Angelini e Cortese, l'idea di cover è tutta un'altra musica

L'intervista

Angelini e Cortese, l'idea di cover è tutta un'altra musica

07.12.2017 - 13:09

0

Nell'epoca delle tribute band che intasano le programmazioni di un locale su due esiste un altro modo di intendere le cover. Roberto Angelini e Pier Cortese qualche anno fa con le cover hanno pensato di farci un disco intero, ma mettendoci molto del proprio. Progetto e disco si chiamavano Discoverland, e nel 2016 è arrivato anche un seguito, intitolato Drugstore. "Discoverland può stare per terra delle scoperte, o distruzione dell'idea di cover", dice Angelini, che stasera, giovedì 7 dicembre, suonerà con Cortese al Rework per il primo appuntamento della rassegna Musica in Barrique. "Noi non volevamo replicare le canzoni originali, ma mescolare le carte, divertirci a rileggerle a modo nostro. Mettendo un assolo di chitarra che poi sarebbe il fischio di The Dock of the Bay in una Stayin' Alive in versione country, per esempio, o trasformando Bob Marley in un idolo di folle hawaiane. Questo concerto è una sorta di gioco surreale che coinvolge anche il pubblico, chiamato a scoprire tutti i nostri trucchi".
Per te il confronto continuo con altri artisti sembra indispensabile. In quasi vent'anni di carriera gli album di inediti si contano sulla punta delle dita, a fronte di lavori a più mani, dischi di cover, partecipazioni a progetti.
"È proprio così. Fare solo le mie cose non mi è mai bastato. Non sapere cosa mi succederà tra sei mesi mi stimola.
A quarantadue anni è perfetto: magari ci metto cinque anni per tirar fuori un disco, ma intanto suono la chitarra nel tour di Fabi, Gazzè e Silvestri, vado in tv con Zoro, collaboro con molti musicisti, anche giovani".
I più ti ricordano come quello di Gatto Matto, vera e propria hit dell'estate 2003. Un successo strepitoso, dopo il quale nella tua carriera è cambiato tutto: basta pop, basta major, e ritorno alle radici indie.
"Fu un passaggio brusco ma necessario. Ero giovane, l'etichetta mi propose di lavorare con un produttore molto in voga e io accettai, anche ingolosito dalla possibilità di avere successo.
E il successo l'ho assaggiato davvero. Bello, per carità, per un po' mi sono pure divertito. Ma ho capito presto che non era ciò che avevo sempre voluto fare. Così ho mollato quel mondo, ho aperto un'etichetta, uno studio, ho recuperato un concetto più artigianale della musica. Con Gatto Matto giravo per le discoteche, ero quasi un tronista. Oggi so di essere a posto con me stesso e con quello che faccio".
Tu sei cresciuto in una Roma fertile, dove la scuola dei Silvestri e dei Gazzè era già esplosa da un po'. Vent'anni più tardi come sta messa la scena musicale indipendente romana?
"Bene. Non sarò mai uno di quelli che dicono che non ci sono più i locali di una volta, che la musica è morta. Anzi. Lo so perché giro e perché da un paio d'anni faccio il direttore artistico di un club (il Lanificio, ndr): Roma sta vivendo un fervore anche superiore a quello degli anni Novanta. Spuntano in continuazione musicisti capaci in un nonnulla di attirare l'attenzione di un pubblico vastissimo: Coez, Thegiornalisti, Carl Brave x Franco 126, Calcutta con cui forse c'è stata la svolta vera e propria. Venivamo da dieci anni di talent, in cui la musica è eterodiretta, e di un indie spesso fine a se stesso. Ora questi musicisti vogliono parlare alla gente, e la gente è disposta a seguirli".

Giovanni Dozzini

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Ancora scontri a Gerusalemme. E Abu Mazen non vedrà Pence

Ancora scontri a Gerusalemme. E Abu Mazen non vedrà Pence

Gerusalemme, (askanews) - Ancora forti tensioni nel mondo arabo dopo la decisione del presidente americano Donald Trump di riconoscere unilateralmente Gerusalemme capitale di Israele. Dopo gli scontri tra manifestanti e forze dell'ordine a Betlemme e in Cisgiordania, dimostranti palestinesi sono tornati in strada a Gerusalemme per esprimere il loro dissenso. Intanto il presidente palestinese Abu ...

 
Putin inaugura Yamal, mega-impianto di gas nell'Artico siberiano

Putin inaugura Yamal, mega-impianto di gas nell'Artico siberiano

Sabetta (Russia), (askanews) - Il presidente russo Vladimir Putin ha inaugurato un impianto di gas naturale liquefatto nell'Artico siberiano da 27 miliardi di dollari - 23 miliardi di euro, con la Russia che spera di superare il Qatar e diventare il principale esportatore di carburante raffreddato. In una cerimonia ufficiale al porto di Sabetta, nella penisola di Yamal, Putin ha definito "storica ...

 
Macron abbraccia i figli di Hallyday: "Era parte della Francia"

Macron abbraccia i figli di Hallyday: "Era parte della Francia"

Parigi, (askanews) - Parigi e la Francia si sono fermate per rendere omaggio a Johnny Hallyday, rocker idolo di generazioni di francesi. Alla Chiesa della Madeleine, l'intervento del presidente francese Emmanuel Macron, che al suo arrivo ha abbracciato i figli della rockstar, l'attrice francese Laura Smet e David Hallyday, anche lui cantante. In prima fila anche la moglie dell'artista, Laeticia, ...

 
E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

capitale in lutto

E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

E' morto Lando Fiorini. Il cantante, che avrebbe compiuto 80 anni a gennaio, è deceduto a Roma nel pomeriggio di sabato 9 dicembre dopo una lunga malattia. Le conferme sono ...

09.12.2017

Il funambolo e l'idea di Alchemika

Oltre l'esibizione

Il funambolo e l'idea di Alchemika

L’idea di riportare un equilibrista sospeso sulle teste dei perugini a un secolo da Strucinàide non è poi così nuova. Chi ha una qualche dimestichezza con la vita culturale ...

09.12.2017

Tornano i dinosauri di Jurassic World

La saga

Tornano i dinosauri di Jurassic World

Nel 2018 torneranno i dinosauri di Jurassic World. Il nuovo capitolo della saga multimilionaria iniziata nel 1993 avrà come sottotitolo The Fallen Kingdom, il Regno caduto. ...

08.12.2017