Cerca

Sabato 25 Febbraio 2017 | 17:25

EMISSIONI INQUINANTI

Sospetti anche su Renault. La Casa: "Tutto regolare"

logo renault

All'indomani della notizia che Fca è sotto inchiesta, negli Usa, per le emissioni inquinanti di più di 100mila veicoli commercializzati negli Stati Uniti, arriva la notizia che un'altra grande casa automobilistica rischia di finire nella bufera.

Le autorità francesi - riferisce La Presse - starebbero infatti indagando sul gruppo automobilistico francese Renault. L’indagine riguarderebbe le emissioni prodotte dalle vetture. Stando a quanto rivelato dalle fonti giudiziarie - aggiunge La Presse -, dal 12 gennaio 2017 ci sarebbero 3 giudici proprio al lavoro su Renault. Il titolo del gruppo francese, intanto, ha perso oltre il 4% alla Borsa di Parigi, ai minimi da un mese.

Già in passato, quando esplose il primo caso del Dieselgate negli Usa che travolse Volkswagen, erano circolate voci di un possibile coinvolgimento di case francesi. Ma il procedimento, avviato proprio in Francia, sembrava essere stato immediatamente chiuso con un nulla di fatto.

Renault, dal canto suo, spiega ora di non essere stata in grado di ottenere la conferma ufficiale dell’apertura di indagini giudiziarie. E in una nota scrive che "questo nuovo sviluppo nella procedura suggerirebbe che il pubblico ministero voglia continuare le indagini". A questo proposito, Renault, che intende tutelare i propri diritti, ricorda la sua posizione. Ovvero che rispetta tutte le normative francesi ed europee, e che tutti i suoi veicoli sono stati omologati in conformità alle leggi e ai regolamenti, e che non sono dotati di un software per barare sui sistemi anti-inquinamento. Inoltre Renault conferma la sua opinione circa la necessità di dover rafforzare i regolamenti, questo "è l’obiettivo della futura norma Euro6d".

Più letti oggi

il punto
del direttore