Sergio Casagrande in bianco e nero

LAPIS

Castelluccio: una speranza per l'Umbria

0

Castelluccio chiede aiuto. E in particolare chiede una strada che possa essere percorribile anche dalle auto. Perché dal 26 ottobre 2016 arrivare fin lassù è diventato possibile solo con l’elicottero o un fuoristrada degno di questo nome.


Il terremoto, oltre a squassare il paesino, lo ha tagliato fuori da qualsiasi comodo e relativamente rapido collegamento con il resto del mondo.


Per Castelluccio non è una novità: d’inverno, anche senza un terremoto, accade la stessa cosa in occasione di ogni abbondante nevicata. I titolari del Bar del Capitano, di via della Bufera, lo sanno bene: perché ogni anno erano i primi firmatari della puntuale protesta da inoltrare alla Provincia di Perugia. Ma la neve è un’altra cosa: è facile da rimuovere. E anche dopo una copiosa nevicata, nel giro di uno, due giorni al massimo, se si vuole, i problemi di viabilità possono essere risolti. Mentre ora, per togliere i giganteschi massi piombati sull’asfalto e per mettere in sicurezza le banchine che stanno franando ci vogliono mezzi più potenti di un semplice spazzaneve. E ci vuole tanto lavoro.


Castelluccio, però, non può aspettare. Ha fretta perché la primavera è ormai alle porte. E la primavera per questo paesino, ultimo avamposto dell’uomo ai piedi del Vettore, è da sempre sinonimo di vita. E di rinascita.


In questo periodo deve avvenire la semina. Si devono spargere sulla piana i chicchi della lenticchia, uno dei prodotti più conosciuti e apprezzati della Valnerina. Ma senza una strada la semina non si può fare correttamente. Perché per arrivare lassù, gli abitanti di Castelluccio, sfollati a valle, ogni giorno dovrebbero affrontare un calvario a bordo dei loro trattori.

Loro sono pronti a farlo, ma il tempo è tiranno e, soprattutto, ridotto al lumicino se si tolgono le ore necessarie ai trasferimenti.


Se la semina non avverrà per tempo o se sarà incompleta si metterà a serio rischio anche a un altro evento oltre alla raccolta della lenticchia. Un evento che - lo ricorda perfino la campagna di solidarietà sostenuta da un’azienda (la Perugina) che anche se in mani straniere si sente profondamente legata alla nostra terra - dell’Umbria costituisce un patrimonio inestimabile. Quello della fioritura.


Castelluccio è ferita al cuore, ma vuole tenere ancora in vita la sua anima per risorgere prima possibile. Un’anima che è fatta soprattutto di paesaggi, profumi e colori. Gli abitanti del paese e tutti coloro che, almeno una volta, hanno raggiunto e ammirato il Tibet dell’Appennino sanno bene cosa significa. E qual è il suo valore.


Ridare una strada subito a Castelluccio non è solo un favore da fare a una comunità che sta soffrendo, ma è dare una speranza all’Umbria intera che vuole ripartire rapidamente con qualcosa e da qualcosa di concreto.

Senza contare il richiamo che può costituire per riportare chi, ancora oggi, si tiene lontano dai nostri luoghi.


sergio.casagrande@gruppocorriere.it
Twitter: @essecia

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

"Totti confessa: sono della Lazio", il video del capitano giallorosso per dire #Bastabufale

"Totti confessa: sono della Lazio", il video del capitano giallorosso per dire #Bastabufale

"Totti confessa: sono della Lazio. Clamorosa rivelazione del capitano romanista". Poi, "Ilary di nuovo incinta, partito il toto-nome". E infine, "Totti sul grande schermo, sarà lui il prossimo James Bond di 007". Il capitano della Roma, in un post pubblicato sul suo profilo Facebook, legge una serie di titoli inventati e quindi commenta: "Ah regà, ma ancora credete a queste cose? Io mi sono ...

 
Alpe di Siusi, Virginia Raggi al corso di sci

Alpe di Siusi, Virginia Raggi al corso di sci

Giornata di neve ad alta quota per Virginia Raggi, in vacanza all'Alpe di Siusi, in Alto Adige. Un viaggio "prescritto dai medici dopo sette mesi di duro lavoro", si era giustificata la sindaca di Roma che ieri avrebbe dovuto riferire in Aula Giulio Cesare sulle inchieste giudiziarie che la riguardano. Virginia Raggi si è presentata di buon mattino sulle piste per frequentare un corso di sci ...

 
Cantico immortale

Teatro

Cantico immortale

Parte dal Teatro Comunale Narni, martedì 28 marzo, alle 21 la tournée umbra di Cantico, lo spettacolo di e con Giulia Zeetti, prodotto dal teatro Stabile dell’Umbria in ...

Irene Grandi all'osteria di Pierino

Foligno

Irene Grandi all'osteria di Pierino

Reduce dal concerto di Porto San Giorgio e diretta a Piombino (Livorno), sede della sua prossima tappa del tour, Irene Grandi si è fermata a Foligno per una breve pausa di relax ...