Sergio Casagrande in bianco e nero

Meglio eroi senza nome che martiri nel mirino

26.12.2016 - 15:12

0

E' stato giusto rendere pubblici il nome dell’agente che ha ucciso lo jihadista ricercato per l’attentato di Berlino e quello del suo collega? E diffondere perfino le loro fotografie?
Mettiamoci nei panni di entrambi. E dei loro familiari. E anche di tutti quegli uomini e quelle donne impegnati ogni giorno nel garantire la nostra sicurezza. E una giustificazione alla fretta che ha avuto il ministro dell’Interno Marco Minniti a rivelare, poche ore dopo i fatti di Sesto San Giovanni, le generalità dei due agenti appare davvero difficile da trovare. Anche perché, ieri pomeriggio, il capo della polizia, Franco Gabrielli, ha diramato una circolare a tutte le questure sollecitando la “massima attenzione” poiché “non si possono escludere azioni ritorsive” nei confronti dei poliziotti e di di tutto il personale delle forze dell’ordine in divisa.
Tra i due comportamenti c’è un’evidente contraddizione che amplifica ulteriormente i dubbi sulla necessità di svelare le identità degli agenti.
Quando si ha a che fare con i fanatici dello jihadismo, la fretta dovuta all’entusiasmo può facilmente e trasformare i nostri eroi in involontari martiri. E noi, oggi, abbiamo bisogno più di acclamare i primi che piangere i secondi. Anche se, questo comporta la necessità di non sapere mai i loro nomi e di non conoscere i loro volti.
E’ stato così quando abbiamo combattuto il terrorismo interno. E’ così quando combattiamo la mafia e tutte le più grandi e pericolose organizzazioni criminali. Dovrebbe essere così anche quando dobbiamo difenderci da chi ha proclamato guerra alla nostra civiltà.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Di Maio a "Italia 18": Ora per fare notizia sbaglio i gerundi

Di Maio a "Italia 18": Ora per fare notizia sbaglio i gerundi

Milano, (askanews) - "Guardi non fanno più notizia, sto iniziando a sbagliare i gerundi magari riesco a fare più notizia, visto che non parla mai del merito ma di queste cose. Tra l'altro a quei signori che hanno fatto i maestrini ho risposto che quella forma è corretta e lo dicono anche fior fiore di persone che si occupano di grammatica. Vedo sempre questi maestrini che ci correggono ...

 
Malagò: Carolina Kostner portabandiera alla cerimonia di chiusura

Malagò: Carolina Kostner portabandiera alla cerimonia di chiusura

PyeongChang (askanews) - "Abbiamo voluto pensare a Carolina per riconoscenza, per gratitudine per questa meravigliosa carriera che ha fatto": così il presidente del Coni, Giovanni Malagò, ha annunciato e motivato la scelta di Carolina Kostner come portabandiera azzurra alla cerimonia di chiusura dei Giochi olimpici invernali di PyeongChang. Un omaggio a tutta la sua carriera e un auspicio perché ...

 
Malagò: Olimpiadi al femminile, per le donne ancora più difficile

Malagò: Olimpiadi al femminile, per le donne ancora più difficile

PyeongChang (askanews) - "Medaglie che hanno ancora più valore a fronte delle maggiori difficoltà che nel nostro Paese le donne continuano ad avere per poter fare sport a livelli importanti". In questo modo il presidente del Coni Giovanni Malagò ha voluto rendere omaggio alle molte medaglie conquistate da atlete nei Giochi invernali di PyeongChang.

 
Olimpiadi, Malago: dieci medaglie, prossima volta ancora meglio

Olimpiadi, Malago: dieci medaglie, prossima volta ancora meglio

PyeongChang (askanews) - Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, da PyeongChang ha tracciato un bilancio della spedizione italiana alle Olimpiadi invernali sudcoreane. Dieci medaglie, di cui tre d'oro, "un risultato per il quale tutti avremmo firmato prima di partire". Un risultato che migliora quelli degli ultimi Giochi invernali e che ora, per le prossime edizioni, ci impone di fare ancora ...

 
I tanti universi del Fuseum

Alla scoperta dell'arte

I tanti universi del Fuseum

In mezzo al verde e alla natura di Montemalbe, bella collina di Perugia, da una casa museo s’alza il richiamo di una nuova stagione. Quella casa è l’universo dei tanti ...

23.02.2018

Ritmo e adrenalina, c'è Caparezza

In concerto

Ritmo e adrenalina, c'è Caparezza

Qualcuno si ricorderà quella notte d’inverno di quattordici anni fa. Metà gennaio del 2004, giorno più giorno meno. A Perugia c’era ancora il Norman, e il più delle volte i ...

23.02.2018

Ultimo e Moro, passaggio in Umbria

Dal palco dell'Ariston

Ultimo e Moro, passaggio in Umbria

L’eco di Sanremo 2018 si fa sentire. Con l’arrivo di due big. Mercoledì 28 febbraio alle 17.30 il centro commerciale Quasar Village di Ellera di Corciano ospiterà il ...

23.02.2018