Sergio Casagrande in bianco e nero

Web, tritacarne che lascia tracce

17.09.2016 - 11:04

0

Quella di Tiziana è una brutta storia. Trentuno anni, di Mugnano, in provincia di Napoli, si è tolta la vita impiccandosi in casa con un foulard. Non ha retto alla vergogna. O meglio, non ha retto alla pressione dello scandalo che un anno fa, all'improvviso, le aveva tolto il sorriso. Alcuni video hard girati nei suoi momenti di intimità erano finiti prima sui social network, poi avevano cominciato a circolare liberamente anche sul resto del web. E lei era stata riconosciuta: prima dagli amici; poi dai parenti; poi dalla gente qualunque, che la incrociava per strada, nei negozi, dietro ogni angolo.
Inizialmente aveva deciso di isolarsi e di chiudersi in casa o, almeno, di uscire col volto coperto. Ma non riusciva più a dormire, né a fare un lungo respiro.
Sperando di liberarsi da quello che era diventato un incubo, un'ossessione, si era rivolta quindi alla legge. E aveva scelto di non nascondere più il suo viso e di raccontare tutta la verità su quella storia di cui tutti conoscevano solo qualche scena e una maledetta frase.
Ha affrontato un processo e ha atteso la sentenza. E sembrava avesse anche avuto ragione: via quei video dalla rete; e la possibilità di cambiare almeno il cognome con quello della madre, per sperare che, almeno in futuro, in un’altra città, in un altra regione, il suo nome, legato a quelle immagini e a quelle poche parole, fosse dimenticato. Ma all’improvviso, evidentemente, si è resa conto che sarebbe stata proprio lei a non poter dimenticare... Tiziana non aveva colpe, se non quella di essere una bella ragazza e di essersi concessa a un piacere che doveva rimanere per lei e per l'uomo che era con lei. Nulla di così grave, quindi, da porla al pubblico ludibrio sulla gogna e sulla piazza e a farle rimediare, poi, una condanna a morte. Ma il popolo del web - che altro non è che l'evoluzione più attuale dell'essere umano di sempre - è un giudice più severo e più crudele della giustizia ufficiale e titolata; e proprio alla gogna e, poi, alla morte l'ha condannata.
Ma la storia non è ancora finita: ora la procura di Napoli indaga per istigazione al suicidio.
Verrà interrogato chi ha girato quei video. Ed è probabile che passi guai seri. Ma se si vuole una vera giustizia, che non si rilevi sommaria, si ricordi anche di andare a cercare chi quei video li ha diffusi e ha contribuito a diffonderli facendoli diventare virali. E chi ci ha perfino speculato sopra arrivando ad estrapolare dei frame per vendere magliette, cappellini e altri orribili gadget col volto di questa ragazza.
Il web è qualcosa che ha dimostrato di saper tritare tutto, perfino le vite umane. Ma è qualcosa che, comunque, lascia delle tracce. Spesso indelebili. E, purtroppo, anche Tiziana lo sapeva.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Distrugge fucile con la motosega, il video è virale. #Onelessgun

Distrugge fucile con la motosega, il video è virale. #Onelessgun

Roma, (askanews) - É diventato virale sul web il video pubblicato su Facebook da Scott-Dani Pappalardo, un uomo di New York che fa a pezzi il suo fucile con una motosega dopo aver rivolto a tutti un messaggio: "Ho preso una decisione, voglio essere certo che la mia arma non sarà mai in grado di uccidere una vita". Lui, da appassionato di tiro al bersaglio, dopo l'ennesima strage, quella di ...

 
Altro

EagleRay, il sottomarino aereo

Un drone o un areo? Un sottomarino aereo. Parliamo del primo veicolo senza pilota e ad ala fissa in grado di viaggiare sia nell'aria che sott'acqua, passando ripetutamente dall'una all'altra. Come si chiama? EagleRay XAV. A realizzarlo i ricercatori della North Carolina State University. Le applicazioni di questo originale veicolo a guida autonoma sono veramente molte. "Ad esempio - spiegano i ...

 
Mozambico: crolla discarica, 14 morti sotto montagne di rifiuti

Mozambico: crolla discarica, 14 morti sotto montagne di rifiuti

Maputo (askanews) - Almeno quattordici persone sono morte, sepolte in una montagna di rifiuti, in Mozambico. A causa delle piogge torrenziali che hanno colpito la capitale del paese africano, Maputo, è crollata una discrica. Giganteschi cumuli di rifiuti hanno travolto delle fragili abitazioni nel quartiere di Hulene, nella banlieue di Maputo, uccidendo diverse persone mentre dormivano. Cinque ...

 
Scelti gli studenti più belli

Miss e mister 2018

Scelti gli studenti più belli

Un successo lo School Day gran finale 2018. Oltre 2000 le presenze: il pubblico degli istituti delle scuole superiori di Perugia e provincia in occasione del carnevale delle ...

19.02.2018

Con Montesano al Lyrick trionfa la romanità

L'intervista

Con Montesano al Lyrick trionfa la romanità

C’è Enrico Montesano sabato 17 e domenica 18 febbraio al teatro Lyrick di Assisi nell'anteprima nazionale del “Conte Tacchia”, commedia in musica, rivisitazione del film del ...

17.02.2018

Arriva Sfera Ebbasta

L'appuntamento

Arriva Sfera Ebbasta

Il Centro Commerciale Collestrada è pronto per un evento d'eccezione: domenica 18 febbraio alle 17 salirà sul palco Sfera Ebbasta, in tour per promuovere "ROCKSTAR" il nuovo ...

17.02.2018