"Caro Di Bacco dai una lezione di stile e dimettiti"

"Caro Di Bacco dai una lezione di stile e dimettiti"

Il consigliere comunale Michele Sarli del Pd chiede al neo eletto vicepresidente di fare un passo indietro per ripristinare la democrazia

27.11.2012 - 19:52

0

Il consigliere comunale Michele Sarli del Partito democratico chiede al neo eletto vicepresidente dell'assise cittadina Pasquale Di Bacco di dimettersi. L'elezione si è tenuta durante il consiglio comunale del 26 novembre, Di Bacco è stato eletto con i voti della maggioranza, che non ha rispettato la consuetudine che a scegliere uno dei due vicepresidenti siano le minoranze. Le opposizioni avevano infatti indicato Luigi Girlanda del Pdl. La votazione di lunedì segue alla tormentata seduta della settimana prima, passata attraverso 8 votazioni, dopo al quale c'erano stati una serie di interventi sulla interpretazione del regolamento comunale nei punti in cui si fa riferimento alle modalità dell'elezione. Ad intervenire anche lo stesso Sarli. “Fa sempre piacere avere ragione - scrive il consigliere del Pd - quindi sono molto contento che la riunione dei capigruppo consiliari abbia approfondito l’argomento ed abbia deciso di procedere dando la corretta interpretazione dell’articolo del regolamento relativo all’elezione del vicepresidente del consiglio comunale. Questo argomento potrebbe sembrare di poco conto, marginale rispetto ai problemi veri, quelli che affrontiamo tutti i giorni, quelli di chi davvero non arriva a fine mese, magari perché ha perso il lavoro, o dell’imprenditore che vuole partire con nuovi progetti e trova ostacoli nella burocrazia. Non lo sono, perché qui parliamo di democrazia e di istituzioni, delle regole che guidano la vita amministrativa di un Comune. Io non sono amico personale del consigliere Girlanda, il nostro pensiero politico è molto distante, su molte questioni lontano anni luce. Lo stesso vale per il consigliere Di Bacco. In consiglio comunale io sono in maggioranza e loro, almeno formalmente, in minoranza. Non è quindi una questione sulle persone e sui nomi. Detto questo credo che ieri sia stato commesso un errore. La scheda bianca posta nell’urna era la mia, perché ho ritenuto corretto che fosse la minoranza a nominare un vicepresidente che deve essere di garanzia per la minoranza stessa. Ho espresso la mia posizione nella riunione di maggioranza tenutasi prima del voto e la rendo pubblica perché penso che sia stata esercitata un ‘dittatura della maggioranza’, il ‘controllato’ si è scelto il ‘controllore’, è stata esercitata un’inutile e forse dannosa prova di forza.  Un consiglio al consigliere Di Bacco, liberissimo ovviamente di accettarlo o meno: prenda atto dell’attestato di stima che ha avuto e dia una lezione di stile e democrazia, si dimetta e consenta di rimediare a questo plateale errore”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Le cheerleaders nordcoreane ballano al suono della loro banda

Le cheerleaders nordcoreane ballano al suono della loro banda

Pyeonchang (Corea del Sud), (askanews) - Sono state la principale attrazione nordcoreana durante le storiche olimpiadi invernali di Pyeonchang in Corea del Sud, che hanno segnato un timido disgelo in nome dello sport fra le due Coree: la squadra di cheerleaders della Corea del Nord ha ballato al suono della sua banda per la gioia di centinaia di persone accorse a vederle sventolando la bandiera ...

 
Manifestazione pro-curda a Roma contro attacco turco su Afrin

Manifestazione pro-curda a Roma contro attacco turco su Afrin

Roma, (askanews) - Alcune centinaia di persone hanno sfilato per la strade di Roma in una manifestazione organizzata dalla rete Kurdistan Italia per protestare contro l'operazione militare turca sulla città di Afrin, in Siria. I manifestanti, partiti da piazza dell'Esquilino hanno percorso via Cavour diretti verso via dei Fori Imperiali. Il corteo si è svolto in contemporanea con una analoga ...

 
Bologna, Merola: poteva andar peggio, vince l'ordine democratico

Bologna, Merola: poteva andar peggio, vince l'ordine democratico

Bologna, (askanews) - "Siamo in un paese democratico" quindi è giusto consentire anche a Forza Nuova di organizzare comizi in vista del voto del 4 marzo. Ma ieri a Bologna le regole sono state fatte rispettare e ha vinto l'ordine democratico. Non ci sono vincitori né vinti". Ne è convinto il sindaco di Bologna del Pd Virginio Merola che ha commentato così i disordini di ieri in città, dopo il ...

 
Con Montesano al Lyrick trionfa la romanità

L'intervista

Con Montesano al Lyrick trionfa la romanità

C’è Enrico Montesano sabato 17 e domenica 18 febbraio al teatro Lyrick di Assisi nell'anteprima nazionale del “Conte Tacchia”, commedia in musica, rivisitazione del film del ...

17.02.2018

Arriva Sfera Ebbasta

L'appuntamento

Arriva Sfera Ebbasta

Il Centro Commerciale Collestrada è pronto per un evento d'eccezione: domenica 18 febbraio alle 17 salirà sul palco Sfera Ebbasta, in tour per promuovere "ROCKSTAR" il nuovo ...

17.02.2018

Da Raffaello a Canova fino a Balla, a Perugia cento capolavori riportati alla luce

La mostra

Da Raffaello a Canova fino a Balla, a Perugia cento capolavori riportati alla luce

Per capire fino in fondo il prestigio dell'Accademia di San Luca bisogna partire dai suoi depositi. E' uno dei rari posti al mondo dove in magazzino si può trovare anche un ...

17.02.2018