Sergio Casagrande in bianco e nero

LAPIS

Gerusalemme e la speranza infranta

09.12.2017 - 12:14

0

La scelta di Donald Trump è stata davvero clamorosa, addirittura storica.
E’ vero che lo aveva promesso già in campagna elettorale. Ma nessuno, fino a pochi giorni fa, era pronto a scommettere che il presidente degli Stati Uniti d’America sarebbe passato realmente dalle parole ai fatti.


Riconoscere Gerusalemme capitale di Israele, trasferendoci la sede dell’ambasciata da Tel Aviv, non è una formalità qualunque. Ma è un atto che spacca il solco tracciato da decenni di trattative e accordi che avevano, se non placato gli animi, gettato quantomeno le basi attorno a una flebile speranza di una possibile soluzione dell’eterno conflitto dell’area più calda della terra. Una speranza traballante, minacciata quotidianamente, ridotta a volte quasi a un velo di facciata e ritenuta da tanti un semplice miraggio, ma pur sempre una speranza. E, per giunta, l’unica.


Due popoli per due Stati, due Stati per una città sono le ultime possibilità rimaste in mano ai negoziatori per poter indurre le parti a non rialzare il tiro. Ma ora una forzatura come quella fatta da Trump infrange gli equilibri e rischia di avere conseguenze devastanti non solo nel confronto tra due popoli (israeliano e palestinese) ma anche in quello tra due mondi (quello schierato dalla parte palestinese e quello schierato con gli israeliani). Mondi che includono, purtroppo, anche realtà pregne di ideologie, fanatismi religiosi, odi e rancori.


Gerusalemme è già una capitale riconosciuta universalmente: è la capitale delle tre principali religioni monoteiste della Terra. E la storia dei tanti conflitti nati all’interno delle sue mura o ruotateli attorno inizia nella notte dei tempi ed è un monito per tutta l’umanità.


Riconoscerla ora come una capitale politica unilaterale, più che una forzatura per una soluzione, può rivelarsi una scelta davvero esplosiva. E in un periodo in cui le tensioni in giro per il pianeta sono diventate davvero tante, una cosa è sicura: è una novità di cui chi ancora sogna un mondo di pace non ne sentiva il bisogno. Come non sentiva il bisogno di molte altre scelte avventate che in questo agitato inizio del terzo millennio invece di ottenere soluzioni hanno soltanto riacceso focolai che potevano rimanere sopiti. E a Gerusalemme il fuoco cova da più di mille anni. E neppure sotto la cenere.
Sergio Casagrande
sergio.casagrande@gruppocorriere.it
Twitter: @essecia

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Ilva, Toti: "Non inseguire idee fantasiose, serve impegno concreto"

Ilva, Toti: "Non inseguire idee fantasiose, serve impegno concreto"

(Agenzia Vista) Liguria, 18 luglio 2018 "Riteniamo che non si possa, in un settore cosi' delicato e dopo tanto tempo, inseguire fantasiose idee che ci portino fuori strada, ma bisogna concretamente impegnarsi con le pietanze che sono sul tavolo per costruire l'ingresso in azienda di Mittal e l'inizio di questa nuova avventura". Lo ha detto il governatore ligure Giovanni Toti, parlando di Ilva in ...

 
Funerale della Sanita' pubblica a Napoli, i manifestanti: "De Luca ha fallito si dimetta"

Funerale della Sanita' pubblica a Napoli, i manifestanti: "De Luca ha fallito si dimetta"

(Agenzia Vista) Napoli, 18 luglio 2018 Funerale della Sanita' pubblica a Napoli De Luca ha fallito si dimetta Nel piazzale antistante l'ospedale LoretoMare va in scena il funerale della Sanità pubblica organizzato dal Movimento meridionalista e dal Movimento Idea Sociale. I partecipanti puntano il dito contro il Governatore, Vincenzo De Luca, invitandolo a dimettersi. AltrimondiNews Fonte: ...

 
Legittima difesa, Fontana (pres. Lombardia): "E' una priorità per il Governo"

Legittima difesa, Fontana (pres. Lombardia): "E' una priorità per il Governo"

(Agenzia Vista) Milano, 18 luglio 2018 "La legge sulla legittima difesa, essendo stata presentato in campagna elettorale io credo sia una priorità di questo Governo". Queste le parole del presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana a margine della seduta pubblica della Commissione antimafia del consiglio Regionale in occasione dell'anniversario della morte di Borsellino Fonte: Agenzia ...

 
Commissione Ue: "Multa a Google da 4,3 mld"

Commissione Ue: "Multa a Google da 4,3 mld"

(Agenzia Vista) Roma, 18 luglio 2018 Commissione Ue Multa a Google da 4,3 mld La Commissione europea ha comminato a Google una multa record da 4,34 miliardi per aver violato le regole della concorrenza. Lo dichiara la Commissione, confermando le indiscrezioni circolate in queste ore. In particolare Google e' stata multata per aver, dal 2011, "imposto restrizioni illegali ai produttori di ...

 
Quelli dei Massive Attack

Umbria Jazz 2018

Quelli dei Massive Attack

La lunga notte dei Massive Attack all'Arena Santa Giuliana per Umbria Jazz fra tanta musica, effetti speciali e un'abbondante pioggia che non ha fermato entusiasmo e note ... ...

17.07.2018

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

Umbria Jazz

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

L'acquazzone che si è abbattuto per qualche minuto sull'arena Santa Giuliana di Perugia non ha scoraggiato assolutamente il popolo di Umbria Jazz e l'attesissimo concerto ...

17.07.2018

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Il festival

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Poco dopo le 22 la luna si oscura e nubi nere scatenano un acquazzone sul popolo dei Massive Attack, all'arena Santa Giuliana. Hanno partecipato in tanti, sia sulle gradinate ...

16.07.2018