Sergio Casagrande in bianco e nero

"Casa Italia" non resti uno slogan

10.09.2016 - 12:54

0

Renzi lo ha chiamato “Casa Italia”. Ma in realtà è un progetto molto vasto che non si limita alle mura domestiche, ma va dalla messa in sicurezza delle abitazioni private, all’adeguamento di tutti gli edifici pubblici e non tralascia le strutture ricettive, i beni archeologici e culturali e gli immobili adibiti a luoghi di lavoro. “Casa Italia”, quindi - lo ha spiegato personalmente il premier -, è lo slogan scelto per sintetizzare la volontà di fare, finalmente, le cose sul serio. Sia sul fronte della prevenzione sismica che su quello della limitazione dei rischi idrogeologici, senza deviare dal percorso già tracciato per l’efficienza energetica degli edifici.
Il terremoto del 24 agosto scorso che ha distrutto Amatrice, Accumoli e Arquata del Tronto, quindi, ha avuto almeno un effetto positivo. Quello di dare anche uno scossone alla macchina della politica italiana che sul fronte della prevenzione delle calamità naturali nel nostro Paese ha fatto finora troppo poco. E quel poco, molte volte, lo ha pure fatto male.
Ben vengano, quindi, le proposte che l’attuale governo ha annunciato di voler mettere a punto. Perché dimostrano che si parte col piede giusto. C’è la volontà; e gli obiettivi sono stati subito ben individuati, a cominciare dall’immediata introduzione di più consistenti sgravi fiscali per chi sottoporrà i propri immobili a interventi di miglioramento. Ed è stato subito chiarito che, per essere incisivi, ci vorranno il coinvolgimento e la collaborazione di tutti i soggetti che dovranno scendere in campo (a cominciare dalle imprese e dalle categorie professionali) per far maturare concretamente il progetto. Ottima anche la proposta che vorrebbe creare delle offerte da presentare ai privati per operazioni di messa in sicurezza e consolidamento “chiavi in mano”: una sorta di pacchetti di lavori, ripartiti su una scala di necessità e a prezzi standardizzati, che permettano al cittadino di sapere subito gli oneri da affrontare di tasca propria, conoscere i benefici e avere la garanzia di non trovare sorprese nei conti al termine delle opere.
Ma i nodi da sciogliere sono, comunque, ancora tantissimi. A cominciare da chi (persona o ente) sarà chiamato a certificare l’esecuzione corretta dei lavori. Quali responsabilità avrà. Quali procedure dovrà seguire. E quale formazione e competenza (per lui o esso) sarà necessaria.
L’impresa - come abbiamo già osservato altre volte - è titanica, perché - per essere davvero efficace visto i rischi che l’Italia corre, tra terremoti, alluvioni e possibili eruzioni - dovrà coinvolgere l’intero Paese e interessare tutti gli edifici presenti sul territorio. Centri storici, periferie, borghi storici rinomati e paesini sperduti: più del 70 per cento dell’intero Stivale è tutto da consolidare.
“Casa Italia” sarà inevitabilmente un progetto lungo. Lungo (sicuramente più del decennio auspicato dal premier) e dispendioso di ingenti forze ed energie, se veramente si vuole rendere tutta l’Italia più sicura e ridurre al minimo la probabilità di tornare a contare centinaia e centinaia di vittime. Ecco, quindi, che ora l’auspicio non può che essere che si prosegui sulla strada che è stata tracciata, con la stessa rapidità con cui è stata aperta. E con quell’unità di intenti che Renzi ha auspicato chiamando a una responsabilità collettiva tutti gli schieramenti politici. Ma l’attuale governo e questo parlamento saranno in grado di portare avanti un impegno così grande? E, soprattutto - vista la situazione politica e le nubi che sono tornate ad addensarsi sul prosieguo della legislatura -, avranno il tempo almeno per avviarlo concretamente? Chissà... Intanto, non si può che essere soddisfatti: la marcia inserita è quella giusta. E, visti gli anni finora persi senza mai nemmeno ipotizzare un progetto di messa in sicurezza su larga scala, non è poco.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Di Maio a "Italia 18": Ora per fare notizia sbaglio i gerundi

Di Maio a "Italia 18": Ora per fare notizia sbaglio i gerundi

Milano, (askanews) - "Guardi non fanno più notizia, sto iniziando a sbagliare i gerundi magari riesco a fare più notizia, visto che non parla mai del merito ma di queste cose. Tra l'altro a quei signori che hanno fatto i maestrini ho risposto che quella forma è corretta e lo dicono anche fior fiore di persone che si occupano di grammatica. Vedo sempre questi maestrini che ci correggono ...

 
Malagò: Carolina Kostner portabandiera alla cerimonia di chiusura

Malagò: Carolina Kostner portabandiera alla cerimonia di chiusura

PyeongChang (askanews) - "Abbiamo voluto pensare a Carolina per riconoscenza, per gratitudine per questa meravigliosa carriera che ha fatto": così il presidente del Coni, Giovanni Malagò, ha annunciato e motivato la scelta di Carolina Kostner come portabandiera azzurra alla cerimonia di chiusura dei Giochi olimpici invernali di PyeongChang. Un omaggio a tutta la sua carriera e un auspicio perché ...

 
Malagò: Olimpiadi al femminile, per le donne ancora più difficile

Malagò: Olimpiadi al femminile, per le donne ancora più difficile

PyeongChang (askanews) - "Medaglie che hanno ancora più valore a fronte delle maggiori difficoltà che nel nostro Paese le donne continuano ad avere per poter fare sport a livelli importanti". In questo modo il presidente del Coni Giovanni Malagò ha voluto rendere omaggio alle molte medaglie conquistate da atlete nei Giochi invernali di PyeongChang.

 
Olimpiadi, Malago: dieci medaglie, prossima volta ancora meglio

Olimpiadi, Malago: dieci medaglie, prossima volta ancora meglio

PyeongChang (askanews) - Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, da PyeongChang ha tracciato un bilancio della spedizione italiana alle Olimpiadi invernali sudcoreane. Dieci medaglie, di cui tre d'oro, "un risultato per il quale tutti avremmo firmato prima di partire". Un risultato che migliora quelli degli ultimi Giochi invernali e che ora, per le prossime edizioni, ci impone di fare ancora ...

 
I tanti universi del Fuseum

Alla scoperta dell'arte

I tanti universi del Fuseum

In mezzo al verde e alla natura di Montemalbe, bella collina di Perugia, da una casa museo s’alza il richiamo di una nuova stagione. Quella casa è l’universo dei tanti ...

23.02.2018

Ritmo e adrenalina, c'è Caparezza

In concerto

Ritmo e adrenalina, c'è Caparezza

Qualcuno si ricorderà quella notte d’inverno di quattordici anni fa. Metà gennaio del 2004, giorno più giorno meno. A Perugia c’era ancora il Norman, e il più delle volte i ...

23.02.2018

Ultimo e Moro, passaggio in Umbria

Dal palco dell'Ariston

Ultimo e Moro, passaggio in Umbria

L’eco di Sanremo 2018 si fa sentire. Con l’arrivo di due big. Mercoledì 28 febbraio alle 17.30 il centro commerciale Quasar Village di Ellera di Corciano ospiterà il ...

23.02.2018