Sergio Casagrande in bianco e nero

Quelle strade inadeguate all'emergenza

05.11.2016 - 16:07

0

Il terremoto del 30 ottobre scorso non ha colpito soltanto gli edifici, i monumenti e le chiese. Ma, in una vasta area attorno all’epicentro, ha causato seri danni anche alle strade lasciando isolati alcuni centri abitati.
La principale arteria dell’area devastata, nota come la Statale Valnerina (in realtà oggi ha una nuova classificazione divisa per tratti), è rimasta interrotta per una frana che, nelle gole di Belforte, ha deviato il corso del Nera sul suo tracciato. Non è una strada di poco conto: inizia a Terni e finisce a Muccia dopo aver toccato Borgo Cerreto, Triponzo e Visso; e serve direttamente o indirettamente tutti i centri abitati della Valnerina umbra e marchigiana.
Anche la strada che si dirama proprio dalla Statale Valnerina e da Triponzo conduce a Norcia (l’attuale tratto della 685 Tre Valli Umbre, ex 320 di Cascia) è rimasta chiusa per caduta massi.
Tantissimi, poi, i tracciati secondari che hanno avuto cedimenti del manto stradale o sono stati invasi da smottamenti del terreno.
I problemi si sono mostrati fin dal primo minuto dell’emergenza: in Umbria Preci, Campi di Norcia, Ancarano, Castelluccio e tante piccole frazioni sono rimaste isolate, letteralmente tagliate fuori da qualsiasi via di comunicazione su terra. Perfino Norcia è diventata raggiungibile, dal resto della regione, soltanto attraverso tracciati secondari, tortuosi, pericolosi, lentissimi per i mezzi di soccorso. E i tempi di percorrenza anche per brevi spostamenti sono diventati lunghissimi.
I problemi per la viabilità, per giunta, nella Valnerina ferita continuano ancora oggi, a quasi una settimana dalla scossa di magnitudo 6.5 delle 7.40 di domenica.
E’ stato, insomma, un vero miracolo il fatto che la Protezione civile e le squadre necessarie per i soccorsi fossero già presenti nell’epicentro. Altrimenti le operazioni di primo intervento sarebbero state difficilissime, se non addirittura impossibili in tempi rapidi.
E’ il caso, quindi, che nell’affrontare la ricostruzione il “problema strade” venga posto tra i punti più importanti delle nuove opere di prevenzione da attuare. E queste opere non potranno di certo limitarsi (come giustamente prevede il decreto annunciato ieri dal governo) a garantire il semplice ripristino della viabilità esistente.
Occorre andare oltre. Perché significherebbe solo rimuovere i massi e procedere all’impedimento di ulteriori frane con lavori che furono già fatti nel 1979 in occasione del precedente forte terremoto di Norcia e che in questa occasione hanno dimostrato di essere insufficienti.
Per un’area considerata al top del rischio sismico in Italia non è un problema di poco conto.
Se, quindi, ipotizzare una quattrocorsie come per Colfiorito può essere considerato esagerato (per la scarsa portata del traffico e per l’impatto ambientale), è comunque necessario progettare, fin da subito, l’ammordenamento di tutto il tracciato che compone l’attuale strada detta “delle Tre Valli” perfezionandone il percorso e rendendolo tutto a scorrimento veloce (per fortuna che è stata almeno già realizzata la galleria di Forca di Cerro).
Occorrerà, inoltre, ripristinare in tempi brevi anche la transitabilità e la solidità dei viadotti di Forca Canapine. E, soprattutto, è estremamente necessario creare rapidamente quello svincolo sulla nuova superstrada Valdichienti tanto auspicato e richiesto a Scopoli di Foligno, perché da qui si può servire bene anche la Valnerina attraverso la “Sellanese”. Ma se su questo fronte l’Umbria non si fa sentire subito e forte, il rischio è che tutto si risolva semplicemente rimettendo a posto quello che il terremoto ha sfasciato. E che è sempre pronto a risfasciare.
sergio.casagrande@gruppocorriere.it
Twitter: </CF>@essecia

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Appendino a San Pietroburgo: via subito sanzioni a Russia

Appendino a San Pietroburgo: via subito sanzioni a Russia

San Pietroburgo, (askanews) - Le sanzioni alla Russia vanno eliminate al più presto perché per le aziende italiane hanno rappresentato un danno notevole. E stato questo il messaggio arrivato dal Forum economico di San Pietroburgo dove è stata ospite la sindaca di Torino, Chiara Appendino, esponente del Movimento 5 Stelle che, insieme alla Lega, ha proprio lo stop alle sanzioni alla Russia tra i ...

 
Governo, Starace: calo mercati fisiologico, non vedo fine Europa

Governo, Starace: calo mercati fisiologico, non vedo fine Europa

San Pietroburgo, 25 mag. (askanews) - La flessione dei mercati rispetto al governo nascente è "fisiologica". Il numero uno di Enel, Francesco Starace, non vede con particolare preoccupazione quello che sta succedendo, perchè non sarà la fine dell'Europa. Si tratta piuttosto di aspettare e di vedere che direzione il nuovo esecutivo vorrà prendere. "Non sono particolarmente preoccupato - ha detto ...

 
Libia, Dengov: prematuro indicare ora i tempi per le elezioni

Libia, Dengov: prematuro indicare ora i tempi per le elezioni

San Pietroburgo, (askanews) - Per la Russia è prematuro indicare termini di tempo precisi per le elezioni in Libia. Noi non abbiamo mai insistito perché fossero indicati dei termini di tempo precisi per le elezioni - ha dichiarato ad Askanews il capo del gruppo di contatto russo per la crisi libica, Lav Dengov, a margine del Forum economico di San Pietroburgo - ho detto più volte che è prima di ...

 
Russia-Italia, a Pietroburgo il business guarda oltre le sanzioni

Russia-Italia, a Pietroburgo il business guarda oltre le sanzioni

San Pietroburgo, (askanews) - E' stato il pragmatismo del business a dominare la sessione di dibattito bilaterale Russia-Italia al Forum economico di San Pietroburgo. L'Italia è stata penalizzata dalle sanzioni alla Russia nonostante le aziende italiane che fanno affari nel paese abbiamo retto il colpo. Per questo ora occorre che il governo italiano che sta nascendo abbia il coraggio di portare ...

 
I My Mine presentano il nuovo album

I My Mine

Italo disco

I My Mine presentano il nuovo album

Venerdì 25 maggio i My Mine presenteranno al Mishima di Terni il nuovo album “83-18” che rappresenta il loro ritorno sulla scena della musica elettronica. La band simbolo ...

24.05.2018

Fumo di Londra torna a Perugia in 4k

Il film diretto e interpretato da Alberto Sordi sarà proiettato in versione restaurata al Morlacchi

Fumo di Londra torna a Perugia in 4k

Alberto Sordi in Fumo di Londra è Dante Fontana, antiquario con il negozio in corso Vannucci, a pochi passa da piazza IV Novembre. Era il 1966 e Sordi, per la prima volta ...

23.05.2018

Marco Bocci torna a casa

Marco Bocci a casa

Marsciano

Marco Bocci torna a casa

“E finalmente casa dolce casa”. Con un post su Instagram Marco Bocci comunica ai suoi fan la bella notizia e aggiunge diversi hashtag sul suo stato di salute: ...

22.05.2018