Cantiere didattico per scoprire la Pala del Signorelli

Cantiere didattico per scoprire la Pala del Signorelli

Aprirà lunedì  prossimo nel museo dell'opera del Duomo a Orvieto. Sarà possibile seguire da vicino il restauro

14.07.2012 - 17:16

0

Sabrina Busiri Vici

Entrare nel cantiere di un   restauro è come prendere la macchina del   tempo e indietreggiare di secoli. E’ un modo   per condividere il patrimonio e le ricchezze   della nostra terra. Insomma, tanti  ottimi motivi per non perdersi il cantiere  didattico che sarà allestito a partire da lunedì  prossimo nel museo dell’opera del   Duomo a Orvieto per seguire da vicino il  restauro della Pala di Paciano, opera attribuita   a Luca Signorelli e ai suoi collaboratori.   “E’ una prima occasione, ma non sarà   l’ultima - premette il soprintendente ai   beni artistici per l’Umbria, Fabio De Chirico   -, abbiamo lavorato per creare all’interno   del percorso espositivo sul Signorelli  l’opportunità di seguire un cantiere didattico   e per capire meglio cosa c’è dietro  un’opera d’arte. E’ un modo più vivo di   fruire il patrimonio artistico, perciò con  l’apertura di questo cantiere vogliamo condividere   con il pubblico le diverse fasi dell’intervento   partendo dalle indagini diagnostiche   che vedremo dal vivo e attraverso  schermi televisivi, per poi passare al   ‘manuale’ lavoro dei restauratori che seguiremo   quotidianamente”.   La nuova iniziativa si spera rilanci la grande  mostra sul Signorelli che, nonostante   l’indubbio valore scientifico tributato dagli   esperti a livello internazionale, fatica a   dare i risultati sperati in termini di presenze.   Il soprintendente commenta: “La mostra   risente di un calo fisiologico che investe   l’intero Paese, dal quale si mettono al   riparo solo i siti istituzionali, come i musei   vaticani; tuttavia in futuro sarà comunque   necessaria una riflessione su modelli espositivi di questo tipo. Ma al di là dei numeri non bisogna perdere di vista gli omaggi che arrivano a livello internazionale alla   mostra, perciò speriamo che il cantiere serva   a riaccendere l’interesse”.E per non perdersi   tutte le potenzialità dell’offerta, il   cantiere non chiuderà con la mostra il 26   agosto, ma si protrarrà anche nel mese di   settembre per cercare di coinvolgere gli studenti   alla ripresa dell’anno scolastico.   Il progetto di recupero della Pala, completa   di predella e cornice, prevede una prima   fase affidata alla diagnostica con l’uso di   nuove tecnologie che permetteranno di arrivare a   risultati ben più importanti di quelli   raggiunti finora: la pala è, infatti, in cattive condizioni   conservative fin dal Settecento   ed è stata oggetto di restauro numerose   volte. Tant’è che non gode oggi di particolare   attenzione da parte della critica. “Le  nostre tecnologie uniscono il lavoro di   scienziati, storici dell’arte e restauratori e   permettono di operare come un unico corpo”   ci tiene a puntualizzare Stefano Ridolfi   di Asr Mensurae, specialista in analisi   diagnostiche di opere d’arte. Alla diagnostica seguirà il lavoro di restauro e conservazione:   “La Pala ha il 35 per cento delle   sue parti mancanti ed è impoverita da numerosi   interventi di ripulitura - spiega Bruno Bruni   della Cobec, la cooperativa spoletina   che seguirà il lavoro -. L’ultimo intervento,   compiuto alla fine degli anni Ottanta,   ha lasciato ‘nere’ le parti non interpretabili,   e adesso grazie proprio alle tecnologie   avanzate, a reagenti e solventi di ultima  generazione si cercherà di rimuovere tutti   gli interventi posticci e procedere verso un  restauro di ricostruzione estetica e cromatica   per ridare leggibilità all’opera”.   Il cantiere didattico rappresenta per il Museo   dell’opera del Duomo (Modo) una   passo in più nell’evoluzione di un progetto,   secondo la curatrice Alessandra Cannistrà,   che prevede l’acquisizione di nuovi   spazi e ulteriori adeguamenti. “La soprintendenza   guarda a Orvieto - aggiunge De   Chirico -: a settembre si partirà anche con   la mappatura digitalizzata di tutta l’opera  del Signorelli”.           

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

La giacca del mistero: Melania e il "non me ne importa niente"

La giacca del mistero: Melania e il "non me ne importa niente"

Roma, (askanews) - E' il mistero di Melania Trump: la first lady si è diretta in un centro per bambini migranti in Texas e partendo dalla base militare di Andrews portava questa giacca verde. Sul dorso una scritta, "I really don't care, and U?" Cioé "a me non importa proprio nulla, e a te?". La portavoce della first lady ha subito negato che si trattasse di un messaggio nascosto. La stampa di ...

 
I fratelli De Angelis live: "Coro dei pompieri nostro tormentone"

I fratelli De Angelis live: "Coro dei pompieri nostro tormentone"

Roma, (askanews) - Guido e Maurizio De Angelis, due leggende delle colonne sonore del cinema italiano, saranno in concerto a Roma il 1 luglio (alla Cavea dell'Auditorium Parco della Musica) per la Reunion Live degli Oliver Onions, uno degli pseudonimi con cui sono conosciuti i due fratelli che nella loro lunga carriera artistica hanno scritto successi per Jane Birkin, Agnetha (Faltskog) degli ...

 
Gruppo Ferrero presenta VIII rapporto di responsabilità sociale

Gruppo Ferrero presenta VIII rapporto di responsabilità sociale

Roma, (askanews) - Presentato al Salone d'onore del Coni, alla presenza del presidente del Comitato Olimpico Giovanni Malagò, l'ottavo Rapporto di Responsabilità Sociale d'Impresa del gruppo Ferrero. Con oltre 70 anni di Glocalcare (cura e rispetto "glocal") per le persone e per il pianeta, Ferrero costruisce così il suo approccio alla sostenibilità basandosi sostanzialmente sulla strategia di ...

 
L'Alchimista sul trono

Quattro Ristoranti

L'Alchimista sul trono delle enoteche gastronomiche

Giovedì 21 giugno alle ore 21.15 su Sky Uno hd è arrivata la nuova puntata inedita di Alessandro Borghese 4 Ristoranti (LEGGI Quattro ristoranti, in onda la puntata girata in ...

21.06.2018

Tre giorni di musica (e non solo) al tramonto

Moon in june

Tre giorni di musica (e non solo) al tramonto

Dopo l’anteprima del 22 giugno al teatro di Tuoro (alle 21) con le sperimentazioni elettroniche di Fields Conduction e il concerto dei Lstcat insieme a Ginevra Di Marco e ...

21.06.2018

Su Rai3 lo speciale sulla Quintana

foligno

Su Rai3 lo speciale sulla Quintana

Il fascino e le emozioni della Quintana sbarcano su Rai3, che sabato 23 giugno manderà in onda uno speciale di 66 minuti dedicato alla giostra vinta dal rione Cassero. ...

21.06.2018