Sergio Casagrande in bianco e nero

LAPIS

Manganelli e proiettili in Catalogna: la Spagna vergogna d'Europa

03.10.2017 - 18:24

1

Tra Madrid e Barcellona nessuna delle due ha pienamente ragione. Ma di sicuro, da domenica primo ottobre 2017, è Madrid ad avere i maggiori torti. Il duro confronto nato sul referendum indipendentista voluto dalla Catalogna poteva essere facilmente evitato. E, fino alla vigilia del voto, sicuramente in maniera pacifica.

 

La questione, ormai, non poteva di certo finire in una bolla di sapone, ma sarebbe bastato che Madrid rinunciasse all’ostinazione per evitare lo scontro. Soprattutto perché era evidente dell’inesistenza di una vera maggioranza di catalani animata da forti voglie indipendentiste. Non va dimenticato, infatti, che il precedente referendum, quello del 2014, aveva portato ai seggi appena il 35,9 per cento dei residenti della Catalogna.

 

Ma Madrid, accecata dall’intransigenza, ha voluto usare il pugno di ferro. Con il risultato che oggi è proprio il governo centrale spagnolo ad uscire palesemente sconfitto. Anzi, lo è tutta la Spagna che, anche se non può essere annoverata tra i Paesi fondatori dell'Unione europea, è sempre stata tra i paladini dei suoi 6 principi fondanti e fondamentali: Dignità; Libertà; Uguaglianza; Solidarietà; Cittadinanza; e Giustizia.

 

Usare il manganello e i proiettili di gomma; irrompere nei seggi con squadre di poliziotti in assetto antisommossa; colpire i cittadini e calpestare il loro diritto di esprimersi sono scene troppo simili a certe realtà dittatoriali sudamericane e troppo lontane da quelle di un Paese europeo. Anche se è vero che le autorità di Barcellona, in questa vicenda, hanno palesemente peccato di demagogia esaltando malumori e rivendicazioni di quella che fino a ieri era una minoranza e che oggi, molto probabilmente, si è invece trasformata nella maggioranza dei catalani.

 

Proprio qui, in questa rabbia collettiva che da ieri si è fatta maturare in tutta la Catalogna, c’è un altro grave errore di Madrid. Errore che si unisce pure all’incapacità di sfruttare l’incredibile occasione offerta dalla Generalitat di Catalunya nel momento in cui, all’apertura dei seggi e presa dalla disperazione, aveva ingenuamente chiesto a tutti i catalani di votare in qualsiasi seggio. Sarebbe, infatti, bastato questo a invalidare la consultazione. E a risolvere la questione senza la violenza e con il placet dell’intera comunità internazionale.

 

Per quello che è accaduto a Barcellona, Girona, Lleida, Tarragona e in molte altre località della Catalogna, il governo di Mariano Rajoy ha grandi responsabilità. Mentre la monarchia spagnola fa un’altra grama figura dopo quella che portò alle dimissioni di Juan Carlos, visto il colpevole silenzio di Felipe, re di una Spagna che avrebbe meritato si sentir spendere almeno una parola dall’alto affinché il regno restasse unito nella garanzia della libertà di espressione.

 

Quando si calpesta la democrazia c’è sempre un perdente: chi lo fa sostenendo di essere democratico. Che, oltre ad essere perdente, è anche colpevole.

Sergio Casagrande

sergio.casagrande@gruppocorriere.it

Twitter: @essecia

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • montagna78

    10 Novembre 2017 - 07:07

    Sono totalmente d' accordo. Oltretutto non rispettare le idee altrui se non nuociono a nessuno è già grave di per sé.

    Report

    Rispondi

Più letti oggi

Mediagallery

Ilva, Toti: "Non inseguire idee fantasiose, serve impegno concreto"

Ilva, Toti: "Non inseguire idee fantasiose, serve impegno concreto"

(Agenzia Vista) Liguria, 18 luglio 2018 "Riteniamo che non si possa, in un settore cosi' delicato e dopo tanto tempo, inseguire fantasiose idee che ci portino fuori strada, ma bisogna concretamente impegnarsi con le pietanze che sono sul tavolo per costruire l'ingresso in azienda di Mittal e l'inizio di questa nuova avventura". Lo ha detto il governatore ligure Giovanni Toti, parlando di Ilva in ...

 
Funerale della Sanita' pubblica a Napoli, i manifestanti: "De Luca ha fallito si dimetta"

Funerale della Sanita' pubblica a Napoli, i manifestanti: "De Luca ha fallito si dimetta"

(Agenzia Vista) Napoli, 18 luglio 2018 Funerale della Sanita' pubblica a Napoli De Luca ha fallito si dimetta Nel piazzale antistante l'ospedale LoretoMare va in scena il funerale della Sanità pubblica organizzato dal Movimento meridionalista e dal Movimento Idea Sociale. I partecipanti puntano il dito contro il Governatore, Vincenzo De Luca, invitandolo a dimettersi. AltrimondiNews Fonte: ...

 
Legittima difesa, Fontana (pres. Lombardia): "E' una priorità per il Governo"

Legittima difesa, Fontana (pres. Lombardia): "E' una priorità per il Governo"

(Agenzia Vista) Milano, 18 luglio 2018 "La legge sulla legittima difesa, essendo stata presentato in campagna elettorale io credo sia una priorità di questo Governo". Queste le parole del presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana a margine della seduta pubblica della Commissione antimafia del consiglio Regionale in occasione dell'anniversario della morte di Borsellino Fonte: Agenzia ...

 
Commissione Ue: "Multa a Google da 4,3 mld"

Commissione Ue: "Multa a Google da 4,3 mld"

(Agenzia Vista) Roma, 18 luglio 2018 Commissione Ue Multa a Google da 4,3 mld La Commissione europea ha comminato a Google una multa record da 4,34 miliardi per aver violato le regole della concorrenza. Lo dichiara la Commissione, confermando le indiscrezioni circolate in queste ore. In particolare Google e' stata multata per aver, dal 2011, "imposto restrizioni illegali ai produttori di ...

 
Quelli dei Massive Attack

Umbria Jazz 2018

Quelli dei Massive Attack

La lunga notte dei Massive Attack all'Arena Santa Giuliana per Umbria Jazz fra tanta musica, effetti speciali e un'abbondante pioggia che non ha fermato entusiasmo e note ... ...

17.07.2018

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

Umbria Jazz

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

L'acquazzone che si è abbattuto per qualche minuto sull'arena Santa Giuliana di Perugia non ha scoraggiato assolutamente il popolo di Umbria Jazz e l'attesissimo concerto ...

17.07.2018

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Il festival

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Poco dopo le 22 la luna si oscura e nubi nere scatenano un acquazzone sul popolo dei Massive Attack, all'arena Santa Giuliana. Hanno partecipato in tanti, sia sulle gradinate ...

16.07.2018