Sergio Casagrande in bianco e nero

La guerra agli schiavi del cellulare

01.10.2016 - 10:37

0

E’ di questi giorni la notizia che, tra le cause degli incidenti stradali più gravi in Italia, si pone ai primi posti l’uso degli smartphone da parte degli automobilisti.

C’è, evidentemente, chi è diventato talmente schiavo del telefonino che non riesce neppure a separarsene quando è al volante. Ma, per rendersene conto, non era necessario attendere le statistiche. Sarebbe bastato fermarsi, anche solo per pochi attimi, a guardare gli automobilisti che transitano lungo una qualsiasi strada per verificare che sono davvero in tanti a guidare con lo smartphone in mano. Un uso, quello del telefonino alla guida, che è diventato naturale per tantissimi italiani. Anzi, un uso-abuso che per gli italiani non è di certo una novità, visto che queste stesse scene si potevano osservare già agli albori della telefonia mobile.
Ma rispetto al passato, oggi, c’è una grande differenza che aggrava la situazione: i telefonini di un tempo erano solo apparecchi per telefonare; quelli di oggi sono una sorta di micro tablet che ti obbligano a impegnare, per il loro funzionamento, anche molto tempo. E possono distrarre, sicuramente, molto di più.
Ovvio, quindi, che anche solo pensare di poter chattare o interagire con Facebook, Twitter e quant’altro usando il proprio telefonino, quando si dovrebbe invece essere concentrati nella guida, può rivelarsi un comportamento pericolosissimo. E, addirittura, criminale.
Ora, resisi tutti conto della gravità della situazione, c’è chi propone di obbligare le forze dell’ordine ad operare - quando si verifica un incidente particolarmente grave - il sequestro dei telefonini degli automobilisti coinvolti in modo da indagare sull'uso che ne è stato fatto nei momenti immediatamente precedenti il sinistro. Così per sanzionare, con le pene più severe, chi ha provocato l’incidente distraendosi con lo smartphone. Ma si dimentica che esiste già un Codice della Strada che, all’articolo 173, vieta “al conducente di far uso durante la marcia di apparecchi radiotelefonici e anche di usare cuffie sonore” e consente invece l’uso di “apparecchi a viva voce”.
La possibile soluzione, quindi, c’è già e non c’è certo il caso di fare nuove leggi straordinarie: basterebbe dotare le forze dell’ordine di personale sufficiente a effettuare maggiori controlli sulle strade (che per carenze di organico stanno diventando una vera rarità); e obbligare le case costruttrici di veicoli (e non solo di auto) a inserire nelle dotazioni di serie i vivavoce, visto che quelli di nuova generazione integrano anche l’uso dei social network e delle varie applicazioni grazie ai comandi vocali e lo limitano quando si tentano interazioni che possono costituire livelli di pericolosità alla guida.
sergio.casagrande@gruppocorriere.it
Twitter: @essecia 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Annata a 4 stelle per il Brunello, e Sting incanta la platea

Annata a 4 stelle per il Brunello, e Sting incanta la platea

Montalcino, (askanews) - Una star internazionale d'eccezione per una annata buona ma non eccezionale. La vendemmia 2017 del Brunello di Montalcino, uno dei vini più famosi ed esportati d'Italia, si chiude con l'assegnazione di quattro stelle (su un massimo di cinque) alla annata 2017, fortemente condizionata dal gelo di aprile e dalla forte siccità di luglio e agosto e che si è, in parte, ...

 
Alena Seredova lancia la sua prima collezione di gioielli

Alena Seredova lancia la sua prima collezione di gioielli

Milano (askanews) - Moderna, bellissima e simpatica, Alena Seredova, showgirl, attrice, modella, diventa stilista e lancia la sua prima prima collezione di gioielli. A Milano ha presentato in anteprima "La semplicità è preziosa" la capsule collection realizzata per Diamonique. "Questi gioielli sono semplici ma penso possano rendere ognuna di noi felice e farla sentire speciale, che è una cosa che ...

 
In viaggio tra il Sudafrica e il dolore per riscoprire sè stessi

In viaggio tra il Sudafrica e il dolore per riscoprire sè stessi

Milano (askanews) - Un dolore lacerante, la perdita improvvisa del figlio, porta Maia a intraprendere un viaggio dentro se stessa e il Paese in cui vive, il Sudafrica, per scoprire realtà, limiti e prospettive tanto inattese quanto rivoluzionarie. E' il filo narrativo di "Oltre la vita felice", romanzo di Corrado Passi edito da Polaris e presentato a Milano nella nuova libreria "Tempo Ritrovato". ...

 
Iran, individuati alcuni resti dell'aereo di linea precipitato

Iran, individuati alcuni resti dell'aereo di linea precipitato

Teheran (askanews) - Il vicegovernatore della provincia di Kohgiluyeh e Buyer Ahmad in Iran, ha comunicato che sono stati individuati i rottami dell'aereo di linea Atr-72 schiantatosi domenica 18 febbraio 2018, con 66 persone a bordo, in una regione montuosa nel Sud-Ovest del Paese, durante una tempesta di neve. Le ricerche dell'aereo sono riprese nella mattinata di lunedì 19 febbraio dopo essere ...

 
Scelti gli studenti più belli

Miss e mister 2018

Scelti gli studenti più belli

Un successo lo School Day gran finale 2018. Oltre 2000 le presenze: il pubblico degli istituti delle scuole superiori di Perugia e provincia in occasione del carnevale delle ...

19.02.2018

Con Montesano al Lyrick trionfa la romanità

L'intervista

Con Montesano al Lyrick trionfa la romanità

C’è Enrico Montesano sabato 17 e domenica 18 febbraio al teatro Lyrick di Assisi nell'anteprima nazionale del “Conte Tacchia”, commedia in musica, rivisitazione del film del ...

17.02.2018

Arriva Sfera Ebbasta

L'appuntamento

Arriva Sfera Ebbasta

Il Centro Commerciale Collestrada è pronto per un evento d'eccezione: domenica 18 febbraio alle 17 salirà sul palco Sfera Ebbasta, in tour per promuovere "ROCKSTAR" il nuovo ...

17.02.2018