Sergio Casagrande in bianco e nero

LAPIS

I terremotati del turismo: cosa fare per riprendersi e non dare colpe alla stampa

15.03.2017 - 10:10

0

Uno stillicidio di scosse che sembra non voler concedere tregua. La “crisi sismica” - come la chiamano all’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia - ancora non si placa: dal 26 agosto sono stati superati i 40.000 movimenti tellurici. Una situazione stressante che mette a dura prova gli umbri. E non solo quelli con lo status ufficiale di terremotato riconosciuto dallo Stato. A oltre quattro mesi dall’inizio dell’emergenza, infatti, si scopre che c’è un’altra fetta di popolazione della nostra regione gravemente danneggiata dal sisma. Quella formata da chi lavora, direttamente o indirettamente, col turismo, con un impiego cioè che va dalla ricettività alla ristorazione, dalla logistica ai trasporti e include anche il commercio. Anche costoro sono terremotati; e pure loro hanno subito e continuano a subire gravi danni. Anche se si trovano in località molto distanti dalle aree del cratere e anche se le scosse non hanno provocato conseguenze “fisiche” ai loro beni e alla loro persona, non sono da considerare terremotati di secondo piano. Perché questo sisma, oltre a devastare le aree epicentrali, sta mettendo realmente in ginocchio anche quelle zone che il terremoto lo hanno sentito soltanto passare. Ma mentre per i terremotati dell’epicentro si sta già facendo molto, per questi nuovi terremotati nessuno - tranne qualche caso sporadico e scarsamente incisivo - sembra essersi ancora fattivamente mobilitato per tendere una mano.


Per l’improvvisa scomparsa di turisti e forestieri dall’Umbria, qualcuno dà la colpa a certi giornali e alle televisioni nazionali, ree - a dire degli stessi - di enfatizzare troppo l’emergenza con un’informazione roboante anche quando si verificano lievi scosse e di generare confusione nell’opinione pubblica con informazioni imprecise. Come quando c’è chi indica Perugia o genericamente la sua provincia come il luogo degli epicentri.


Ma la stampa fa soltanto il suo dovere e si basa sulla lettura di bollettini ufficiali che, nelle loro sintesi preliminari, spesso indicano solo le province e i loro capoluoghi nei quali ricadono i territori degli epicentri.
In un’epoca in cui buona parte dell’informazione e - soprattutto la disinformazione - la fanno, ormai, i social network, non si risolverebbe di certo il problema della paura che genera solo il sentir pronunciare la parola terremoto imponendo alla stampa dei limiti o costringendola a dare notizia solo degli eventi più gravi.


Per aiutare i terremotati del turismo - ci sia permesso di chiamarli così per sintetizzare l’intera categoria - non ci vuole meno informazione, ma occorre mobilitarsi con sostegni immediati. Sostegni come: aiuti economici e, magari, anche fiscali che permettano di far sopravvivere chi rischia di soffocare; campagne pubblicitarie che spieghino che c’è un’Umbria da scoprire e da gustare senza pericoli; forme che possano certificare l’antisismicità delle strutture ricettive; eventi ed iniziative promozionali su vasta scala e a tamburo battente che mettano in luce, anche al di fuori dei confini nazionali, le qualità della regione.


Gli stessi terremotati del turismo non dovrebbero piangersi addosso o scaricare colpe su chi non le ha. Ma se vengono lasciati soli o sostenuti solo con le parole, come fanno a trovare lo stimolo e la forza per resistere e ripartire?
Mancano ancora le cifre ufficiali, ma è certo che le vacanze di fine anno hanno segnato il crollo degli arrivi in tutta la regione. Orvieto, con Umbria Jazz Winter, tuttavia si sarebbe salvata. A dimostrazione che, comunque, tra i turisti non tutti fanno dell’Umbria un sinonimo di territorio pericoloso e di terremoti in agguato.


