Sergio Casagrande in bianco e nero

L'ansia da governo terremotato

10.12.2016 - 10:33

0

Dopo l’apertura della nuova crisi politica sono ore febbrili, quelle di questi giorni, anche per le popolazioni terremotate dell’Italia centrale.
In ballo ci sono i molti impegni già presi e le tante promesse fatte da un governo che, dopo il voto referendario del 4 dicembre scorso, è venuto giù con la stessa velocità con cui il sisma ha sbriciolato case e chiese. si era partiti col piede giusto, ma ora gli impegni verranno rispettati? E i tempi saranno rapidi?
A queste due domande ha cercato di dare una risposta rassicurante chi, intanto, resta saldo al suo posto: il commissario per la ricostruzione Vasco Errani (il suo incarico, salvo sorprese, scadrà solo il 17 settembre 2017). “Non c’è alcun rischio di abbandono o rallentamenti”, ha dichiarato in un’intervista a Tv2000.
In effetti ad Amatrice, Norcia, Arquata del Tronto e in tutte le altre località piegate dagli scossoni della terra si continua a lavorare alacremente come se, oltre al devastante terremoto, null’altro fosse accaduto. Si preparano le aree per i moduli abitativi; si continuano a rimuovere la macerie; e si prosegue nelle verifiche e nelle operazioni di messa in sicurezza. Ma tra i terremotati e, soprattutto, tra i loro sindaci, l’ansia sta crescendo. Perché oltre al fatto che la terra continua a tremare senza tregua (a memoria d’uomo vivente nessuno, in Italia, ricorda uno sciame così intensamente lungo) è, in effetti, improvvisamente diventato impossibile trovare un valido interlocutore più in alto del commissario per la ricostruzione e dei rappresentanti delle massime istituzioni regionali.
Il capo del governo e i ministri sono dimissionari; i parlamentari sono alle prese con le grandi manovre della politica. E per giunta i riflettori dei grandi media che per settimane erano stati puntati sulle località ferite si sono spenti focalizzando l’attenzione dell’opinione pubblica nazionale solo sulla caduta del governo.
Errani ha fatto notare che, comunque sia, già c’è in vigore l’ordinanza sui lavori “leggeri” grazie alla quale si possono avviare le opere di ripristino delle case inagibili per danni lievi. E ha spiegato che, con l’avvenuta approvazione della manovra, si può procedere a interventi di miglioramento e adeguamento sismico beneficiando di forti sconti fisali.
In verità, però, manca ancora l’approvazione definitiva di quel decreto che, fissando nel dettaglio tutte le regole, deve dare le gambe alla vera ricostruzione. Era stata promessa una corsia preferenziale e veloce per farlo votare prima dell’8 dicembre. Ma la tempesta che si è abbattuta sul governo non ha permesso l’accelerazione. E, quindi, dovrebbe approdare in aula, a Montecitorio, lunedì prossimo, con votazione il giorno successivo.
In effetti, sulla carta, l’assenza del governo non dovrebbe incidere sul voto, anche perché il testo ha già superato l’iter del Senato e, in Commissione, è stato messo a punto con il consenso di tutte le forze politiche. Anche di quelle che avevano fatto piovere una serie di emendamenti e di dubbi. Ma con i partiti in fibrillazione e le lotte di potere in corso, riusciranno davvero tutti ad evitare di giocare sulla pelle dei terremotati per trovarsi concordi e determinati in un voto immediato? Errani dice di sì. O, meglio - visto che, nella sostanza, ora può garantire solo per se stesso - precisa di “esserne convinto”. “D’altronde - osserva - una cosa è certa, come ha assicurato il presidente della Repubblica sarà ricostruito tutto e i cittadini danneggiati saranno risarciti”. Lo speriamo tutti davvero.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Ceri mezzani, grandi emozioni come sempre
gubbio

Ceri mezzani, grandi emozioni come sempre

Li chiamano Ceri mezzani perché a portarli di corsa per le strade di Gubbio fino al monte Ingino sono i giovani, i ceraioli del futuro, ma non per questo l'emozione del secondo atto della Festa dei Ceri è meno emozionante. Uno splendido sole di maggio bacia la domenica dei Ceri mezzani, a cominciare dall'alzata e dalle birate del mattino in piazza Grande.

 
Royal wedding, è il giorno del sì: Harry e Meghan marito e moglie

Royal wedding, è il giorno del sì: Harry e Meghan marito e moglie

Milano (askanews) - Si sono guardati e sorrisi a lungo, poi si sono presi per mano e così si sono scambiati le promesse di matrimonio: il principe Harry d'Inghilterra e Meghan Markle sono diventati marito e moglie nella cappella di St George del castello di Windsor. La sposa, arrivata in auto con la madre Doria, è entrata da sola in chiesa, seguita dai 10 paggetti e damigelle, tra cui i ...

 
Mattarella alla cerimonia per i 150 anni dei Corazzieri

Mattarella alla cerimonia per i 150 anni dei Corazzieri

Roma (askanews) - Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, è intervenuto alla cerimonia per il 150esimo anniversario di costituzione del Reggimento Corazzieri presso la caserma "Magg. Alessandro Negri di Sanfront" di Roma. Mattarella ha espresso "apprezzamento e riconoscenza" al reggimento dei corazzieri, sottolineandone "lo spirito di servizio allo Stato, di sostegno alla nostra ...

 
Doppia italia sul podio di Cannes

festival del cinema

Doppia italia sul podio di Cannes

Trionfo dell'Italia al Festival del cinema di Cannes. "Dogman" di Matteo Garrone regala a Marcello Fonte il premio come miglior attore protagonista, mentre Alice Rohrwacher ...

20.05.2018

Da Giovanni Guidi, quel jazz tutto in "Salida"

L'intervista

Da Giovanni Guidi, quel jazz tutto in "Salida"

Nuova avventura musicale per Giovanni Guidi che chiama accanto a sé tre esponenti del jazz newyorkese. Ad accompagnare il pianista ci sono infatti David Virelles alle ...

17.05.2018

Miss Mondo in passerella

Sfida a colpi di bellezza

Miss Mondo in passerella

Sabato 19 maggio, a iniziare dalle 18,30, quindici bellissime miss sfileranno in passerella al centro di intrattenimento Gherlinda, a Corciano, per conquistare una delle tre ...

16.05.2018