Sergio Casagrande in bianco e nero

LAPIS

Manganelli e proiettili in Catalogna: la Spagna vergogna d'Europa

03.10.2017 - 18:24

1

Tra Madrid e Barcellona nessuna delle due ha pienamente ragione. Ma di sicuro, da domenica primo ottobre 2017, è Madrid ad avere i maggiori torti. Il duro confronto nato sul referendum indipendentista voluto dalla Catalogna poteva essere facilmente evitato. E, fino alla vigilia del voto, sicuramente in maniera pacifica.

 

La questione, ormai, non poteva di certo finire in una bolla di sapone, ma sarebbe bastato che Madrid rinunciasse all’ostinazione per evitare lo scontro. Soprattutto perché era evidente dell’inesistenza di una vera maggioranza di catalani animata da forti voglie indipendentiste. Non va dimenticato, infatti, che il precedente referendum, quello del 2014, aveva portato ai seggi appena il 35,9 per cento dei residenti della Catalogna.

 

Ma Madrid, accecata dall’intransigenza, ha voluto usare il pugno di ferro. Con il risultato che oggi è proprio il governo centrale spagnolo ad uscire palesemente sconfitto. Anzi, lo è tutta la Spagna che, anche se non può essere annoverata tra i Paesi fondatori dell'Unione europea, è sempre stata tra i paladini dei suoi 6 principi fondanti e fondamentali: Dignità; Libertà; Uguaglianza; Solidarietà; Cittadinanza; e Giustizia.

 

Usare il manganello e i proiettili di gomma; irrompere nei seggi con squadre di poliziotti in assetto antisommossa; colpire i cittadini e calpestare il loro diritto di esprimersi sono scene troppo simili a certe realtà dittatoriali sudamericane e troppo lontane da quelle di un Paese europeo. Anche se è vero che le autorità di Barcellona, in questa vicenda, hanno palesemente peccato di demagogia esaltando malumori e rivendicazioni di quella che fino a ieri era una minoranza e che oggi, molto probabilmente, si è invece trasformata nella maggioranza dei catalani.

 

Proprio qui, in questa rabbia collettiva che da ieri si è fatta maturare in tutta la Catalogna, c’è un altro grave errore di Madrid. Errore che si unisce pure all’incapacità di sfruttare l’incredibile occasione offerta dalla Generalitat di Catalunya nel momento in cui, all’apertura dei seggi e presa dalla disperazione, aveva ingenuamente chiesto a tutti i catalani di votare in qualsiasi seggio. Sarebbe, infatti, bastato questo a invalidare la consultazione. E a risolvere la questione senza la violenza e con il placet dell’intera comunità internazionale.

 

Per quello che è accaduto a Barcellona, Girona, Lleida, Tarragona e in molte altre località della Catalogna, il governo di Mariano Rajoy ha grandi responsabilità. Mentre la monarchia spagnola fa un’altra grama figura dopo quella che portò alle dimissioni di Juan Carlos, visto il colpevole silenzio di Felipe, re di una Spagna che avrebbe meritato si sentir spendere almeno una parola dall’alto affinché il regno restasse unito nella garanzia della libertà di espressione.

 

Quando si calpesta la democrazia c’è sempre un perdente: chi lo fa sostenendo di essere democratico. Che, oltre ad essere perdente, è anche colpevole.

Sergio Casagrande

sergio.casagrande@gruppocorriere.it

Twitter: @essecia

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • montagna78

    10 Novembre 2017 - 07:07

    Sono totalmente d' accordo. Oltretutto non rispettare le idee altrui se non nuociono a nessuno è già grave di per sé.

    Report

    Rispondi

Più letti oggi

Mediagallery

Maire Tecnimont, nuovo traguardo per progetto russo Amursky

Maire Tecnimont, nuovo traguardo per progetto russo Amursky

San Pietroburgo, (askanews) - Nuovo passo di Maire Tecnimont nel progetto da 3,9 miliardi di euro, Amursky Gas Processing Plant, per il ritrattamento del gas che la società italiana ha firmato lo scorso anno e che sta portando avanti in Russia nella regione orientale di Amur per il gruppo Gazprom. Maire Tecnimont ha siglato a San Pietroburgo, nell'ambito del Forum economico internazionale, ...

 
Iveco Bus pronta alla sfida della sostenibilità nel Tpl

Iveco Bus pronta alla sfida della sostenibilità nel Tpl

Torino, (askanews) - Si è svolta all'Innovation Park di Torino la seconda tappa del Mobility Innovation Tour, l'iniziativa articolata in cinque incontri in altrettante città italiane, nata per analizzare modelli di sviluppo sostenibile per il trasporto pubblico mettendo a confronto tutti gli attori coinvolti: istituzioni, aziende di trasporto pubblico locali e produttori di mezzi pubblici. ...

 
Barilla lancia Winparentig: essere genitori risorsa per l'azienda

Barilla lancia Winparentig: essere genitori risorsa per l'azienda

Milano, (askanews) - Quando parliamo di famiglia e lavoro tendiamo a usare verbi come conciliare, trovare un equilibrio che nascondono una deformazione culturale, come se i genitori fossero costantemente alla ricerca di una difficile convivenza tra queste due sfere della vita quotidiana. Nei fatti diventare mamme o papà può essere una opportunità anche sul lavoro, come sanno in Barilla dove è ...

 
Altro

Milano ancora in rosso con banche, vola lo spread

Le Borse europee tengono, mentre Milano perde ancora terreno sulle incertezze legate al nuovo esecutivo Lega-M5S. L'indice Ftse Mib cede l'1,54%; lo spread tra Btp e Bund sale a 206 punti base e torna ai livelli segnati nell'aprile. Debole Parigi -0,11%, in progresso Londra +0,18% e Francoforte +0,65%, male Madrid -1,70% sul rischio di instabilità politica. A Piazza Affari tonfo per il comparto ...

 
Due Mondi tra realtà e sogno

Tutte le star del festival

Due Mondi tra realtà e sogno

Il Minotauro sarà l'opera inaugurale della 61esima edizione del festival dei Due Mondi. Il testo, ispirato al libro di Durrenmatt, è reso in musica della compositrice Silvia ...

25.05.2018

I My Mine presentano il nuovo album

I My Mine

Italo disco

I My Mine presentano il nuovo album

Venerdì 25 maggio i My Mine presenteranno al Mishima di Terni il nuovo album “83-18” che rappresenta il loro ritorno sulla scena della musica elettronica. La band simbolo ...

24.05.2018

Fumo di Londra torna a Perugia in 4k

Il film diretto e interpretato da Alberto Sordi sarà proiettato in versione restaurata al Morlacchi

Fumo di Londra torna a Perugia in 4k

Alberto Sordi in Fumo di Londra è Dante Fontana, antiquario con il negozio in corso Vannucci, a pochi passa da piazza IV Novembre. Era il 1966 e Sordi, per la prima volta ...

23.05.2018