Analizzata la terza traccia sul coltello: sarebbe di Amanda

Appello bis, perizia sul coltello

processo meredith

Analizzata la terza traccia sul coltello: sarebbe di Amanda

Gli esami del Ris non chiamano in causa né Sollecito né Guede. L'avvocato Maori: "Sono soddisfatto, esito scontato. Quella non è l'arma del delitto"

12.10.2013 - 17:32

0

Nel processo di appello bis ad Amanda Knox e Raffaele Sollecito le analisi genetiche tornano in primo piano. Il Ris di Roma ha analizzato la traccia sul coltello – l’arma del delitto secondo la ricostruzione della procura – che già nel primo processo di appello era stata individuata tra manico e lama ma finora non esaminata, a differenza di altre due (una sul manico e l’altra sulla lama). Il profilo genetico estratto sarebbe riconducibile solo ad Amanda Knox. L’accertamento si è svolto sulla base del quesito dei giudici ai periti che chiedeva di appurare l’eventuale presenza di Dna di Meredith o di Rudy Guede.

La traccia esaminata era quella all’intersezione tra manico e lama (il coltello è stato quindi ‘aperto’). La quantificazione dell’estratto ha restituito un Dna di 2 picogrammi. Un quantitativo che sarebbe risultato “too low” per procedere oltre in base alle vecchie tecniche, ma che adesso è stato possibile analizzare con attribuzione alla Knox.  Gli accertamenti tecnici, condotti in contraddittorio tra le parti, sono iniziati ieri e sono terminati oggi con un secondo esame come controprova.

Tra le prime reazioni, quella dell’avvocato Luca Maori, legale di Raffaele Sollecito. “Sono soddisfatto dell’esito, che non poteva che essere tale”, dice Maori alludendo al fatto che ad Amanda già era stata attribuita – senza contestazioni - la traccia trovata sul manico del coltello e sarebbe quindi “ovvio che il dito sia finito anche vicino all’intersezione”. In altre parole, è risultato che “la traccia analizzata non era che la prosecuzione di quella già presa in esame in precedenza” e che “l’attribuzione alla Knox è normale in relazione a un coltello che si trovava in casa di Sollecito e che la ragazza, come altri coltelli che lì si trovavano, può aver toccato e usato più volte”. Insomma, per Maori è “chiaro che quel coltello non è l’arma del delitto perché  in primo luogo incompatibile con le ferite inferte alla povera Meredith”.

Il 6 novembre è prevista la discussione dell'esito della perizia sul coltello presso la corte di assise di appello di Firenze. 

 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Luca Barbarossa: "Roma è de tutti, porto la romanità in tour"

Luca Barbarossa: "Roma è de tutti, porto la romanità in tour"

Roma, (askanews) - Una grande festa, con tanti ospiti, e la romanità al centro della scena. Luca Barbarossa festeggia il 29 giugno alla Cavea dell'Auditorium Parco della Musica il suo progetto "Roma è de tutti". Che l'artista racconta così: "Il progetto Roma è de tutti è una sorta di concept album, anche il concerto rispetta in scaletta dalla prima all'ultima canzone dell'album. Sono capitoli di ...

 
Su due ruote dal Sudafrica all'Angola: la missione dello Ied

Su due ruote dal Sudafrica all'Angola: la missione dello Ied

Roma, (askanews) - L'Istituto Europeo di Design insieme a Humacoo Foundation e MotoForPeace Onlus ha lanciato il progetto Missions_in missione per le missioni. Lo scorso aprile è partita la spedizione in Africa dei giovani creativi IED per dare un volto agli operatori delle missioni umanitarie in Sud Africa, Namibia e Angola e documentare il lavoro degli "anonimi" che si impegnano quotidianamente ...

 
Grande Guerra: a Ossana in mostra i reperti trovati sui ghiacciai

Grande Guerra: a Ossana in mostra i reperti trovati sui ghiacciai

Trento (askanews) - A cento anni di distanza, la Grande Guerra è per molti giovani solo un capitolo da leggere, magari da studiare, nei manuali di Storia. Nel piccolissimo borgo di Ossana nella val di Sole, invece, il sacrificio dei soldati sui due fronti di quella guerra devastante è ancora oggi ricordato e vissuto come un patrimonio della comunità. E qui è stato quindi deciso, con una insolita ...

 
Cultura

l mondo di Don Camillo e Peppone in una mostra che celebra Guareschi

Fino al 15 luglio a Villa Bertelli, Forte dei Marmi, la mostra ‘Don Camillo, Peppone e il crocifisso che parla’ è dedicata all’opera di Giovannino Guareschi. In concomitanza con le celebrazioni del cinquantenario della scomparsa dello scrittore, 70 scatti di Osvaldo Civirani raccontano la preparazione delle scene, i momenti di riposo e di lavoro prima del ciak. Un racconto nel racconto, che ...

 
Brad Mehldau, cancellato il concerto

Umbria jazz 2018

Brad Mehldau, cancellato il concerto

Il concerto di Brad Mehldau a Umbria Jazz previsto per il 18 luglio 2018 round midnight al teatro Morlacchi di Perugia è stato cancellato per cause indipendenti dalla volontà ...

23.06.2018

Una Sagra musicale di Guerra e Pace

St Jacob's Chamber Choir

Grandi festival

Una Sagra musicale di Guerra e Pace

Una Sagra monumentale capace di mostrare tutto il suo valore di patrimonio storico e vivo della città e del territorio. E’ così che organizzatori, istituzioni e il direttore ...

23.06.2018

Musica e teatro in quota

Suoni Controvento prendono forma dallo spazio

Un viaggio negli inferi di monte Cucco seguendo il Caino di George Byron, le sue parole, passo dopo passo, lentamente. Oppure là fuori, nella luce del tramonto, a rivedere un ...

23.06.2018