Sergio Casagrande in bianco e nero

LAPIS

Ambiente, lo sgambetto di Trump e noi elettori

04.06.2017 - 10:40

0

Davvero sciocco chi ancora pensava che Donald Trump stesse scherzando.

 


Lo aveva detto alla vigilia della sua elezione a presidente degli Stati Uniti d’America. Lo aveva ribadito anche poco dopo. E ora lo ha fatto: ritira il suo Paese dagli accordi sul clima firmati nel 2015 a Parigi.


Con questo non significa che Trump ucciderà il mondo o lo condannerà inesorabilmente al suo destino con l’impossibilità di una sopravvivenza per colpa del dilagare degli inquinanti e il perdurare dello sfruttamento delle risorse della Terra. Ma, di certo, è un bello sgambetto a quegli impegni che, proprio a Parigi,si era impegnata di condividere la maggioranza dei Paesi responsabili delle emissioni globali dei gas serra. Maggioranza di cui gli Stati Uniti, da molti lustri ormai sul podio dei Paesi più inquinanti del pianeta, erano finalmente entrati a far parte dopo lunghi tentennamenti.

 


Comunque sia, non è sul merito di questa decisione che intendiamo porre l’attenzione. E sui suoi possibili effetti. Ma sul suo percorso.

 


E’ stata una promessa elettorale. Ed è stata mantenuta.

 


Sorprende, quindi, ora scoprire dalle notizie in arrivo dall’America che la maggioranza degli statunitensi non è favorevole alla scelta fatta dal loro presidente sull’intesa siglata a Parigi dal suo predecessore Obama. Sorprende, perché in questa maggioranza ci sono sicuramente moltissimi di quegli americani che si sono recati alle urne per le Presidenziali e hanno votato proprio Donald Trump; e ci sono anche moltissimi di quelli che invece hanno preferito rimanere a casa e astenersi contribuendo così, forse più degli altri, alla vittoria di Donald Trump (nel 2016 l’affluenza negli Usa è stata di appena il 56,9% degli aventi diritto).

 


Possiamo, quindi, discutere a lungo sul danno causato dalla decisione (è ovvio che non contribuisce ad accelerare la salvaguardia ambientale del pianeta). Ma la scelta fatta ora dal presidente degli Usa va, comunque, considerata politicamente legittima, perché viene da un uomo che si trova alla guida di una nazione dopo essere stato democraticamente eletto. E perché, proprio per questo percorso democratico che lo ha portato al potere e alla responsabilità di certe decisioni, rappresenta la volontà della maggioranza dei suoi cittadini-elettori. Ma si dovrebbe, tuttavia, riflettere sull’importanza delle scelte che si fanno quando ci si reca al voto. O vi si rinuncia.

 

Una riflessione che dovrebbero fare, in primo luogo, gli americani. Ma anche noi, visto che - troppo spesso - o non andiamo alle urne o diamo la nostra preferenza senza neppure conoscere a fondo il programma e gli impegni che vogliono realizzare i candidati.

 


O, forse, noi no... perché, d’altronde, le promesse elettorali i nostri candidati in verità non le mantengono mai.

Sergio Casagrande
sergio.casagrande@gruppocorriere.it
Twitter: @essecia

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Maire Tecnimont, nuovo traguardo per progetto russo Amursky

Maire Tecnimont, nuovo traguardo per progetto russo Amursky

San Pietroburgo, (askanews) - Nuovo passo di Maire Tecnimont nel progetto da 3,9 miliardi di euro, Amursky Gas Processing Plant, per il ritrattamento del gas che la società italiana ha firmato lo scorso anno e che sta portando avanti in Russia nella regione orientale di Amur per il gruppo Gazprom. Maire Tecnimont ha siglato a San Pietroburgo, nell'ambito del Forum economico internazionale, ...

 
Iveco Bus pronta alla sfida della sostenibilità nel Tpl

Iveco Bus pronta alla sfida della sostenibilità nel Tpl

Torino, (askanews) - Si è svolta all'Innovation Park di Torino la seconda tappa del Mobility Innovation Tour, l'iniziativa articolata in cinque incontri in altrettante città italiane, nata per analizzare modelli di sviluppo sostenibile per il trasporto pubblico mettendo a confronto tutti gli attori coinvolti: istituzioni, aziende di trasporto pubblico locali e produttori di mezzi pubblici. ...

 
Barilla lancia Winparentig: essere genitori risorsa per l'azienda

Barilla lancia Winparentig: essere genitori risorsa per l'azienda

Milano, (askanews) - Quando parliamo di famiglia e lavoro tendiamo a usare verbi come conciliare, trovare un equilibrio che nascondono una deformazione culturale, come se i genitori fossero costantemente alla ricerca di una difficile convivenza tra queste due sfere della vita quotidiana. Nei fatti diventare mamme o papà può essere una opportunità anche sul lavoro, come sanno in Barilla dove è ...

 
Altro

Milano ancora in rosso con banche, vola lo spread

Le Borse europee tengono, mentre Milano perde ancora terreno sulle incertezze legate al nuovo esecutivo Lega-M5S. L'indice Ftse Mib cede l'1,54%; lo spread tra Btp e Bund sale a 206 punti base e torna ai livelli segnati nell'aprile. Debole Parigi -0,11%, in progresso Londra +0,18% e Francoforte +0,65%, male Madrid -1,70% sul rischio di instabilità politica. A Piazza Affari tonfo per il comparto ...

 
Due Mondi tra realtà e sogno

Tutte le star del festival

Due Mondi tra realtà e sogno

Il Minotauro sarà l'opera inaugurale della 61esima edizione del festival dei Due Mondi. Il testo, ispirato al libro di Durrenmatt, è reso in musica della compositrice Silvia ...

25.05.2018

I My Mine presentano il nuovo album

I My Mine

Italo disco

I My Mine presentano il nuovo album

Venerdì 25 maggio i My Mine presenteranno al Mishima di Terni il nuovo album “83-18” che rappresenta il loro ritorno sulla scena della musica elettronica. La band simbolo ...

24.05.2018

Fumo di Londra torna a Perugia in 4k

Il film diretto e interpretato da Alberto Sordi sarà proiettato in versione restaurata al Morlacchi

Fumo di Londra torna a Perugia in 4k

Alberto Sordi in Fumo di Londra è Dante Fontana, antiquario con il negozio in corso Vannucci, a pochi passa da piazza IV Novembre. Era il 1966 e Sordi, per la prima volta ...

23.05.2018