Sergio Casagrande in bianco e nero

LAPIS

Il venerdì nero del Black Friday

25.11.2017 - 12:55

0

La globalizzazione, a volte, può far più danni della grandine. Mettetevi per un attimo nei panni di quei poveri commercianti che gestiscono ancora in proprio - e a fatica - il loro negozietto. E immaginate come possono aver passato la giornata del 24 novembre 2017…


Altro che Black Friday! Un venerdì nero sì, ma nel vero senso della parola. Schiacciati dai frutti insensati della globalizzazione galoppante, quanti di loro hanno potuto tenere il passo della concorrenza più agguerrita, costituita oggi oltre che dai franchising e dalla grande distribuzione anche dall'e-commerce ?


E poi, siete convinti che ci siano stati dei reali vantaggi per noi consumatori? O vi sentite presi in giro per il fatto che non siete riusciti ad accaparrarvi il prodotto tanto ambito e per averlo oggi, che è tornato un giorno normale, dovete pagarlo comunque a prezzo pieno? Oppure, non vi sentite beffati perché quello che avete comprato appena qualche settimana fa, ieri ve lo siete ritrovato offerto a un prezzo nettamente più basso?


E il commercio, inteso come un mondo globale oltre che globalizzato, ha ottenuto realmente qualcosa di positivo? Si è veramente convinti che incentivare per un solo giorno gli acquisti con forti promozioni aiuta il mercato e induce a consumare di più? O, invece, rischia di far danni perché crea troppe aspettative incapaci di essere accontentate e concentra gli stimoli di fare acquisti solo in un ristrettissimo periodo dell’anno? Problemi, tra l'altro, che potrebbero presentarsi proprio per le spese più consistenti, visto che quest'anno qualcuno ha lanciato la moda di abbinare il Black Friday perfino alla vendita di automobili e abitazioni.


Qual è, insomma, la reale ragione del Black Friday?


Negli Stati Uniti è, da sempre, il giorno successivo al giorno del Ringraziamento e tradizionalmente dà inizio alla stagione dello shopping natalizio.

Wikipedia, più precisamente, ci ricorda che il Black Friday è “un giorno, per quanto non festivo, particolarmente importante sotto l'aspetto commerciale poiché costituisce un valido indicatore sia sulla predisposizione agli acquisti, sia indirettamente sulla capacità di spesa dei consumatori statunitensi, tanto da essere attentamente osservato e atteso dagli analisti finanziari e dagli ambienti borsistici statunitensi e internazionali”.


Ma il mercato italiano, nonostante l’avanzare della globalizzazione, è ancora lontano anni luce da quello statunitense. E i consumatori italiani non sono come quelli americani.


Ecco quindi, che un Black Friday sfrenato, in Italia potrebbe in realtà far più danni al commercio che creare incentivi alle spese natalizie.


E’ già successo, per esempio, da quando è esplosa la crisi, con i saldi. Che oggi si è stati costretti ad anticipare fino a periodi inimmaginabili solo pochi anni fa. Ed è molto probabile che riaccada. Soprattutto se il consumatore comincerà a riflettere…

Sergio Casagrande
sergio.casagrande@gruppocorriere.it
Twitter: @essecia

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Di Maio a "Italia 18": Ora per fare notizia sbaglio i gerundi

Di Maio a "Italia 18": Ora per fare notizia sbaglio i gerundi

Milano, (askanews) - "Guardi non fanno più notizia, sto iniziando a sbagliare i gerundi magari riesco a fare più notizia, visto che non parla mai del merito ma di queste cose. Tra l'altro a quei signori che hanno fatto i maestrini ho risposto che quella forma è corretta e lo dicono anche fior fiore di persone che si occupano di grammatica. Vedo sempre questi maestrini che ci correggono ...

 
Malagò: Carolina Kostner portabandiera alla cerimonia di chiusura

Malagò: Carolina Kostner portabandiera alla cerimonia di chiusura

PyeongChang (askanews) - "Abbiamo voluto pensare a Carolina per riconoscenza, per gratitudine per questa meravigliosa carriera che ha fatto": così il presidente del Coni, Giovanni Malagò, ha annunciato e motivato la scelta di Carolina Kostner come portabandiera azzurra alla cerimonia di chiusura dei Giochi olimpici invernali di PyeongChang. Un omaggio a tutta la sua carriera e un auspicio perché ...

 
Malagò: Olimpiadi al femminile, per le donne ancora più difficile

Malagò: Olimpiadi al femminile, per le donne ancora più difficile

PyeongChang (askanews) - "Medaglie che hanno ancora più valore a fronte delle maggiori difficoltà che nel nostro Paese le donne continuano ad avere per poter fare sport a livelli importanti". In questo modo il presidente del Coni Giovanni Malagò ha voluto rendere omaggio alle molte medaglie conquistate da atlete nei Giochi invernali di PyeongChang.

 
Olimpiadi, Malago: dieci medaglie, prossima volta ancora meglio

Olimpiadi, Malago: dieci medaglie, prossima volta ancora meglio

PyeongChang (askanews) - Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, da PyeongChang ha tracciato un bilancio della spedizione italiana alle Olimpiadi invernali sudcoreane. Dieci medaglie, di cui tre d'oro, "un risultato per il quale tutti avremmo firmato prima di partire". Un risultato che migliora quelli degli ultimi Giochi invernali e che ora, per le prossime edizioni, ci impone di fare ancora ...

 
I tanti universi del Fuseum

Alla scoperta dell'arte

I tanti universi del Fuseum

In mezzo al verde e alla natura di Montemalbe, bella collina di Perugia, da una casa museo s’alza il richiamo di una nuova stagione. Quella casa è l’universo dei tanti ...

23.02.2018

Ritmo e adrenalina, c'è Caparezza

In concerto

Ritmo e adrenalina, c'è Caparezza

Qualcuno si ricorderà quella notte d’inverno di quattordici anni fa. Metà gennaio del 2004, giorno più giorno meno. A Perugia c’era ancora il Norman, e il più delle volte i ...

23.02.2018

Ultimo e Moro, passaggio in Umbria

Dal palco dell'Ariston

Ultimo e Moro, passaggio in Umbria

L’eco di Sanremo 2018 si fa sentire. Con l’arrivo di due big. Mercoledì 28 febbraio alle 17.30 il centro commerciale Quasar Village di Ellera di Corciano ospiterà il ...

23.02.2018