Cerca

Sabato 10 Dicembre 2016 | 09:47

Non si può rovinare così il gioco del calcio

Non si può rovinare così il gioco del calcio

Non sono molto pratico delle questioni del calcio, né di quelle giudiziarie ad esso collegate. Però non mi sembra di ricordare che squadre umbre abbiano avuto a che fare con questa orribile compravendita di partite. Forse, se ciò è accaduto, risale a molto indietro nel tempo e quindi è giustificata una mia incertezza di memoria. A me sembra che sia grave che da anni si vada avanti a scoprire partite truccate, che non fanno altro che togliere piacere a chi segue quello che un tempo si diceva essere il più bel gioco del mondo. E' vero che la corruzione è un brutto male che ha tentacoli ovunque, ma la speranza che almeno una partita di pallone restasse un'occasione di svago e di relax, l'abbiamo coltivata a lungo. No, evidentemente non è così, non possiamo permettercelo, perché attraverso linguaggi cifrati piuttosto ridicoli, i responsabili di questa o quella squadra, di qualunque serie voi vogliate, corrompono giocatori e, quindi, partite. D'altra parte, pensate a quel che è accaduto al ciclismo, che negli anni è andato progressivamente perdendo il fascino di un tempo per colpa di un doping sfrenato al quale molti corridori sono ricorsi. Insomma, non è giusto e non è legittimo che anche quelli che sono i nostri divertimenti, i momenti di svago (come appunto seguire eventi sportivi) vengano in tal modo inquinati. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 1000

il punto
del direttore