Cerca

Sabato 10 Dicembre 2016 | 09:46

Ma quanta negatività da Amanda Knox

Ma quanta negatività da Amanda Knox

Chi abita in Umbria ed è conoscenza della sua storia, non si sarà davvero stupito di quanto annunciato da Amanda Knox: "Mi sposerò a breve con un mio compagno di scuola che fa il musicista".
A parte il fatto che non ci interessa minimamente della vita sentimentale di Amanda Knox, mi chiedo se non si possa proprio far nulla perché sia presente in Italia quando, di qui a non molto, ci sarà un ulteriore processo che la vede imputata. Mi sembra troppo, insomma, starsene in America, annunciare con animo lieto il matrimonio, quando i magistrati italiani stanno ancora lì a domandarsi: con certezza cosa accadde quella famosa notte?
Non ho notizie di Sollecito, che in questo caso mi sembra doppiamente sconfitto, dato che, immagino, sarà presente al processo e ugualmente immagino che avrà patito la notizia del matrimonio di Amanda, essendo stato, in passato, suo fidanzato.
Ho come l'impressione che Amanda Knox, comunque si muova e ovunque parli, porti negatività. Non lo dico soltanto per la morte della povera ragazza inglese, ma per tutto quello che intorno a questa vicenda si è detto e si è scritto, si è ripetuto e si è smentito. Quelli "superiori" direbbero "Auguri Amanda per il tuo matrimonio e che tutto vada per il meglio". Ma noi, non giudicateci male, non ce la sentiamo di fare questo auspicio, perché pensiamo che i colpevoli certi della morte di quella ragazza inglese, ci devono essere e devono stare in carcere.
Una nota a margine: leggo che nel meridione d'Italia, la situazione sanitaria comporta che il 30% di bambini in più muoiono rispetto al resto dell'Italia. In Umbria com'è la sanità? Certamente meglio che nel meridione, anche perché ho l'impressione che la cittadinanza umbra sia meno portata a quegli orrendi impicci che hanno fatto dire al Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin: "Criticità in tutta la Sicilia".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 1000

il punto
del direttore