Analizzata la terza traccia sul coltello: sarebbe di Amanda

Appello bis, perizia sul coltello

processo meredith

Analizzata la terza traccia sul coltello: sarebbe di Amanda

Gli esami del Ris non chiamano in causa né Sollecito né Guede. L'avvocato Maori: "Sono soddisfatto, esito scontato. Quella non è l'arma del delitto"

12.10.2013 - 17:32

0

Nel processo di appello bis ad Amanda Knox e Raffaele Sollecito le analisi genetiche tornano in primo piano. Il Ris di Roma ha analizzato la traccia sul coltello – l’arma del delitto secondo la ricostruzione della procura – che già nel primo processo di appello era stata individuata tra manico e lama ma finora non esaminata, a differenza di altre due (una sul manico e l’altra sulla lama). Il profilo genetico estratto sarebbe riconducibile solo ad Amanda Knox. L’accertamento si è svolto sulla base del quesito dei giudici ai periti che chiedeva di appurare l’eventuale presenza di Dna di Meredith o di Rudy Guede.

La traccia esaminata era quella all’intersezione tra manico e lama (il coltello è stato quindi ‘aperto’). La quantificazione dell’estratto ha restituito un Dna di 2 picogrammi. Un quantitativo che sarebbe risultato “too low” per procedere oltre in base alle vecchie tecniche, ma che adesso è stato possibile analizzare con attribuzione alla Knox.  Gli accertamenti tecnici, condotti in contraddittorio tra le parti, sono iniziati ieri e sono terminati oggi con un secondo esame come controprova.

Tra le prime reazioni, quella dell’avvocato Luca Maori, legale di Raffaele Sollecito. “Sono soddisfatto dell’esito, che non poteva che essere tale”, dice Maori alludendo al fatto che ad Amanda già era stata attribuita – senza contestazioni - la traccia trovata sul manico del coltello e sarebbe quindi “ovvio che il dito sia finito anche vicino all’intersezione”. In altre parole, è risultato che “la traccia analizzata non era che la prosecuzione di quella già presa in esame in precedenza” e che “l’attribuzione alla Knox è normale in relazione a un coltello che si trovava in casa di Sollecito e che la ragazza, come altri coltelli che lì si trovavano, può aver toccato e usato più volte”. Insomma, per Maori è “chiaro che quel coltello non è l’arma del delitto perché  in primo luogo incompatibile con le ferite inferte alla povera Meredith”.

Il 6 novembre è prevista la discussione dell'esito della perizia sul coltello presso la corte di assise di appello di Firenze. 

 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Pamela Prati prova a ballare la salsa al 'Golden Christmas Party'

Pamela Prati prova a ballare la salsa al 'Golden Christmas Party'

Sfilata di vip al Golden Christmas Party organizzato nel negozio Niki Nika di Roma in collaborazione con il brand di gioielli Amen. Durante il DJ set de Le Donatella, tra gli altri, si sono intrattenute nel negozio Manuela Arcuri, Rossella Brescia, Carolina Marconi e il calciatore Radja Nainggolan. Imperdibile il siparietto tra Pamela Prati e Matilde Brandi, in cui quest'ultima, sulle note di ...

 
Usa: l'attentatore di NY voleva la vendetta per i palestinesi

Usa: l'attentatore di NY voleva la vendetta per i palestinesi

New York (askanews) - Voleva vendicarsi degli attacchi israeliani contro i palestinesi. Lo ha detto nel primo interrogatorio il 27enne originario del Bangladesh che voleva farsi saltare in aria vicino a uno degli hub di trasporto più trafficati di New York City. Una volta catturato e trasferito in ospedale - dove è stato curato per le ferite subite per l'esplosione del dispostivo rudimentale che ...

 
Macron a Trump: su clima ha responsabilità di fronte a storia

Macron a Trump: su clima ha responsabilità di fronte a storia

Parigi (askanews) - Il presidente francese Emmanuel Macron ha lanciato un appello al suo omologo Usa Donald Trump a ricordare la sua "responsabilità di fronte alla Storia" in relazione alla decisione di ritirare gli Stati uniti dall'Accordo di Patrigi sul clima, in un'intervista ieri alla CBS alla vigilia di un summit sullo stesso tema che si terrà nella capitale francese. "Ci sono più di 180 ...

 
Brucia la California, incendio più grande di New York

Brucia la California, incendio più grande di New York

Roma, (askanews) - Brucia la California: il più devastante degli incendi che abbiano mai colpito la California del Sud continua ad espandersi, alimentato dai forti venti, e interessa una superficie più grande di New York City. L'incendio Thomas nelle contee di Ventura e Santa Barbara ha carbonizzato 230mila ettari nel corso di una settimana, allargandosi di oltre 50mila ettari in un solo giorno. ...

 
Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Golden Globe

Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Annunciate a Los Angeles le candidature per la 75esima edizione dei Golden Globe 2018, che si terranno il 7 gennaio al Beverly Hilton Hotel, sede della manifestazione. Bene ...

11.12.2017

E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

capitale in lutto

E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

E' morto Lando Fiorini. Il cantante, che avrebbe compiuto 80 anni a gennaio, è deceduto a Roma nel pomeriggio di sabato 9 dicembre dopo una lunga malattia. Le conferme sono ...

09.12.2017

Il funambolo e l'idea di Alchemika

Oltre l'esibizione

Il funambolo e l'idea di Alchemika

L’idea di riportare un equilibrista sospeso sulle teste dei perugini a un secolo da Strucinàide non è poi così nuova. Chi ha una qualche dimestichezza con la vita culturale ...

09.12.2017