Cerca

Sabato 10 Dicembre 2016 | 09:47

Olimpiadi 2024, voglia di giocare

Olimpiadi 2024, voglia di giocare

Non so se l’Umbria farà parte di quelle regioni che, nel 2024, ospiteranno alcuni giochi olimpici. Ho letto di varie città interessate, ma non riesco a togliermi la sensazione di un qualcosa che si è è detto per distrarre l’attenzione della gente dai tanti problemi che ci rincorrono in queste settimane e in questi mesi. Diciamo la verità: è una bella idea lanciare l’ipotesi di Olimpiadi da fare in Italia e, quindi, con opere da costruire, eventi da creare e successi da festeggiare. Questo evidentemente nelle dichiarazioni di oggi, ma ricordiamoci che le Olimpiadi saranno nel 2024 e non capisco come l’Italia con i problemi attuali possa affrontare le Olimpiadi con quel che concerne di investimenti. A meno che qualcuno, preoccupato dell’attuale stretta su investimenti di ogni tipo, non abbia lanciato il cuore oltre la siepe, parlando di Olimpiadi e mettendo perciò in moto un’altra macchina dei sogni. Non so, ripeto, se Perugia o altre città dell’Umbria sono state interpellate o sono coinvolte. Mi piacerebbe che tutto questo non sia accaduto, anche perché forse patirei quando, quanti si erano illusi anche in Umbria, si dovessero trovare davanti una realtà diversa. Ma non voglio essere pessimista, fra poco è Natale e ugualmente fra poco è l’inizio del nuovo anno e, quindi, dobbiamo obbligarci a guardare il bicchiere mezzo pieno. Non voglio apparire, ripeto, pessimista, ma, credetemi, quel che ho visto accadere in queste settimane, quel che ho appreso seguendo il lavoro dei magistrati e degli inquirenti, mi ha, diciamo così, turbato e fatto guardare, e sempre più spesso, al futuro con preoccupazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 1000

il punto
del direttore