Sergio Casagrande in bianco e nero

Web, tritacarne che lascia tracce

17.09.2016 - 11:04

0

Quella di Tiziana è una brutta storia. Trentuno anni, di Mugnano, in provincia di Napoli, si è tolta la vita impiccandosi in casa con un foulard. Non ha retto alla vergogna. O meglio, non ha retto alla pressione dello scandalo che un anno fa, all'improvviso, le aveva tolto il sorriso. Alcuni video hard girati nei suoi momenti di intimità erano finiti prima sui social network, poi avevano cominciato a circolare liberamente anche sul resto del web. E lei era stata riconosciuta: prima dagli amici; poi dai parenti; poi dalla gente qualunque, che la incrociava per strada, nei negozi, dietro ogni angolo.
Inizialmente aveva deciso di isolarsi e di chiudersi in casa o, almeno, di uscire col volto coperto. Ma non riusciva più a dormire, né a fare un lungo respiro.
Sperando di liberarsi da quello che era diventato un incubo, un'ossessione, si era rivolta quindi alla legge. E aveva scelto di non nascondere più il suo viso e di raccontare tutta la verità su quella storia di cui tutti conoscevano solo qualche scena e una maledetta frase.
Ha affrontato un processo e ha atteso la sentenza. E sembrava avesse anche avuto ragione: via quei video dalla rete; e la possibilità di cambiare almeno il cognome con quello della madre, per sperare che, almeno in futuro, in un’altra città, in un altra regione, il suo nome, legato a quelle immagini e a quelle poche parole, fosse dimenticato. Ma all’improvviso, evidentemente, si è resa conto che sarebbe stata proprio lei a non poter dimenticare... Tiziana non aveva colpe, se non quella di essere una bella ragazza e di essersi concessa a un piacere che doveva rimanere per lei e per l'uomo che era con lei. Nulla di così grave, quindi, da porla al pubblico ludibrio sulla gogna e sulla piazza e a farle rimediare, poi, una condanna a morte. Ma il popolo del web - che altro non è che l'evoluzione più attuale dell'essere umano di sempre - è un giudice più severo e più crudele della giustizia ufficiale e titolata; e proprio alla gogna e, poi, alla morte l'ha condannata.
Ma la storia non è ancora finita: ora la procura di Napoli indaga per istigazione al suicidio.
Verrà interrogato chi ha girato quei video. Ed è probabile che passi guai seri. Ma se si vuole una vera giustizia, che non si rilevi sommaria, si ricordi anche di andare a cercare chi quei video li ha diffusi e ha contribuito a diffonderli facendoli diventare virali. E chi ci ha perfino speculato sopra arrivando ad estrapolare dei frame per vendere magliette, cappellini e altri orribili gadget col volto di questa ragazza.
Il web è qualcosa che ha dimostrato di saper tritare tutto, perfino le vite umane. Ma è qualcosa che, comunque, lascia delle tracce. Spesso indelebili. E, purtroppo, anche Tiziana lo sapeva.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Ilva, Toti: "Non inseguire idee fantasiose, serve impegno concreto"

Ilva, Toti: "Non inseguire idee fantasiose, serve impegno concreto"

(Agenzia Vista) Liguria, 18 luglio 2018 "Riteniamo che non si possa, in un settore cosi' delicato e dopo tanto tempo, inseguire fantasiose idee che ci portino fuori strada, ma bisogna concretamente impegnarsi con le pietanze che sono sul tavolo per costruire l'ingresso in azienda di Mittal e l'inizio di questa nuova avventura". Lo ha detto il governatore ligure Giovanni Toti, parlando di Ilva in ...

 
Funerale della Sanita' pubblica a Napoli, i manifestanti: "De Luca ha fallito si dimetta"

Funerale della Sanita' pubblica a Napoli, i manifestanti: "De Luca ha fallito si dimetta"

(Agenzia Vista) Napoli, 18 luglio 2018 Funerale della Sanita' pubblica a Napoli De Luca ha fallito si dimetta Nel piazzale antistante l'ospedale LoretoMare va in scena il funerale della Sanità pubblica organizzato dal Movimento meridionalista e dal Movimento Idea Sociale. I partecipanti puntano il dito contro il Governatore, Vincenzo De Luca, invitandolo a dimettersi. AltrimondiNews Fonte: ...

 
Legittima difesa, Fontana (pres. Lombardia): "E' una priorità per il Governo"

Legittima difesa, Fontana (pres. Lombardia): "E' una priorità per il Governo"

(Agenzia Vista) Milano, 18 luglio 2018 "La legge sulla legittima difesa, essendo stata presentato in campagna elettorale io credo sia una priorità di questo Governo". Queste le parole del presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana a margine della seduta pubblica della Commissione antimafia del consiglio Regionale in occasione dell'anniversario della morte di Borsellino Fonte: Agenzia ...

 
Commissione Ue: "Multa a Google da 4,3 mld"

Commissione Ue: "Multa a Google da 4,3 mld"

(Agenzia Vista) Roma, 18 luglio 2018 Commissione Ue Multa a Google da 4,3 mld La Commissione europea ha comminato a Google una multa record da 4,34 miliardi per aver violato le regole della concorrenza. Lo dichiara la Commissione, confermando le indiscrezioni circolate in queste ore. In particolare Google e' stata multata per aver, dal 2011, "imposto restrizioni illegali ai produttori di ...

 
Quelli dei Massive Attack

Umbria Jazz 2018

Quelli dei Massive Attack

La lunga notte dei Massive Attack all'Arena Santa Giuliana per Umbria Jazz fra tanta musica, effetti speciali e un'abbondante pioggia che non ha fermato entusiasmo e note ... ...

17.07.2018

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

Umbria Jazz

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

L'acquazzone che si è abbattuto per qualche minuto sull'arena Santa Giuliana di Perugia non ha scoraggiato assolutamente il popolo di Umbria Jazz e l'attesissimo concerto ...

17.07.2018

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Il festival

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Poco dopo le 22 la luna si oscura e nubi nere scatenano un acquazzone sul popolo dei Massive Attack, all'arena Santa Giuliana. Hanno partecipato in tanti, sia sulle gradinate ...

16.07.2018