Caso Regeni, la madre: "L'ho riconosciuto solo grazie al naso"

Caso Regeni, la madre: "L'ho riconosciuto solo grazie al naso"

30.03.2016 - 10:40

0

La madre di Giulio Regeni ha parlato con determinazione e voce ferma. Si avvertivano senso di pietà, commozione, ma anche con l’orgoglio di chi è consapevole del valore morale e intellettuale del figlio, certa dell’alto significato della missione che stava svolgendo e che proprio la sua memoria e il suo ricordo avranno nel futuro del Paese, l’Egitto, che stava studiando, e non solo dell’Egitto.
“L’ho riconosciuto solo grazie alla punta del suo naso, per dare l’idea di come me l’hanno ridotto”.
Cosa c’è di più tremendo per una madre di questo? E per un Paese? Per l’Italia? Cosa c’è di peggio?
L’indignazione sembra, a dire il vero, ferma e generale.
A partire dal presidente della commissione diritti umani Luigi Manconi, ieri in conferenza stampa al Senato con i genitori di Giulio Regeni, Paola e Claudio, che non crede alla versione fornita dalle autorità egiziane il 24 e il 25 marzo sulla morte del ragazzo italiano. “Una menzogna con qualche tratto di oscenità”, l’ha definita in maniera decisa. E proprio per contribuire a fare maggiore chiarezza, ha aggiunto, “è necessario che si senta la voce dei familiari di Giulio, una voce finora discreta e chiusa nel dolore, affinché la storia non venga consegnata all’oblio”. Claudio Regeni, durante il suo intervento, ha ricordato la storia e il percorso del figlio, dalla nascita ai suoi studi che l’hanno portato in Egitto. “Son qui per dire che vorremmo continuare a lottare per portare avanti i valori di Giulio”, ha ammesso.
Poi la madre: “Non è facile essere qui e continuiamo a rinnovare il dolore, ma è un dolore necessario – ha sottolineato –. Quello che è successo a Giulio non è un caso isolato come hanno detto le autorità egiziane. Giulio era lì non per andare in guerra, ma per fare ricerca e invece è morto sotto tortura. Era un ragazzo contemporaneo ma mi verrebbe da dire del futuro, se non è stata capita la sua apertura al mondo. Avete visto il suo bel viso sempre sorridente con uno sguardo aperto” mentre durante il riconoscimento “sul viso di Giulio ho visto il male che gli è stato fatto. L’ho riconosciuto solo dalla punta del suo naso. Continuerò sempre a dire ‘verità per Giulio’ e aspettiamo il 5 aprile che arrivino gli egiziani.Ma cosa ci diranno?”, ha sottolineato la madre Paola, aggiungendo che “se sarà una giornata vuota confidiamo in una risposta forte del nostro governo. Ma forte”.
“Stiamo collaborando con la procura ma le investigazioni purtroppo le stanno facendo soprattutto al Cairo – ha confessato il legale della famiglia Alessandra Ballerini -. Stiamo nominando anche degli avvocati” in Egitto e “stiamo chiedendo gli stessi elementi che ha chiesto la procura. Non pensiamo che il 5 aprile ci venga consegnato il colpevole, sarà un incontro solo tra investigatori di polizia a quanto ci è dato sapere” e “non sappiamo cosa ci porteranno rispetto a quello che abbiamo chiesto”.
“La mobilitazione” per la verità sul caso di Giulio Regeni “non deve smettere mai. Perché domani ce ne venderanno un’altra di falsa pista”, ha concluso il legale.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

I topi invadono il percorso verde
Emergenza a Perugia

I topi invadono il percorso verde

Sono tantissimi i topi che da un mese a questa parte stanno popolando l'area verde di Pian di Massiano a Perugia. I roditori si concentrano nel tratto di percorso compreso tra la pista ciclabile e il campo da calcio. Ma non è solo questa la criticità del parco cittadino più frequentato. Servizio completo sul Corriere dell'Umbria di venerdì 20 luglio

 
Salvini querela Saviano, Delrio: "Incommentabile, ministro che minaccia chi osa dissentire"

Salvini querela Saviano, Delrio: "Incommentabile, ministro che minaccia chi osa dissentire"

(Agenzia Vista) Napoli, 19 luglio 2018 Salvini querela Saviano, Delrio incommentabile, ministro che minaccia chi osa dissentire Il capogruppo del Partito Democratico, Graziano Delrio, incontra presso la sede del consiglio comunale i giovani amministratori Dem della Campania."Incommentabile, ministro che minaccia chi osa dissentire". Queste le parole di Delrio ai giornalisti sulla querela del ...

 
Bimba rom ferita, Delrio: "Occorre sforzo per affermare principio dell'uguaglianza tra persone"

Bimba rom ferita, Delrio: "Occorre sforzo per affermare principio dell'uguaglianza tra persone"

(Agenzia Vista) Napoli, 19 luglio 2018 Bimba rom ferita, Delrio: "Occorre sforzo per affermare principio dell'uguaglianza tra persone" Il capogruppo del Partito Democratico, Graziano Delrio, incontra presso la sede del consiglio comunale i giovani amministratori Dem della Campania. "Occorre uno sforzo per affermare il principio dell'uguaglianza tra persone nel nostro Paese". Queste le parole di ...

 
PD, Delrio: "Mettere da parte le correnti e ripartire dalla gente"

PD, Delrio: "Mettere da parte le correnti e ripartire dalla gente"

(Agenzia Vista) Napoli, 19 luglio 2018 PD, Delrio mettere da parte le correnti e ripartire dalla gente Il capogruppo del Partito Democratico, Graziano Delrio, incontra presso la sede del consiglio comunale i giovani amministratori Dem della Campania. "Bisogna mettere da parte le correnti e ripartire dalla gente". Queste le parole di Delrio. AltrimondiNews Fonte: Agenzia Vista / Alexander ...

 
Quelli dei Massive Attack

Umbria Jazz 2018

Quelli dei Massive Attack

La lunga notte dei Massive Attack all'Arena Santa Giuliana per Umbria Jazz fra tanta musica, effetti speciali e un'abbondante pioggia che non ha fermato entusiasmo e note ... ...

17.07.2018

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

Umbria Jazz

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

L'acquazzone che si è abbattuto per qualche minuto sull'arena Santa Giuliana di Perugia non ha scoraggiato assolutamente il popolo di Umbria Jazz e l'attesissimo concerto ...

17.07.2018

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Il festival

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Poco dopo le 22 la luna si oscura e nubi nere scatenano un acquazzone sul popolo dei Massive Attack, all'arena Santa Giuliana. Hanno partecipato in tanti, sia sulle gradinate ...

16.07.2018