Lo sapevamo, tutto questo poteva essere evitato

Lo sapevamo, tutto questo poteva essere evitato

26.08.2016 - 12:18

0

La natura non uccide. E’ l’uomo che uccide. A volte anche involontariamente; con i suoi errori, con le sue scelte. E con le sue non scelte. Se in Umbria, questa volta, non ci sono state vittime, non è un miracolo. E neppure un prodigio. Come non è un caso che ci siano i terremoti proprio qui, in quest’Italia che ha una forma bizzarra solo perché è pressata tra due continenti che si muovono. Tutto questo lo sappiamo da tempo. Da molto e da troppo tempo. E sappiamo anche che altri terremoti ci saranno. Forti, potenti. E infami. Di notte, come di giorno. Sappiamo pure dove saranno, perché esiste, da anni, una mappa della sismicità del nostro Paese. Con i suoi colori che vanno dal candido bianco della più solida Sardegna, al viola - colore che anche la nostra tradizione religiosa lega alla morte - lungo tutto la catena appenninica che va da Norcia fino a Reggio Calabria. Nei territori di alcuni regioni conosciamo perfino la microzonazione sismica per ogni metro quadrato. L’unica cosa che non sappiamo (e, forse, non la sapremo mai) è quando gli altri terremoti ci saranno. Se non vogliamo contare nuovi morti e tornare a straziarci dal dolore, quindi, c’è solo una cosa da fare. Partire da queste certezze. E mettere in sicurezza tutte le nostre città, i nostri paesi, le nostre case, i luoghi dove lavoriamo, quelli che frequentiamo, dove i nostri figli vanno a scuola, dove andiamo in vacanza e a dormire per una sola notte o magari per un weekend che vorremmo trascorrere solo in serenità. E, poi, anche i monumenti, le chiese, quel patrimonio che fa parte della nostra cultura, della nostra storia, delle nostre radici e che può costituire, a volte, anche l’unica forma di sostentamento economico delle più piccole, come delle più grandi comunità. Possiamo farlo partendo da quelle aree impregnate sulle mappe di viola per arrivare, piano piano, a toccare anche il più lontano lembo incolore del nostro Paese. Ma dobbiamo metterci in testa che è ora di farlo. L’Italia ne ha la forza e, soprattutto, le capacità. E anche le conoscenze; perché, purtroppo, proprio da tragedie come questa, ha maturato una lunga esperienza scientifica. Il nostro Paese - che in fatto di terremoti (ma anche di dissesti idrogeologici e pericoli vulcanici) è quello con i più alti rischi di tutta l’Europa - non si può consolare di essere soltanto un campione medagliato in protezione civile e nei soccorsi. E neppure limitarsi a dare prova di grande solidarietà e di volontariato. Ci vuole subito un piano. Una scelta politica coraggiosa per un’opera che dia una svolta. Che perfezioni le leggi esistenti e ne fissi di nuove. Che le metta in pratica. Che imponga (e ne verifichi scrupolosamente l’applicazione) quelle regole volte a consolidare il patrimonio edilizio esistente, vecchio o recente che sia, con un’opera capillare, radicale, su scala nazionale. E’ ridicolo, per esempio, chiedere agli italiani di possedere una certificazione energetica del proprio immobile, quando in un Paese così a rischio una certificazione analoga non la si impone per la stabilità della casa. Se in Valnerina stavolta non si sono contati i morti e se guardando le immagini che arrivano dalle aree disastrate delle province di Rieti e Ascoli Piceno, tra tante macerie, si notano ancora degli edifici rimasti in piedi anche se non indenni dalle conseguenze del sisma lo si deve al fatto che si è costruito, ricostruito e consolidato, nel corso degli anni, in maniera adeguata. E case e palazzi, anche quando sono stati squassati, non si sono sbriciolati sopra le persone. E’ la dimostrazione, insomma, che difendersi dalle calamità naturali si può. E’ un’opera titanica, ma è realizzabile anche se i tempi potranno essere lunghi. Basta iniziare seriamente e continuare con costanza e cognizione anche quando il terremoto, per qualche anno, sembrerà essere ripiombato in letargo. Perché lui, prima o poi, tornerà. Ed è certo che lo farà con un potenziale che oggi, per colpa nostra, è devastante anche quando potrebbe non esserlo. 
sergio.casagrande@gruppocorriere.it
Twitter: @essecia

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Annata a 4 stelle per il Brunello, e Sting incanta la platea

Annata a 4 stelle per il Brunello, e Sting incanta la platea

Montalcino, (askanews) - Una star internazionale d'eccezione per una annata buona ma non eccezionale. La vendemmia 2017 del Brunello di Montalcino, uno dei vini più famosi ed esportati d'Italia, si chiude con l'assegnazione di quattro stelle (su un massimo di cinque) alla annata 2017, fortemente condizionata dal gelo di aprile e dalla forte siccità di luglio e agosto e che si è, in parte, ...

 
Alena Seredova lancia la sua prima collezione di gioielli

Alena Seredova lancia la sua prima collezione di gioielli

Milano (askanews) - Moderna, bellissima e simpatica, Alena Seredova, showgirl, attrice, modella, diventa stilista e lancia la sua prima prima collezione di gioielli. A Milano ha presentato in anteprima "La semplicità è preziosa" la capsule collection realizzata per Diamonique. "Questi gioielli sono semplici ma penso possano rendere ognuna di noi felice e farla sentire speciale, che è una cosa che ...

 
In viaggio tra il Sudafrica e il dolore per riscoprire sè stessi

In viaggio tra il Sudafrica e il dolore per riscoprire sè stessi

Milano (askanews) - Un dolore lacerante, la perdita improvvisa del figlio, porta Maia a intraprendere un viaggio dentro se stessa e il Paese in cui vive, il Sudafrica, per scoprire realtà, limiti e prospettive tanto inattese quanto rivoluzionarie. E' il filo narrativo di "Oltre la vita felice", romanzo di Corrado Passi edito da Polaris e presentato a Milano nella nuova libreria "Tempo Ritrovato". ...

 
Iran, individuati alcuni resti dell'aereo di linea precipitato

Iran, individuati alcuni resti dell'aereo di linea precipitato

Teheran (askanews) - Il vicegovernatore della provincia di Kohgiluyeh e Buyer Ahmad in Iran, ha comunicato che sono stati individuati i rottami dell'aereo di linea Atr-72 schiantatosi domenica 18 febbraio 2018, con 66 persone a bordo, in una regione montuosa nel Sud-Ovest del Paese, durante una tempesta di neve. Le ricerche dell'aereo sono riprese nella mattinata di lunedì 19 febbraio dopo essere ...

 
Scelti gli studenti più belli

Miss e mister 2018

Scelti gli studenti più belli

Un successo lo School Day gran finale 2018. Oltre 2000 le presenze: il pubblico degli istituti delle scuole superiori di Perugia e provincia in occasione del carnevale delle ...

19.02.2018

Con Montesano al Lyrick trionfa la romanità

L'intervista

Con Montesano al Lyrick trionfa la romanità

C’è Enrico Montesano sabato 17 e domenica 18 febbraio al teatro Lyrick di Assisi nell'anteprima nazionale del “Conte Tacchia”, commedia in musica, rivisitazione del film del ...

17.02.2018

Arriva Sfera Ebbasta

L'appuntamento

Arriva Sfera Ebbasta

Il Centro Commerciale Collestrada è pronto per un evento d'eccezione: domenica 18 febbraio alle 17 salirà sul palco Sfera Ebbasta, in tour per promuovere "ROCKSTAR" il nuovo ...

17.02.2018