Caso Di Benedetto, i Democratici: "Azzerare tutte le cariche"

Sulle dimissioni poi rientrate dell'assessore Di Benedetto e sulla situazione politica cittadina sono intervenuti i Democratici per Gubbio

08.11.2012 - 19:47

0

Sulle dimissioni poi rientrate dell'assessore Di Benedetto e sulla situazione politica cittadina sono intervenuti i Democratici per Gubbio: "Ci sta a cuore la città - si legge in una nota - ci sta a cuore l’istituzione Comune, ci sta a cuore la coalizione che ha vinto le elezioni, ci sta a cuore il Partito democratico. Verso tutte queste figure siamo leali servitori e perciò eviteremo di percorrere la strada più facile che inizia con: 'noi l’avevamo detto', perché c’è poco di cui vantarsi. Proprio per la nostra lealtà, però, da quello che abbiamo detto e scritto vogliamo far partire il nostro ragionamento: sono infatti due anni che la parte maggioritaria del partito ci esclude dalle decisioni sia politiche che amministrative; noi inoltre abbiamo sempre offerto la massima disponibilità alla città, senza mai chiedere posti da occupare, ritenendo che le scelte sulle persone non possono prescindere dalla condivisione e dalla qualità delle scelte sulle cose da fare; ci fa piacere sentire il presidente del Consiglio Pecci affermare durante la riunione del gruppo consiliare del Pd che bisogna ripartire da zero, che ci vuole più partecipazione e condivisione, anche se è poco credibile detto da chi ha lavorato per l’esatto contrario. Denunciamo la preoccupante assenza da questa discussione del segretario del Partito democratico, che evita accuratamente dalla sua elezione di convocare l’unione comunale per discutere di cose serie, di politica, e consentire agli iscritti di esprimere la propria opinione ed al Partito democratico, il primo partito della città, il proprio contributo di idee. La situazione della città ci appare drammatica nel suo complesso a partire dalla situazione economica, per arrivare al tessuto sociale lacerato e diviso. C’è un clima pesante caratterizzato da una serie di errori clamorosi che penalizzano la città e dal negare l’evidenza di tali errori. C’è bisogno, di equilibrio, di ragionamento e razionalità, di rimboccarsi le maniche per prendere la direzione giusta. Non è perciò più rinviabile aprire una 'fase 2' caratterizzata da: discussione e confronto aperto, per ricostruire il progetto amministrativo per Gubbio, coerente col programma presentato ai cittadini alle elezioni, aggiornato alla attuale situazione congiunturale, condividendolo prima con tutto il Pd poi con l’attuale maggioranza. Ripartire da zero, ragionando su Giunta, presidente del consiglio comunale, capogruppo consiliare e incarichi di partito; scelte  basate sul poter garantire tutta la città nel suo complesso, sulle competenze, sulla capacità di trasmettere la tranquillità di chi lavora nell’interesse della città, mettendo da parte chi invece ricerca continuamente il conflitto. Per questo ci aspettiamo che al più presto venga chiarito dagli interessati a tutta la città quanto scritto nella lettera di dimissioni ed in particolare nella prima riga: il contenuto mette infatti in forte imbarazzo il Partito democratico e l’intera maggioranza.

 

 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Ancora scontri a Gerusalemme. E Abu Mazen non vedrà Pence

Ancora scontri a Gerusalemme. E Abu Mazen non vedrà Pence

Gerusalemme, (askanews) - Ancora forti tensioni nel mondo arabo dopo la decisione del presidente americano Donald Trump di riconoscere unilateralmente Gerusalemme capitale di Israele. Dopo gli scontri tra manifestanti e forze dell'ordine a Betlemme e in Cisgiordania, dimostranti palestinesi sono tornati in strada a Gerusalemme per esprimere il loro dissenso. Intanto il presidente palestinese Abu ...

 
Putin inaugura Yamal, mega-impianto di gas nell'Artico siberiano

Putin inaugura Yamal, mega-impianto di gas nell'Artico siberiano

Sabetta (Russia), (askanews) - Il presidente russo Vladimir Putin ha inaugurato un impianto di gas naturale liquefatto nell'Artico siberiano da 27 miliardi di dollari - 23 miliardi di euro, con la Russia che spera di superare il Qatar e diventare il principale esportatore di carburante raffreddato. In una cerimonia ufficiale al porto di Sabetta, nella penisola di Yamal, Putin ha definito "storica ...

 
Macron abbraccia i figli di Hallyday: "Era parte della Francia"

Macron abbraccia i figli di Hallyday: "Era parte della Francia"

Parigi, (askanews) - Parigi e la Francia si sono fermate per rendere omaggio a Johnny Hallyday, rocker idolo di generazioni di francesi. Alla Chiesa della Madeleine, l'intervento del presidente francese Emmanuel Macron, che al suo arrivo ha abbracciato i figli della rockstar, l'attrice francese Laura Smet e David Hallyday, anche lui cantante. In prima fila anche la moglie dell'artista, Laeticia, ...

 
E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

capitale in lutto

E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

E' morto Lando Fiorini. Il cantante, che avrebbe compiuto 80 anni a gennaio, è deceduto a Roma nel pomeriggio di sabato 9 dicembre dopo una lunga malattia. Le conferme sono ...

09.12.2017

Il funambolo e l'idea di Alchemika

Oltre l'esibizione

Il funambolo e l'idea di Alchemika

L’idea di riportare un equilibrista sospeso sulle teste dei perugini a un secolo da Strucinàide non è poi così nuova. Chi ha una qualche dimestichezza con la vita culturale ...

09.12.2017

Tornano i dinosauri di Jurassic World

La saga

Tornano i dinosauri di Jurassic World

Nel 2018 torneranno i dinosauri di Jurassic World. Il nuovo capitolo della saga multimilionaria iniziata nel 1993 avrà come sottotitolo The Fallen Kingdom, il Regno caduto. ...

08.12.2017