Bisogna, insomma, non attendere oltre. E passare a qualche fatto concreto e immediato... Se ci si fosse mossi prima, forse, i danni sul turismo oggi sarebbero stati minori, perché si era già capito subito che l’aria natalizia non era delle migliori. Ma cercare ora un colpevole è come perdere ulteriore tempo in una guerra contro i molini a vento, mentre sarebbe bene rimboccarsi le maniche per gettare le basi per la primavera che è dietro l’angolo.


La situazione che si è creata è solo colpa della natura di gravi eventi che abbiamo ancora una volta sottovalutato nei loro possibili effetti collaterali. Gravi eventi che, purtroppo sono caratteristici e nemici inseparabili della nostra terra.
E’ giusto che la ricostruzione delle località terremotate parta spedita. Ma deve partire spedita anche la ricostruzione del turismo terremotato.

sergio.casagrande@gruppocorriere.it

Twitter: @essecia

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Pittura extraterrestre per tornare a casa: Flavio De Marco a M77

Pittura extraterrestre per tornare a casa: Flavio De Marco a M77

Milano (askanews) - Partire dal paesaggio extraterreste... per tornare a casa. Potremmo forse riassumere così la mostra "Planetarium" di Flavio De Marco che è allestita sui due piani della galleria M77 di via Mecenate a Milano. Potremmo farlo perchè l'artista, leccese con base a Berlino, ha scelto di partire dagli altri pianeti del Sistema solare e dal loro registro cromatico per strutturare i ...

 
Francia, la sinistra radicale divisa sul voto a Macron

Francia, la sinistra radicale divisa sul voto a Macron

Roma, (askanews) - Votare per Emmanuel Macron - per molti di loro il rappresentante dell'odiata borghesia capitalista - pur di sbarrare la strada all'estrema destra di Marine Le Pen? Oppure astenersi, rischiando così di favorirne l'ascesa? E' il dilemma davanti al quale si trovano i sostenitori di Jean-Luc Mélenchon, il candidato della sinistra radicale arrivato quarto al primo turno delle ...

 
Nonostante le sanzioni, negozi Metro e Auchan aperti in Crimea

Nonostante le sanzioni, negozi Metro e Auchan aperti in Crimea

Sinferopoli, (askanews) - Carrelli, parcheggi e persino l insegna. Quasi tutto come in Unione europea. Ma il luogo è Sinferopoli, la città della sanzionata Crimea, che ospita l'unico scalo aereo internazionale. La presenza della catena tedesca Metro e della francese Auchan hanno scatenato molte polemiche, proprio perché le attività commerciali si svolgono sotto quei brand sul territorio della ...

 
Ivanka Trump invitata da Merkel al summit delle donne a Berlino

Ivanka Trump invitata da Merkel al summit delle donne a Berlino

Roma, (askanews) - L'imprenditrice e stilista Ivanka Trump ha fatto il suo debutto oltreoceano come 'First Daughter' del presidente americano Donald Trump al summit delle donne a Berlino, il G20 Germany 2017. A fare gli onori di casa la cancelliera tedesca Angela Merkel, tra le ospiti di rilievo la francese Christine Lagarde, attuale direttrice del Fondo Monetario internazionale (Fmi). A una ...

 
Elton John ha rischiato di morire

Rara infezione

Elton John ha rischiato di morire

Elton John ha rischiato di morire per una rara infezione contratta mentre era in tour in Sudamerica. Lo fa sapere il portavoce del cantante inglese, che si è sentito male la ...

Il parco giochi con Marco Bocci e Laura Chiatti

Il taglio del nastro con Marco Bocci e Laura Chiatti

La sorpresa

Il parco giochi con Marco Bocci e Laura Chiatti

Un battesimo targato Marco Bocci e Laura Chiatti quello de “L’isola di Peter Pan”, il nuovo parco giochi per bambini che da sabato scorso ha iniziato la sua avventura a Marsciano. ...