Sergio Casagrande in bianco e nero

LAPIS

Raccolta rifiuti porta a porta: così vince solo lo schifo

22.04.2017 - 12:40

1

Ci  hanno insegnato che la raccolta differenziata è una cosa giusta. Ed è vero.

Poi ci hanno chiesto l’impegno e il contributo separando già all’origine i rifiuti. Ed è giusto.

Infine, ci hanno obbligato a tenerci direttamente in casa i contenitori per fare la raccolta differenziata. E ad esporli fuori dall’uscio solo in giorni e in orari specifici, sostenendo che il sistema avrebbe funzionato meglio e promettendo che avremo anche avuto le nostre strade più pulite. Ma al momento l’unica cosa che di tutto questo nuovo sistema funziona davvero molto bene sembra essere la consegna via posta della cartella che prevede il pagamento della tariffa dovuta per la raccolta. Insieme al puntuale aumento secondo i parametri Istat.

In Umbria il porta a porta dei rifiuti ormai dilaga. E, stando almeno alle statistiche, incrementa davvero i numeri della differenziata. Il successo sembrerebbe, quindi, raggiunto. Ma c’è un aspetto che non piace. Anzi, per dirla senza mezze parole, fa proprio schifo. Ed è quello dello scenario che ormai si presenta in molte città dell’Umbria, grandi e piccole (non tutte a dir la verità, ma le eccezioni sono davvero poche): buste piene di monnezza e secchielli colorati strabordanti, rotti, rovesciati e maleodoranti che si ammucchiano agli angoli delle strade, davanti ai condomini, a fianco delle scuole, dei negozi, degli uffici in attesa dell’arrivo dei camioncini della raccolta e che finiscono in balia degli animali randagi e del vento.

E’ vero, spesso buona parte della colpa, è di noi stessi, diligenti ma poco premurosi cittadini. Ma è anche vero che è ormai innegabile che certi sistemi di raccolta porta a porta - quelli cioè che producono questi scenari - sono da considerarsi totalmente fallimentari: una società non può dirsi civile solo perché capace di recuperare i rifiuti che produce; e soprattutto non lo può essere se le sue città sono poi, comunque, invase dalla immondizia.

Se vogliamo davvero avere le nostre città più pulite, ridateci i vecchi e grandi cassonetti; ridateci le campane per il vetro, le lattine e il cartone. Dotate, magari, i nostri centri urbani di quegli intelligenti, discreti e semplici sistemi di raccolta che prolificano ormai da anni in tante altre città europee e che hanno il vantaggio di avere dei serbatoi interrati. Così, noi continueremo a fare la differenziata, contribuendo pure tutti i giorni nell’arco delle 24 ore ed evitando di tenerci a lungo la spazzatura in casa. Mentre le nostre strade e i nostri giardini torneranno, sicuramente, almeno un po’ più puliti. E certi scenari indegni non si mostreranno più né ai nostri occhi, né a quelli dei forestieri.

Sergio Casagrande

sergio.casagrande@gruppocorriere.it

Twitter: @essecia

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • remo975rossi

    22 Aprile 2017 - 22:10

    Concordo pienamente su tutto,poi ad esempio mia madre non può uscire di casa e quindi quando arrivo la domenica mi ritrovo con i rifiuti di una settimana che non so dove mettere.Per il momento sono costretto a portarli da mia suocera. Aver tolto le isole ecologiche è stato un errore. Un saluto

    Report

    Rispondi

Più letti oggi

Mediagallery

Ilva, Toti: "Non inseguire idee fantasiose, serve impegno concreto"

Ilva, Toti: "Non inseguire idee fantasiose, serve impegno concreto"

(Agenzia Vista) Liguria, 18 luglio 2018 "Riteniamo che non si possa, in un settore cosi' delicato e dopo tanto tempo, inseguire fantasiose idee che ci portino fuori strada, ma bisogna concretamente impegnarsi con le pietanze che sono sul tavolo per costruire l'ingresso in azienda di Mittal e l'inizio di questa nuova avventura". Lo ha detto il governatore ligure Giovanni Toti, parlando di Ilva in ...

 
Funerale della Sanita' pubblica a Napoli, i manifestanti: "De Luca ha fallito si dimetta"

Funerale della Sanita' pubblica a Napoli, i manifestanti: "De Luca ha fallito si dimetta"

(Agenzia Vista) Napoli, 18 luglio 2018 Funerale della Sanita' pubblica a Napoli De Luca ha fallito si dimetta Nel piazzale antistante l'ospedale LoretoMare va in scena il funerale della Sanità pubblica organizzato dal Movimento meridionalista e dal Movimento Idea Sociale. I partecipanti puntano il dito contro il Governatore, Vincenzo De Luca, invitandolo a dimettersi. AltrimondiNews Fonte: ...

 
Legittima difesa, Fontana (pres. Lombardia): "E' una priorità per il Governo"

Legittima difesa, Fontana (pres. Lombardia): "E' una priorità per il Governo"

(Agenzia Vista) Milano, 18 luglio 2018 "La legge sulla legittima difesa, essendo stata presentato in campagna elettorale io credo sia una priorità di questo Governo". Queste le parole del presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana a margine della seduta pubblica della Commissione antimafia del consiglio Regionale in occasione dell'anniversario della morte di Borsellino Fonte: Agenzia ...

 
Commissione Ue: "Multa a Google da 4,3 mld"

Commissione Ue: "Multa a Google da 4,3 mld"

(Agenzia Vista) Roma, 18 luglio 2018 Commissione Ue Multa a Google da 4,3 mld La Commissione europea ha comminato a Google una multa record da 4,34 miliardi per aver violato le regole della concorrenza. Lo dichiara la Commissione, confermando le indiscrezioni circolate in queste ore. In particolare Google e' stata multata per aver, dal 2011, "imposto restrizioni illegali ai produttori di ...

 
Quelli dei Massive Attack

Umbria Jazz 2018

Quelli dei Massive Attack

La lunga notte dei Massive Attack all'Arena Santa Giuliana per Umbria Jazz fra tanta musica, effetti speciali e un'abbondante pioggia che non ha fermato entusiasmo e note ... ...

17.07.2018

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

Umbria Jazz

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

L'acquazzone che si è abbattuto per qualche minuto sull'arena Santa Giuliana di Perugia non ha scoraggiato assolutamente il popolo di Umbria Jazz e l'attesissimo concerto ...

17.07.2018

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Il festival

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Poco dopo le 22 la luna si oscura e nubi nere scatenano un acquazzone sul popolo dei Massive Attack, all'arena Santa Giuliana. Hanno partecipato in tanti, sia sulle gradinate ...

16.07.2018