Analizzata la terza traccia sul coltello: sarebbe di Amanda

Appello bis, perizia sul coltello

processo meredith

Analizzata la terza traccia sul coltello: sarebbe di Amanda

Gli esami del Ris non chiamano in causa né Sollecito né Guede. L'avvocato Maori: "Sono soddisfatto, esito scontato. Quella non è l'arma del delitto"

12.10.2013 - 17:32

0

Nel processo di appello bis ad Amanda Knox e Raffaele Sollecito le analisi genetiche tornano in primo piano. Il Ris di Roma ha analizzato la traccia sul coltello – l’arma del delitto secondo la ricostruzione della procura – che già nel primo processo di appello era stata individuata tra manico e lama ma finora non esaminata, a differenza di altre due (una sul manico e l’altra sulla lama). Il profilo genetico estratto sarebbe riconducibile solo ad Amanda Knox. L’accertamento si è svolto sulla base del quesito dei giudici ai periti che chiedeva di appurare l’eventuale presenza di Dna di Meredith o di Rudy Guede.

La traccia esaminata era quella all’intersezione tra manico e lama (il coltello è stato quindi ‘aperto’). La quantificazione dell’estratto ha restituito un Dna di 2 picogrammi. Un quantitativo che sarebbe risultato “too low” per procedere oltre in base alle vecchie tecniche, ma che adesso è stato possibile analizzare con attribuzione alla Knox.  Gli accertamenti tecnici, condotti in contraddittorio tra le parti, sono iniziati ieri e sono terminati oggi con un secondo esame come controprova.

Tra le prime reazioni, quella dell’avvocato Luca Maori, legale di Raffaele Sollecito. “Sono soddisfatto dell’esito, che non poteva che essere tale”, dice Maori alludendo al fatto che ad Amanda già era stata attribuita – senza contestazioni - la traccia trovata sul manico del coltello e sarebbe quindi “ovvio che il dito sia finito anche vicino all’intersezione”. In altre parole, è risultato che “la traccia analizzata non era che la prosecuzione di quella già presa in esame in precedenza” e che “l’attribuzione alla Knox è normale in relazione a un coltello che si trovava in casa di Sollecito e che la ragazza, come altri coltelli che lì si trovavano, può aver toccato e usato più volte”. Insomma, per Maori è “chiaro che quel coltello non è l’arma del delitto perché  in primo luogo incompatibile con le ferite inferte alla povera Meredith”.

Il 6 novembre è prevista la discussione dell'esito della perizia sul coltello presso la corte di assise di appello di Firenze. 

 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Elena Mirò, dall'atelier creativo la donna contemporanea di Vanessa Incontrada

Elena Mirò, dall'atelier creativo la donna contemporanea di Vanessa Incontrada

'L'atelier', cantiere della creatività per la donna contemporanea, e la nuova collezione Spring/Summer 2018. A presentarli, con Vanessa Incontrada, è Elena Mirò, brand di Miroglio Fashion, con una sfilata nel flagship Store di Piazza della Scala a Milano. La partnership creativa tra Vanessa Incontrada ed Elena Mirò si consolida. "Tutta l'energia che ho assorbito è stata tradotta in idee di ...

 
"Get shorty", arriva su Timvision la serie tv acclamata negli Usa

"Get shorty", arriva su Timvision la serie tv acclamata negli Usa

Roma, (askanews) - Dal libro bestseller di Elmore Leonard, "Get shorty", nel 1995 era stato tratto il celebre film con John Travolta, ma oggi un enorme successo ha riscosso negli Stati Uniti l'omonima serie, che arriva in prima visione assoluta per l'Italia dal 22 febbraio su Timvision. La dark comedy per la tv "Get shorty", di cui vediamo una clip in esclusiva, è diretta da Davey Holmes, già ...

 
Siria, orrore a Ghouta: regime uccide 200 civili, 60 sono bambini

Siria, orrore a Ghouta: regime uccide 200 civili, 60 sono bambini

Damasco, (askanews) - Un massacro con quasi 200 morti fra i civili, di cui 60 bambini. È il bilancio di tre giorni di bombardamenti incessanti sulla roccaforte ribelle della Ghouta, a Est di Damasco, da parte del regime siriano di Bashar al-Assad. Secondo l'Osservatorio siriano per i diritti umani, con sede in Gran Bretagna, l'attacco ha provocato 17 morti domenica 18, 127 morti lunedì 19 e 50 ...

 
Perché la regina di Danimarca sorride ai funerali del marito?

Perché la regina di Danimarca sorride ai funerali del marito?

Copenaghen, (askanews) - Circa 60 ospiti si sono stretti attorno alla famiglia reale danese per salutare il principe consorte Henrik, marito della regina Margherita II di Danimarca. Nelle immagini si vede la regina, 77 anni, che scende dall'auto vestita a lutto ma in più di un'occasione la si vede sorridente e quasi allegra. Presenti al funerale i figli della coppia, il principe ereditario ...

 
Scelti gli studenti più belli

Miss e mister 2018

Scelti gli studenti più belli

Un successo lo School Day gran finale 2018. Oltre 2000 le presenze: il pubblico degli istituti delle scuole superiori di Perugia e provincia in occasione del carnevale delle ...

19.02.2018

Con Montesano al Lyrick trionfa la romanità

L'intervista

Con Montesano al Lyrick trionfa la romanità

C’è Enrico Montesano sabato 17 e domenica 18 febbraio al teatro Lyrick di Assisi nell'anteprima nazionale del “Conte Tacchia”, commedia in musica, rivisitazione del film del ...

17.02.2018

Arriva Sfera Ebbasta

L'appuntamento

Arriva Sfera Ebbasta

Il Centro Commerciale Collestrada è pronto per un evento d'eccezione: domenica 18 febbraio alle 17 salirà sul palco Sfera Ebbasta, in tour per promuovere "ROCKSTAR" il nuovo ...

17.02.2018