Sergio Casagrande in bianco e nero

Il terremoto e gli aiuti per tutti

15.10.2016 - 11:37

0

Erano stati promessi tempi brevi. Ed effettivamente - almeno per le linee guida - i tempi brevi sono stati.
A meno di due mesi dal terremoto del 24 agosto il consiglio dei ministri ha approvato il decreto legge con le prime misure concrete per le aree colpite dal sisma.
Il testo, di 53 articoli, fissa aiuti e sostegni, a cominciare dal risarcimento dei danni subiti dalle case e dagli edifici in generale fino al prestito d’onore per il riavvio delle attività produttive e la cassa integrazione in deroga per i lavoratori delle imprese coinvolte nel sisma. Senza dimenticare il rinvio di imposte e tasse per quanti (singoli e imprese) documenteranno che l’impossibilità del pagamento è strettamente connessa al terremoto.
Per stabilire, poi, gli aventi diritto ai finanziamenti definisce anche un’area che comprende 4 regioni (Lazio, Marche, Umbria e Abruzzo) e copre un totale di 62 comuni.
All’indomani del varo i commenti sono stati, nella maggioranza, positivi. Ma a qualcuno non è piaciuto il fatto che le agevolazioni per la ricostruzione siano state estese anche alle “seconde case”, quelle di proprietà cioè di chi magari ha già un’altra abitazione e la residenza fuori e perfino molto lontana dalle aree colpite dal sisma.
In effetti, in occasione di altre gravi calamità naturali, le “seconde case” sono spesso state escluse. Ma in questa occasione non si può dire che non sia stato giusto inserirle nel provvedimento degli aiuti. E per un semplice fatto: perché i territori danneggiati - da Amatrice a Castelluccio di Norcia e da Arquata del Tronto a San Pellegrino - sono tradizionalmente luoghi di villeggiatura e di vacanza; e alcuni centri storici hanno visto addirittura la distruzione totale dei loro edifici.
E’ vero che in questo modo le agevolazioni vengono estese anche a chi, probabilmente, non ha subito grandi disagi e non è dovuto ricorrere a sistemazioni d’emergenza, ma bisogna tenere conto che i non residenti sono, ormai da lungo tempo, parte integrante della vita sociale di questi centri abitati e parte trainante dell’economia locale.
Se si fossero concessi gli aiuti solo ed esclusivamente ai residenti si sarebbe, in sostanza, corso il rischio di vedere una rinascita solo parziale delle aree colpite; e non si sarebbe di certo contribuito all’obiettivo di evitarne lo spopolamento con una rapida ripresa delle prospettive economiche e sociali.
L’importante, ora, è che si vigili davvero bene sulla ricostruzione. E, soprattutto, sulle richieste di aiuto che arriveranno.
Non bastano, infatti, controlli e supervisioni sulle imprese e sui professionisti. Occorre vagliare con estrema attenzione anche le richieste di danni. Perché qualche furbetto, a volte, si può nascondere anche dietro i veri terremotati accampando danni e dolori che in realtà con gli eventi che hanno motivato gli aiuti ben poco hanno a che fare.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Appendino a San Pietroburgo: via subito sanzioni a Russia

Appendino a San Pietroburgo: via subito sanzioni a Russia

San Pietroburgo, (askanews) - Le sanzioni alla Russia vanno eliminate al più presto perché per le aziende italiane hanno rappresentato un danno notevole. E stato questo il messaggio arrivato dal Forum economico di San Pietroburgo dove è stata ospite la sindaca di Torino, Chiara Appendino, esponente del Movimento 5 Stelle che, insieme alla Lega, ha proprio lo stop alle sanzioni alla Russia tra i ...

 
Governo, Starace: calo mercati fisiologico, non vedo fine Europa

Governo, Starace: calo mercati fisiologico, non vedo fine Europa

San Pietroburgo, 25 mag. (askanews) - La flessione dei mercati rispetto al governo nascente è "fisiologica". Il numero uno di Enel, Francesco Starace, non vede con particolare preoccupazione quello che sta succedendo, perchè non sarà la fine dell'Europa. Si tratta piuttosto di aspettare e di vedere che direzione il nuovo esecutivo vorrà prendere. "Non sono particolarmente preoccupato - ha detto ...

 
Libia, Dengov: prematuro indicare ora i tempi per le elezioni

Libia, Dengov: prematuro indicare ora i tempi per le elezioni

San Pietroburgo, (askanews) - Per la Russia è prematuro indicare termini di tempo precisi per le elezioni in Libia. Noi non abbiamo mai insistito perché fossero indicati dei termini di tempo precisi per le elezioni - ha dichiarato ad Askanews il capo del gruppo di contatto russo per la crisi libica, Lav Dengov, a margine del Forum economico di San Pietroburgo - ho detto più volte che è prima di ...

 
Russia-Italia, a Pietroburgo il business guarda oltre le sanzioni

Russia-Italia, a Pietroburgo il business guarda oltre le sanzioni

San Pietroburgo, (askanews) - E' stato il pragmatismo del business a dominare la sessione di dibattito bilaterale Russia-Italia al Forum economico di San Pietroburgo. L'Italia è stata penalizzata dalle sanzioni alla Russia nonostante le aziende italiane che fanno affari nel paese abbiamo retto il colpo. Per questo ora occorre che il governo italiano che sta nascendo abbia il coraggio di portare ...

 
I My Mine presentano il nuovo album

I My Mine

Italo disco

I My Mine presentano il nuovo album

Venerdì 25 maggio i My Mine presenteranno al Mishima di Terni il nuovo album “83-18” che rappresenta il loro ritorno sulla scena della musica elettronica. La band simbolo ...

24.05.2018

Fumo di Londra torna a Perugia in 4k

Il film diretto e interpretato da Alberto Sordi sarà proiettato in versione restaurata al Morlacchi

Fumo di Londra torna a Perugia in 4k

Alberto Sordi in Fumo di Londra è Dante Fontana, antiquario con il negozio in corso Vannucci, a pochi passa da piazza IV Novembre. Era il 1966 e Sordi, per la prima volta ...

23.05.2018

Marco Bocci torna a casa

Marco Bocci a casa

Marsciano

Marco Bocci torna a casa

“E finalmente casa dolce casa”. Con un post su Instagram Marco Bocci comunica ai suoi fan la bella notizia e aggiunge diversi hashtag sul suo stato di salute: ...

22.05.2018