Si spaccia poliziotta per chiede il numero dell'ex che l'ha lasciata

IL CASO

Sentenza riconosce che il cellulare ha provocato un tumore al cervello

20.04.2017 - 15:23

0

«Per la prima volta una sentenza riconosce il nesso di causa tra l’uso improprio del cellulare e il tumore al cervello. Ora crediamo sia necessario riflettere su questo problema e adottare le giuste contromisure. Anche a livello politico e legislativo». Lo hanno dichiarato il 20 aprile 2017 gli avvocati Renato Ambrosio e Stefano Bertone, dopo la sentenza di primo grado del tribunale di Ivrea, del 30 marzo 2017, che ha riconosciuto la correlazione tra il prolungato e improprio utilizzo del telefono cellulare e la comparsa di un tumore al cervello.

I due legali rappresentavano un dipendente di una grande azienda di telefonia che per 15 anni ha utilizzato per circa 3-4 ore al giorno il cellulare: nel 2010 l’uomo è stato colpito da un tumore al cervello.


Nella sentenza di marzo il tribunale di Ivrea ha condannando l’Inail al pagamento di un’indennità di circa 500 euro al mese per tutta la vita della vittima.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Brexit, i 27 leader Ue approvano le linee guida del negoziato

Brexit, i 27 leader Ue approvano le linee guida del negoziato

Bruxelles (askanews) - I leader dei Ventisette Paesi dell'Unione europea, esclusa la Gran Bretagna, hanno approvato le linee guida per il negoziato sulla Brexit. "Per fare progressi sufficienti abbiamo bisogno di una risposta britannica seria" ha annunciato il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk nella conferenza stampa finale del vertice di Bruxelles. "Voglio assicurarvi che non appena ...

 
Sette visioni, arte su arte in Galleria

Perugia

Sette visioni, arte su arte in Galleria

Promenade è un percorso ideato da Roberto Biselli all’interno della Galleria Nazionale dell’Umbria, sostenuto da Marco Pierini, direttore della Galleria e dall'asessore alla ...