Sergio Casagrande in bianco e nero

LAPIS

Fuga dall'Umbria che diventa più arida

18.02.2017 - 16:18

0

Le  stime quantificano in almeno 5.500 gli umbri che, nell’arco degli ultimi 2 anni, hanno lasciato la regione in cerca di fortuna altrove. Ma, è probabile che il numero reale sia più alto, perché molti sfuggono alle statistiche, a cominciare da coloro che non hanno segnalato il cambio di residenza. E poi, ci sarebbero da aggiungere i pendolari, quelli che sono costretti a varcare quotidianamente le soglie dell’Umbria perché da noi non trovano più una possibilità di occupazione: sono davvero tanti e ne è una prova il gran numero di chi - come ci raccontano le cronache di questi giorni - sta protestando per i forti rincari delle tariffe dei treni.


Ma cosa sta succedendo?


Sta succedendo che l’Umbria ha visto un’impennata dell’emigrazione, un fenomeno che caratterizza, da sempre, la nostra regione, ma cresciuto, in breve tempo, a ritmo esponenziale. L’incremento di coloro che se ne vanno è stato tale da incidere perfino sui livelli della popolazione, aggravando un calo demografico che era impensabile fino a un decennio fa.


Motivi? Non tanti. Principalmente uno: quel lavoro che manca e che la regione non è più in grado di offrire, almeno nella quantità alla quale ci eravamo abituati.


Colpa della crisi. Di tante imprese soffocate da un mercato improvvisamente stravolto e crollato o rimaste vittime dell’incapacità di adattarsi rapidamente ai cambiamenti. E colpa anche del ridimensionamento drastico, dovuto sempre alla grande crisi, di tutti i posti di lavoro pubblici (enti, ferrovie, forze armate, etc.). Questi, un tempo, costituivano una facile possibilità di occupazione e anche una sorta di ammortizzatore occupazionale che era stato capace di compensare le crisi altalenanti del passato di tutti gli altri settori.


Ora, la privatizzazione di molti servizi, occorre riconoscerlo, ha sicuramente portato notevoli benefici alle casse pubbliche, ma ha anche tagliato le speranze di tanti di trovare una sistemazione.
Negli ultimi tempi, poi, ad aggravare la già critica situazione generale, si è acuita la sofferenza dell’edilizia, un settore che si ritrovò lanciatissimo nel primo decennio del post-terremoto del ’97 e che invece, ora, stenta a ridecollare nonostante una nuova emergenza legata proprio a una crisi sismica di vasta portata.


La situazione delle imprese edili è così pesante che sono fuggiti perfino tanti di quegli immigrati che erano arrivati in Umbria quando non si riusciva a trovare manovalanza locale sufficiente. E continuano a fuggire. Qualcuno potrebbe anche esser contento, ma nessuno può negare che è un altro evidente segnale della grave situazione occupazionale che stiamo soffrendo.
Come invertire, quindi, la rotta? Le imprese locali (vedi la tavola rotonda organizzata da Confindustria a Perugia) e perfino i sindacati (vedi il convegno della Cgil svoltosi a Terni) propongono di puntare su una imprenditorialità che si ponga all’avanguardia nella digitalizzazione. Una specie di nuova Umbria che produce sfruttando al massimo le nuove tecnologie e le opportunità in termini economici e fiscali che lo Stato offre per le innovazioni. Un’Umbria che chiamano entrambi 4.0 (incredibile convergenza di definizioni, oltre che di tempi per parlarne).


Un ottimo slogan. Ma viene da domandarsi cosa abbiano fatto le versioni precedenti - quelle dell’industria umbra 1.0, 2.0 e 3.0 - perché di loro non si ricorda nulla. E di buono, se gli umbri scappano, hanno sicuramente fatto poco. O, comunque, lo hanno fatto in quantità insufficiente ad evitare che l’Umbria si ritrovasse arida di lavoro.


Se , infatti, prima di affidarsi solo alle innovazioni (comunque necessarie), si andasse a guardare dove si è fallito e perché finora si è fallito, forse si riuscirebbe a dare delle gambe migliori a una possibilità di ripresa. E si potrebbe concedere, finalmente, una speranza a chi non vorrebbe partire e a chi se n’è andato, ma preferirebbe tornare.


Sergio Casagrande
sergio.casagrande@gruppocorriere.it
Twitter: @essecia

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Annata a 4 stelle per il Brunello, e Sting incanta la platea

Annata a 4 stelle per il Brunello, e Sting incanta la platea

Montalcino, (askanews) - Una star internazionale d'eccezione per una annata buona ma non eccezionale. La vendemmia 2017 del Brunello di Montalcino, uno dei vini più famosi ed esportati d'Italia, si chiude con l'assegnazione di quattro stelle (su un massimo di cinque) alla annata 2017, fortemente condizionata dal gelo di aprile e dalla forte siccità di luglio e agosto e che si è, in parte, ...

 
Alena Seredova lancia la sua prima collezione di gioielli

Alena Seredova lancia la sua prima collezione di gioielli

Milano (askanews) - Moderna, bellissima e simpatica, Alena Seredova, showgirl, attrice, modella, diventa stilista e lancia la sua prima prima collezione di gioielli. A Milano ha presentato in anteprima "La semplicità è preziosa" la capsule collection realizzata per Diamonique. "Questi gioielli sono semplici ma penso possano rendere ognuna di noi felice e farla sentire speciale, che è una cosa che ...

 
In viaggio tra il Sudafrica e il dolore per riscoprire sè stessi

In viaggio tra il Sudafrica e il dolore per riscoprire sè stessi

Milano (askanews) - Un dolore lacerante, la perdita improvvisa del figlio, porta Maia a intraprendere un viaggio dentro se stessa e il Paese in cui vive, il Sudafrica, per scoprire realtà, limiti e prospettive tanto inattese quanto rivoluzionarie. E' il filo narrativo di "Oltre la vita felice", romanzo di Corrado Passi edito da Polaris e presentato a Milano nella nuova libreria "Tempo Ritrovato". ...

 
Iran, individuati alcuni resti dell'aereo di linea precipitato

Iran, individuati alcuni resti dell'aereo di linea precipitato

Teheran (askanews) - Il vicegovernatore della provincia di Kohgiluyeh e Buyer Ahmad in Iran, ha comunicato che sono stati individuati i rottami dell'aereo di linea Atr-72 schiantatosi domenica 18 febbraio 2018, con 66 persone a bordo, in una regione montuosa nel Sud-Ovest del Paese, durante una tempesta di neve. Le ricerche dell'aereo sono riprese nella mattinata di lunedì 19 febbraio dopo essere ...

 
Scelti gli studenti più belli

Miss e mister 2018

Scelti gli studenti più belli

Un successo lo School Day gran finale 2018. Oltre 2000 le presenze: il pubblico degli istituti delle scuole superiori di Perugia e provincia in occasione del carnevale delle ...

19.02.2018

Con Montesano al Lyrick trionfa la romanità

L'intervista

Con Montesano al Lyrick trionfa la romanità

C’è Enrico Montesano sabato 17 e domenica 18 febbraio al teatro Lyrick di Assisi nell'anteprima nazionale del “Conte Tacchia”, commedia in musica, rivisitazione del film del ...

17.02.2018

Arriva Sfera Ebbasta

L'appuntamento

Arriva Sfera Ebbasta

Il Centro Commerciale Collestrada è pronto per un evento d'eccezione: domenica 18 febbraio alle 17 salirà sul palco Sfera Ebbasta, in tour per promuovere "ROCKSTAR" il nuovo ...

17.02.2018