Sergio Casagrande in bianco e nero

LAPIS

Alitalia, ovvero: è l'Italia

29.04.2017 - 16:30

0

La situazione di Alitalia è lo specchio del nostro Paese. L’azienda dal 2015 è privata. Ma se sta precipitando la colpa è, in primo luogo, di una zavorra creata nel passato dalla politica, dalle scelte della politica, dalle volontà della politica e dalle nomine della politica, che nel corso degli anni le hanno fatto perdere vertiginosamente quota. Poi ci sono state una classe sindacale miope e una fetta del personale ancorata a un mondo che non c’è più che ci hanno messo del loro. Idem per l’Italia. Un Paese in picchiata come la “sua” compagnia aerea. E il vero problema è che non si intravede, neppure all’orizzonte, un pilota che ispiri piena fiducia per affidargli la cloche e le ultime speranze per una risalita.

Quando è nata Alitalia, la compagnia era il vanto del Paese. Volare con Alitalia significava viaggiare coccolati, qualsiasi fosse la tariffa pagata. Significava apprezzare il meglio dell’ospitalità italiana; avvicinarsi alle eccellenze del nostro Paese.

Alitalia, per decenni, è stato il miglior biglietto da visita che siamo stato capaci di mostrare agli stranieri che, anche da molto lontano, venivano a scoprire il bello dell’Italia.

I dipendenti, dai piloti alle hostess, dai tecnici al personale di terra, erano i più preparati tra le compagnie aeree di tutto il mondo. E, giustamente, all’epoca, anche tra i più pagati. Alitalia era l’orgoglio di un Paese del quale tutti gli italiani andavano orgogliosi.

Poi le cose sono cambiate. Perché è cambiato il mondo. Ma chi gestiva l’Alitalia e chi guidava Il Paese è rimasto troppo a lungo con gli occhi chiusi e la testa tra le nuvole confidando di poter sfruttare in eterno la forza del vento del consenso. 

Ovvio, quindi, che prima o poi, finito il carburante, per un aereo trasformato ormai in un carrozzone, doveva esserci la picchiata. Una picchiata che ora rischia di essere davvero catastrofica perché non v’è più un paracadute a disposizione.

Quello offerto da Air France, l’unico forse davvero valido, è stato stracciato in nome di un rantolo di nazionalismo. Quello tentato dai capitani coraggiosi (davvero coraggiosi, visto che hanno tirato fuori il grano senza nemmeno poterlo poi far germogliare direttamente) è naufragato. Quello affidato agli arabi di Etihad  (accordo con cessione del 49%) dopo 3 anni non è riuscito né a risanare né a rendere competitiva l’azienda, né sulle rotte nazionali, né su quelle internazionali. E ha imposto a tutto il personale, delle divise che d’italiano hanno la firma, ma non il gusto e lo stile.

Alitalia, insomma, è in ginocchio. Come in ginocchio è il Paese. Ma entrambi, comunque, sperano di poter ancora tirare a campare. E in effetti un’apparente possibilità ancora ci sarebbe perché in ballo c’è pur sempre quel vento, ridotto a sospiro, del consenso.

Alitalia, per esempio, ha ancora 12mila dipendenti, più altrettanti nell’indotto che muove, più le loro famiglie. Un bacino, si stima, di almeno 60mila possibili elettori. E il Paese ha in vista le elezioni.

Probabile, quindi, che chi ha avuto a lungo in mano i comandi dell’Alitalia, la politica, dopo aver fatto digerire all’opinione pubblica che tutta la colpa del fallimento è dei lavoratori e degli esiti della loro risposta al referendum sul preaccordo sindacale, torni, direttamente o indirettamente, nella cabina di pilotaggio. Ma possiamo stare sicuri che, se accadrà così, non sarà nemmeno questa volta l’occasione per un nuovo decollo. Ci illuderemo forse di un momentaneo rimbalzo, ma lo schianto non verrà di certo scongiurato. Come rischia di accadere, d’altronde, per il Paese. Con la differenza che Alitalia è un’azienda che, per la sua natura, risponde prima di qualsiasi altro soggetto alle impietose leggi dell’economia e dei mercati. E la sua morte può essere reale e immediata.

Per far tornare a volare Alitalia, come per l’Italia, c'è bisogno di una rotta veramente nuova. Che non può essere tracciata ricalcando percorsi che hanno già ampiamente dimostrato di riservare solo conseguenze fallimentari.

La politica lo sa. Ma, poi, nelle sue azioni, continua a far finta di non sapere perché confida di poter sempre lasciare in mano il cerino a chi verrà.

Sergio Casagrande

sergio.casagrande@gruppocorriere.it

Twitter: @essecia

 

 

 

 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

26 anni dopo via D'Amelio, Palermo ricorda Borsellino

26 anni dopo via D'Amelio, Palermo ricorda Borsellino

Palermo (askanews) - Ventisei anni dopo Palermo si è ritrovata ancora una volta in via D'Amelio per ricordare il giudice Paolo Borsellino e gli agenti della sua scorta: Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. Sul palco allestito davanti all'albero che ricorda la strage di Via D'Amelio del 19 luglio 1992, sono saliti in tanti per testimoniare il ...

 
Tabacco in Umbria, tradizione, innovazione e tutela della salute

Tabacco in Umbria, tradizione, innovazione e tutela della salute

Perugia, (askanews) - Riduzione del danno e sostenibilità economico-sociale della filiera tabacchicola. Su queste due direttrici si muove l'azione congiunta di Philip Morris Italia e Coldiretti illustrata nella tavola rotonda "Il tabacco in Umbria - tra innovazione, tradizione e tutela della salute" svoltasi a Perugia e che ha messo attorno allo stesso tavolo istituzioni, mondo medico-scientifico ...

 
Ilaria Bonacossa presenta Artissima 2018: il Tempo contemporaneo

Ilaria Bonacossa presenta Artissima 2018: il Tempo contemporaneo

Milano (askanews) - Ilaria Bonacossa, per il secondo anno alla direzione di Artissima, la fiera d'arte contemporanea di Torino che per il 2018 andrà in scena all'Oval (e non solo) dal 2 al 4 novembre, ha presentato ad askanews la nuova edizione della kermesse. Alcuni numeri: 189 gallerie, il 60% delle quali internazionali. Confermata la sezione, inaugurata nel 2017, dedicata ai disegni, e inoltre ...

 
Quelli dei Massive Attack

Umbria Jazz 2018

Quelli dei Massive Attack

La lunga notte dei Massive Attack all'Arena Santa Giuliana per Umbria Jazz fra tanta musica, effetti speciali e un'abbondante pioggia che non ha fermato entusiasmo e note ... ...

17.07.2018

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

Umbria Jazz

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

L'acquazzone che si è abbattuto per qualche minuto sull'arena Santa Giuliana di Perugia non ha scoraggiato assolutamente il popolo di Umbria Jazz e l'attesissimo concerto ...

17.07.2018

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Il festival

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Poco dopo le 22 la luna si oscura e nubi nere scatenano un acquazzone sul popolo dei Massive Attack, all'arena Santa Giuliana. Hanno partecipato in tanti, sia sulle gradinate ...

16.07.2018