Sanità in Umbria, si cambia: a Narni e Assisi non si nascerà più

Sanità in Umbria, si cambia: a Narni e Assisi non si nascerà più

Indiscrezioni sulla riorganizzazione. Nuovo polo di chirurgia pediatrica nella città serafica e di ortopedia a Pantalla

06.04.2013 - 18:30

0

Un polo di chirurgia pediatrica ad Assisi (che perderà il punto nascita) e uno più strutturato di ortopedia a Pantalla. Sono due pezzi del complesso puzzle di riorganizzazione dei servizi su cui sta lavorando alacremente la direzione regionale della sanità. Pur chiudendo i conti del2012in sostanziale equilibrio, quest’anno il comparto dovrà fare i conti con i tagli del governo. In Umbria arriverà l’1,20 per cento in meno di risorse. Sembrano solo briciole, invece si tratta di ben venti milioni di euro. Il confronto tra il direttore regionale Emilio Duca e i quattro responsabili delle Aziende è pressoché quotidiano e anche in assenza di notizie ufficiali e ufficiose, trapelano indiscrezioni su quello che sembra essere il piano di lavoro e sui primi provvedimenti.

Taglio punti nascita.
Entro il 2013 ne dovranno essere chiusi due. Pare ormai scontato che la scelta cadrà su quelli di Narni e di Assisi. Il primo caso sembra più complicato perché al momento la struttura di Terni non è ancora in grado di assorbire tutto il lavoro di quella narnese. Meno complessa la situazione di Assisi, visto che i parti che gestisce potrebbero essere divisi tra Perugia e Foligno. La Regione vuole fare in fretta. L’obiettivo è stilare un cronoprogramma entro l’inizio dell’estate e provvedere nei mesi successivi alla chiusura

Chirurgia pediatrica.
Assisi perderà il punto nascita ma- sempre se le indiscrezioni troveranno conferma - guadagnerà un polo di chirurgia pediatrica. Sarà la stessa equipe del Santa Maria della Misericordia di Perugia ad“allungarsi” nella vicina struttura assisana per tutti quei piccoli interventi che non necessitano di essere effettuati in un ospedale per acuti come quello del capoluogo. Sono diversi gli obiettivi da centrare: decongestionare il Santa Maria e al tempo stesso cercare di accorciare le liste di attesa e di conseguenza limitare la mobilità passiva. Ma anche assegnare una nuova mission alla struttura sanitaria di quella che è considerata la città umbra più conosciuta nel mondo

Ortopedia.
Progetto fotocopia per Pantalla. In questo caso, però, il reparto sarebbe quello di ortopedia. Arricchendo la struttura perugina di qualche unità, si vuole garantire la presenza e la piena operatività della stessa anche nell’ospedale della Media Valle del Tevere. E’ chiaro che diventerebbe un punto di riferimento per i pazienti della zona, anche in questo caso facendo respirare il reparto di Perugia

Delocalizzare. Il termine non è appropriato, ma rende l’idea. Questi primi interventi dovrebbero consentire di “spalmare” sul territorio una parte del lavoro degli ospedali primari, dare vocazioni specifiche alle strutture periferiche, diminuendo le attese. Senza gravare sul bilancio e razionalizzando i costi. Fino ad arrivare a risparmiare quei venti milioni di cui l’Umbria da quest’anno non può più disporre.

A cura di Giuseppe Silvestri

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Lavoro e carcere, a Pozzuoli nasce la sartoria Marinella

Lavoro e carcere, a Pozzuoli nasce la sartoria Marinella

Napoli, (askanews) - Una sartoria artigianale nel carcere femminile di Pozzuoli, un progetto congiunto fra la celebre casa Marinella produttrice di cravatte di lusso e il ministero della Giustizia. Le cravatte realizzate saranno destinate a doni istituzionali e alla polizia penitenziaria. Il lavoro è cruciale per riconnettere l'individuo con la società, ha detto il ministro della Giustizia Andrea ...

 
A Lione all'asta uno scheletro di mammut di 15mila anni fa

A Lione all'asta uno scheletro di mammut di 15mila anni fa

Lione, (askanews) - All'asta a Lione presso la casa d'aste Aguttes un gigantesco scheletro di mammuth, risalente a 12mila o 15mila anni fa. Fu ritrovato una decina d'anni fa nel ghiaccio della Siberia. E' il più grande esemplare di mammuth mai messo in vendita nelle mani di un proprietario privato; prezzo iniziale fra i 450mila e i 500mila euro. Ne spiega l'importamza Eric Mickeler della Camera ...

 
Gentiloni: intesa Brexit, ora via a seconda fase, molto complessa

Gentiloni: intesa Brexit, ora via a seconda fase, molto complessa

Bruxelles, (askanews) - "Il consiglio europeo ha approvato l'intesa tra la commissione europea e il governo britannico che di fatto avvia una seconda fase del processo di separazione del Regno Unito dall'Unione". Lo ha annunciato da Bruxelles il premier italiano Paolo Gentiloni. "La seconda fase inizia adesso con la consapevolezza che si tratta di un tema molto complicato".

 
Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Golden Globe

Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Annunciate a Los Angeles le candidature per la 75esima edizione dei Golden Globe 2018, che si terranno il 7 gennaio al Beverly Hilton Hotel, sede della manifestazione. Bene ...

11.12.2017

E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

capitale in lutto

E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

E' morto Lando Fiorini. Il cantante, che avrebbe compiuto 80 anni a gennaio, è deceduto a Roma nel pomeriggio di sabato 9 dicembre dopo una lunga malattia. Le conferme sono ...

09.12.2017

Il funambolo e l'idea di Alchemika

Oltre l'esibizione

Il funambolo e l'idea di Alchemika

L’idea di riportare un equilibrista sospeso sulle teste dei perugini a un secolo da Strucinàide non è poi così nuova. Chi ha una qualche dimestichezza con la vita culturale ...

09.12.2017