del Ghouta. Le milizie filogovernative siriane, finite sotto il fuoco dell'artiglieria turca, si sarebbero ritirate a una decina di chilometri dal confine lungo cui avrebbero dovuto schierarsi dopo che i raid aerei dell'aviazione siriana, secondo le organizzazioni ...

 
Scelti gli studenti più belli

Miss e mister 2018

Scelti gli studenti più belli

Un successo lo School Day gran finale 2018. Oltre 2000 le presenze: il pubblico degli istituti delle scuole superiori di Perugia e provincia in occasione del carnevale delle ...

19.02.2018

Con Montesano al Lyrick trionfa la romanità

L'intervista

Con Montesano al Lyrick trionfa la romanità

C’è Enrico Montesano sabato 17 e domenica 18 febbraio al teatro Lyrick di Assisi nell'anteprima nazionale del “Conte Tacchia”, commedia in musica, rivisitazione del film del ...

17.02.2018

Arriva Sfera Ebbasta

L'appuntamento

Arriva Sfera Ebbasta

Il Centro Commerciale Collestrada è pronto per un evento d'eccezione: domenica 18 febbraio alle 17 salirà sul palco Sfera Ebbasta, in tour per promuovere "ROCKSTAR" il nuovo ...

17.02.2018