Sergio Casagrande in bianco e nero

Quelle strade inadeguate all'emergenza

05.11.2016 - 16:07

0

Il terremoto del 30 ottobre scorso non ha colpito soltanto gli edifici, i monumenti e le chiese. Ma, in una vasta area attorno all’epicentro, ha causato seri danni anche alle strade lasciando isolati alcuni centri abitati.
La principale arteria dell’area devastata, nota come la Statale Valnerina (in realtà oggi ha una nuova classificazione divisa per tratti), è rimasta interrotta per una frana che, nelle gole di Belforte, ha deviato il corso del Nera sul suo tracciato. Non è una strada di poco conto: inizia a Terni e finisce a Muccia dopo aver toccato Borgo Cerreto, Triponzo e Visso; e serve direttamente o indirettamente tutti i centri abitati della Valnerina umbra e marchigiana.
Anche la strada che si dirama proprio dalla Statale Valnerina e da Triponzo conduce a Norcia (l’attuale tratto della 685 Tre Valli Umbre, ex 320 di Cascia) è rimasta chiusa per caduta massi.
Tantissimi, poi, i tracciati secondari che hanno avuto cedimenti del manto stradale o sono stati invasi da smottamenti del terreno.
I problemi si sono mostrati fin dal primo minuto dell’emergenza: in Umbria Preci, Campi di Norcia, Ancarano, Castelluccio e tante piccole frazioni sono rimaste isolate, letteralmente tagliate fuori da qualsiasi via di comunicazione su terra. Perfino Norcia è diventata raggiungibile, dal resto della regione, soltanto attraverso tracciati secondari, tortuosi, pericolosi, lentissimi per i mezzi di soccorso. E i tempi di percorrenza anche per brevi spostamenti sono diventati lunghissimi.
I problemi per la viabilità, per giunta, nella Valnerina ferita continuano ancora oggi, a quasi una settimana dalla scossa di magnitudo 6.5 delle 7.40 di domenica.
E’ stato, insomma, un vero miracolo il fatto che la Protezione civile e le squadre necessarie per i soccorsi fossero già presenti nell’epicentro. Altrimenti le operazioni di primo intervento sarebbero state difficilissime, se non addirittura impossibili in tempi rapidi.
E’ il caso, quindi, che nell’affrontare la ricostruzione il “problema strade” venga posto tra i punti più importanti delle nuove opere di prevenzione da attuare. E queste opere non potranno di certo limitarsi (come giustamente prevede il decreto annunciato ieri dal governo) a garantire il semplice ripristino della viabilità esistente.
Occorre andare oltre. Perché significherebbe solo rimuovere i massi e procedere all’impedimento di ulteriori frane con lavori che furono già fatti nel 1979 in occasione del precedente forte terremoto di Norcia e che in questa occasione hanno dimostrato di essere insufficienti.
Per un’area considerata al top del rischio sismico in Italia non è un problema di poco conto.
Se, quindi, ipotizzare una quattrocorsie come per Colfiorito può essere considerato esagerato (per la scarsa portata del traffico e per l’impatto ambientale), è comunque necessario progettare, fin da subito, l’ammordenamento di tutto il tracciato che compone l’attuale strada detta “delle Tre Valli” perfezionandone il percorso e rendendolo tutto a scorrimento veloce (per fortuna che è stata almeno già realizzata la galleria di Forca di Cerro).
Occorrerà, inoltre, ripristinare in tempi brevi anche la transitabilità e la solidità dei viadotti di Forca Canapine. E, soprattutto, è estremamente necessario creare rapidamente quello svincolo sulla nuova superstrada Valdichienti tanto auspicato e richiesto a Scopoli di Foligno, perché da qui si può servire bene anche la Valnerina attraverso la “Sellanese”. Ma se su questo fronte l’Umbria non si fa sentire subito e forte, il rischio è che tutto si risolva semplicemente rimettendo a posto quello che il terremoto ha sfasciato. E che è sempre pronto a risfasciare.
sergio.casagrande@gruppocorriere.it
Twitter: </CF>@essecia

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Ilva, Toti: "Non inseguire idee fantasiose, serve impegno concreto"

Ilva, Toti: "Non inseguire idee fantasiose, serve impegno concreto"

(Agenzia Vista) Liguria, 18 luglio 2018 "Riteniamo che non si possa, in un settore cosi' delicato e dopo tanto tempo, inseguire fantasiose idee che ci portino fuori strada, ma bisogna concretamente impegnarsi con le pietanze che sono sul tavolo per costruire l'ingresso in azienda di Mittal e l'inizio di questa nuova avventura". Lo ha detto il governatore ligure Giovanni Toti, parlando di Ilva in ...

 
Funerale della Sanita' pubblica a Napoli, i manifestanti: "De Luca ha fallito si dimetta"

Funerale della Sanita' pubblica a Napoli, i manifestanti: "De Luca ha fallito si dimetta"

(Agenzia Vista) Napoli, 18 luglio 2018 Funerale della Sanita' pubblica a Napoli De Luca ha fallito si dimetta Nel piazzale antistante l'ospedale LoretoMare va in scena il funerale della Sanità pubblica organizzato dal Movimento meridionalista e dal Movimento Idea Sociale. I partecipanti puntano il dito contro il Governatore, Vincenzo De Luca, invitandolo a dimettersi. AltrimondiNews Fonte: ...

 
Legittima difesa, Fontana (pres. Lombardia): "E' una priorità per il Governo"

Legittima difesa, Fontana (pres. Lombardia): "E' una priorità per il Governo"

(Agenzia Vista) Milano, 18 luglio 2018 "La legge sulla legittima difesa, essendo stata presentato in campagna elettorale io credo sia una priorità di questo Governo". Queste le parole del presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana a margine della seduta pubblica della Commissione antimafia del consiglio Regionale in occasione dell'anniversario della morte di Borsellino Fonte: Agenzia ...

 
Commissione Ue: "Multa a Google da 4,3 mld"

Commissione Ue: "Multa a Google da 4,3 mld"

(Agenzia Vista) Roma, 18 luglio 2018 Commissione Ue Multa a Google da 4,3 mld La Commissione europea ha comminato a Google una multa record da 4,34 miliardi per aver violato le regole della concorrenza. Lo dichiara la Commissione, confermando le indiscrezioni circolate in queste ore. In particolare Google e' stata multata per aver, dal 2011, "imposto restrizioni illegali ai produttori di ...

 
Quelli dei Massive Attack

Umbria Jazz 2018

Quelli dei Massive Attack

La lunga notte dei Massive Attack all'Arena Santa Giuliana per Umbria Jazz fra tanta musica, effetti speciali e un'abbondante pioggia che non ha fermato entusiasmo e note ... ...

17.07.2018

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

Umbria Jazz

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

L'acquazzone che si è abbattuto per qualche minuto sull'arena Santa Giuliana di Perugia non ha scoraggiato assolutamente il popolo di Umbria Jazz e l'attesissimo concerto ...

17.07.2018

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Il festival

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Poco dopo le 22 la luna si oscura e nubi nere scatenano un acquazzone sul popolo dei Massive Attack, all'arena Santa Giuliana. Hanno partecipato in tanti, sia sulle gradinate ...

16.07.2018