Sergio Casagrande in bianco e nero

LAPIS

Il raccomandato col prosciutto sotto il braccio

14.10.2017 - 10:06

0

Sfugge alle statistiche, ma un luogo comune vuole che, almeno fino agli anni ’90, il regalo più comune di un umbro che intendeva ottenere una raccomandazione, fosse il prosciutto. In un numero di esemplari direttamente proporzionale all’importanza e all’influenza del soggetto al quale si chiedeva di intercedere a favore della propria causa.


Con i prosciutti, dicono i maligni, prosciutti di quelli buoni, fatti in casa o preparati personalmente dall’allevatore amico e della montagna, molti umbri avrebbero costruito carriere, attività e imprese. Sistemato figli, nipoti e parenti nelle aziende pubbliche, come in quelle private, con una netta preferenza verso le prime. Ma prima di tutto ciò, sempre con il prosciutto recapitato o portato di persona all’indirizzo giusto, avrebbero permesso, sempre ai propri figli e ai propri nipoti, di evitare l’odiato obbligo del servizio militare di leva.


Maldicenze, di sicuro. Forse legate solo al fatto che l’Umbria è la terra natia dei norcini e fino a qualche decennio fa aveva ancora buona parte della sua popolazione legata all’agricoltura, agli allevamenti e, in qualche modo, alla campagna. Infatti, nemmeno un solo coscio di maiale, salato e stagionato, è mai finito sul banco delle prove d’accusa nel corso di tutti quei procedimenti giudiziari che, fino ad oggi, hanno visto imputati di tutte le risme finire nella bufera per presunti o reali casi di corruzione. E per reati conseguenti favoritismi o atti di raccomandazione.


Ma se di regalie di prosciutti non si è mai trattato, qualcosa di sicuro è passato di mano per ottenere una spintarella, un aiutino o una facilitazione. Anzi, stando alla prima indagine condotta dall’Istat sui fenomeni corruttivi in Italia, ancora passa di mano.
L’istituto di statistica ha infatti condotto una serie di interviste in tutta Italia per sapere se ci sono italiani e intere famiglie che, nel corso della loro vita, si sono ritrovati coinvolti direttamente o indirettamente in casi del genere. E i dati che sono stati resi noti giovedì 12 ottobre 2017 sono impietosi per l’Umbria.

La nostra regione è quinta per raccomandazioni in relazione alla ricerca del lavoro (26,3%) ed è settima per percentuale (14,6%) di persone che conoscono qualcuno (amici, parenti, colleghi) a cui sono stati richiesti denaro, favori o regali in cambio di qualcosa. In quest’ultimo ambito è addirittura terza (3,7%) per vicende legate ad aiuti nel campo dell’istruzione; ottava (4,1%) per un qualcosa riconducibile all’assistenza; nona (6%) per un favore o un servizio nel settore sanitario e in quello degli uffici pubblici.


Inoltre, l’11,3 per cento degli umbri intervistati ha ammesso di aver ricevuto personalmente la richiesta di raccomandazione, di favore o di fare da intermediario con altri.


Prosciutti o no, quindi, di certo il fenomeno in Umbria c’è. Ed è ancora particolarmente diffuso. Poi, se davvero di prosciutti si tratta, c’è allora da ben sperare: perché sul fronte occupazionale siamo davvero arrivati all’osso...


Se continua così, per ottenere un posto di lavoro in un territorio che si ritrova sempre più arido (la conferma arriva dall’ultimo bilancio sociale dell’Inps dell’Umbria pubblicato presentato anch'esso giovedì 12 ottobre), nemmeno un intero container pieno di prosciutti offerto in regalo potrebbe essere sufficiente a corrompere qualcuno per far trovare un impiego al raccomandabile di turno.


E allora chissà, potrebbe essere la volta buona: che a farsi spazio si ritrovino solo i soggetti davvero validi e meritevoli. Forse pochi, ma sicuramente buoni. Proprio come quei prosciutti che qualcuno giura di aver visto circolare, incartati e sotto il braccio, in lungo e in largo per l’Umbria.

Sergio Casagrande
sergio.casagrande@gruppocorriere.it
Twitter: @essecia

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Ilva, Toti: "Non inseguire idee fantasiose, serve impegno concreto"

Ilva, Toti: "Non inseguire idee fantasiose, serve impegno concreto"

(Agenzia Vista) Liguria, 18 luglio 2018 "Riteniamo che non si possa, in un settore cosi' delicato e dopo tanto tempo, inseguire fantasiose idee che ci portino fuori strada, ma bisogna concretamente impegnarsi con le pietanze che sono sul tavolo per costruire l'ingresso in azienda di Mittal e l'inizio di questa nuova avventura". Lo ha detto il governatore ligure Giovanni Toti, parlando di Ilva in ...

 
Funerale della Sanita' pubblica a Napoli, i manifestanti: "De Luca ha fallito si dimetta"

Funerale della Sanita' pubblica a Napoli, i manifestanti: "De Luca ha fallito si dimetta"

(Agenzia Vista) Napoli, 18 luglio 2018 Funerale della Sanita' pubblica a Napoli De Luca ha fallito si dimetta Nel piazzale antistante l'ospedale LoretoMare va in scena il funerale della Sanità pubblica organizzato dal Movimento meridionalista e dal Movimento Idea Sociale. I partecipanti puntano il dito contro il Governatore, Vincenzo De Luca, invitandolo a dimettersi. AltrimondiNews Fonte: ...

 
Legittima difesa, Fontana (pres. Lombardia): "E' una priorità per il Governo"

Legittima difesa, Fontana (pres. Lombardia): "E' una priorità per il Governo"

(Agenzia Vista) Milano, 18 luglio 2018 "La legge sulla legittima difesa, essendo stata presentato in campagna elettorale io credo sia una priorità di questo Governo". Queste le parole del presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana a margine della seduta pubblica della Commissione antimafia del consiglio Regionale in occasione dell'anniversario della morte di Borsellino Fonte: Agenzia ...

 
Commissione Ue: "Multa a Google da 4,3 mld"

Commissione Ue: "Multa a Google da 4,3 mld"

(Agenzia Vista) Roma, 18 luglio 2018 Commissione Ue Multa a Google da 4,3 mld La Commissione europea ha comminato a Google una multa record da 4,34 miliardi per aver violato le regole della concorrenza. Lo dichiara la Commissione, confermando le indiscrezioni circolate in queste ore. In particolare Google e' stata multata per aver, dal 2011, "imposto restrizioni illegali ai produttori di ...

 
Quelli dei Massive Attack

Umbria Jazz 2018

Quelli dei Massive Attack

La lunga notte dei Massive Attack all'Arena Santa Giuliana per Umbria Jazz fra tanta musica, effetti speciali e un'abbondante pioggia che non ha fermato entusiasmo e note ... ...

17.07.2018

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

Umbria Jazz

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

L'acquazzone che si è abbattuto per qualche minuto sull'arena Santa Giuliana di Perugia non ha scoraggiato assolutamente il popolo di Umbria Jazz e l'attesissimo concerto ...

17.07.2018

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Il festival

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Poco dopo le 22 la luna si oscura e nubi nere scatenano un acquazzone sul popolo dei Massive Attack, all'arena Santa Giuliana. Hanno partecipato in tanti, sia sulle gradinate ...

16.07.2018