Sergio Casagrande in bianco e nero

La guerra agli schiavi del cellulare

01.10.2016 - 10:37

0

E’ di questi giorni la notizia che, tra le cause degli incidenti stradali più gravi in Italia, si pone ai primi posti l’uso degli smartphone da parte degli automobilisti.

C’è, evidentemente, chi è diventato talmente schiavo del telefonino che non riesce neppure a separarsene quando è al volante. Ma, per rendersene conto, non era necessario attendere le statistiche. Sarebbe bastato fermarsi, anche solo per pochi attimi, a guardare gli automobilisti che transitano lungo una qualsiasi strada per verificare che sono davvero in tanti a guidare con lo smartphone in mano. Un uso, quello del telefonino alla guida, che è diventato naturale per tantissimi italiani. Anzi, un uso-abuso che per gli italiani non è di certo una novità, visto che queste stesse scene si potevano osservare già agli albori della telefonia mobile.
Ma rispetto al passato, oggi, c’è una grande differenza che aggrava la situazione: i telefonini di un tempo erano solo apparecchi per telefonare; quelli di oggi sono una sorta di micro tablet che ti obbligano a impegnare, per il loro funzionamento, anche molto tempo. E possono distrarre, sicuramente, molto di più.
Ovvio, quindi, che anche solo pensare di poter chattare o interagire con Facebook, Twitter e quant’altro usando il proprio telefonino, quando si dovrebbe invece essere concentrati nella guida, può rivelarsi un comportamento pericolosissimo. E, addirittura, criminale.
Ora, resisi tutti conto della gravità della situazione, c’è chi propone di obbligare le forze dell’ordine ad operare - quando si verifica un incidente particolarmente grave - il sequestro dei telefonini degli automobilisti coinvolti in modo da indagare sull'uso che ne è stato fatto nei momenti immediatamente precedenti il sinistro. Così per sanzionare, con le pene più severe, chi ha provocato l’incidente distraendosi con lo smartphone. Ma si dimentica che esiste già un Codice della Strada che, all’articolo 173, vieta “al conducente di far uso durante la marcia di apparecchi radiotelefonici e anche di usare cuffie sonore” e consente invece l’uso di “apparecchi a viva voce”.
La possibile soluzione, quindi, c’è già e non c’è certo il caso di fare nuove leggi straordinarie: basterebbe dotare le forze dell’ordine di personale sufficiente a effettuare maggiori controlli sulle strade (che per carenze di organico stanno diventando una vera rarità); e obbligare le case costruttrici di veicoli (e non solo di auto) a inserire nelle dotazioni di serie i vivavoce, visto che quelli di nuova generazione integrano anche l’uso dei social network e delle varie applicazioni grazie ai comandi vocali e lo limitano quando si tentano interazioni che possono costituire livelli di pericolosità alla guida.
sergio.casagrande@gruppocorriere.it
Twitter: @essecia 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Ilva, Toti: "Non inseguire idee fantasiose, serve impegno concreto"

Ilva, Toti: "Non inseguire idee fantasiose, serve impegno concreto"

(Agenzia Vista) Liguria, 18 luglio 2018 "Riteniamo che non si possa, in un settore cosi' delicato e dopo tanto tempo, inseguire fantasiose idee che ci portino fuori strada, ma bisogna concretamente impegnarsi con le pietanze che sono sul tavolo per costruire l'ingresso in azienda di Mittal e l'inizio di questa nuova avventura". Lo ha detto il governatore ligure Giovanni Toti, parlando di Ilva in ...

 
Funerale della Sanita' pubblica a Napoli, i manifestanti: "De Luca ha fallito si dimetta"

Funerale della Sanita' pubblica a Napoli, i manifestanti: "De Luca ha fallito si dimetta"

(Agenzia Vista) Napoli, 18 luglio 2018 Funerale della Sanita' pubblica a Napoli De Luca ha fallito si dimetta Nel piazzale antistante l'ospedale LoretoMare va in scena il funerale della Sanità pubblica organizzato dal Movimento meridionalista e dal Movimento Idea Sociale. I partecipanti puntano il dito contro il Governatore, Vincenzo De Luca, invitandolo a dimettersi. AltrimondiNews Fonte: ...

 
Legittima difesa, Fontana (pres. Lombardia): "E' una priorità per il Governo"

Legittima difesa, Fontana (pres. Lombardia): "E' una priorità per il Governo"

(Agenzia Vista) Milano, 18 luglio 2018 "La legge sulla legittima difesa, essendo stata presentato in campagna elettorale io credo sia una priorità di questo Governo". Queste le parole del presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana a margine della seduta pubblica della Commissione antimafia del consiglio Regionale in occasione dell'anniversario della morte di Borsellino Fonte: Agenzia ...

 
Commissione Ue: "Multa a Google da 4,3 mld"

Commissione Ue: "Multa a Google da 4,3 mld"

(Agenzia Vista) Roma, 18 luglio 2018 Commissione Ue Multa a Google da 4,3 mld La Commissione europea ha comminato a Google una multa record da 4,34 miliardi per aver violato le regole della concorrenza. Lo dichiara la Commissione, confermando le indiscrezioni circolate in queste ore. In particolare Google e' stata multata per aver, dal 2011, "imposto restrizioni illegali ai produttori di ...

 
Quelli dei Massive Attack

Umbria Jazz 2018

Quelli dei Massive Attack

La lunga notte dei Massive Attack all'Arena Santa Giuliana per Umbria Jazz fra tanta musica, effetti speciali e un'abbondante pioggia che non ha fermato entusiasmo e note ... ...

17.07.2018

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

Umbria Jazz

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

L'acquazzone che si è abbattuto per qualche minuto sull'arena Santa Giuliana di Perugia non ha scoraggiato assolutamente il popolo di Umbria Jazz e l'attesissimo concerto ...

17.07.2018

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Il festival

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Poco dopo le 22 la luna si oscura e nubi nere scatenano un acquazzone sul popolo dei Massive Attack, all'arena Santa Giuliana. Hanno partecipato in tanti, sia sulle gradinate ...

16.07.2018