Seat: un modello nuovo ogni 6 mesi e spinge sull'elettrico

LE ANTEPRIME

Seat: un modello nuovo ogni 6 mesi e nel 2020 prima full electric

06.04.2018 - 12:53

0

Seat lancerà un nuovo modello ogni sei mesi fino al 2020. I primi due modelli sono la Seat Tarraco e la Cupra Ateca, che arriveranno sul mercato alla fine di questo 2018.

Nel 2019 sarà poi la volta della nuova Leon nelle varianti cinque porte ed ST. Nel 2020, infine, la Seat presenterà il suo primo modello 100% elettrico, con un’autonomia di 500 km e prodotto sulla piattaforma "Meb" del gruppo Volkswagen e, per la prima volta, introdurrà un Cuv (Crossover Utility Vehicle) nella propria gamma.

 

L’annuncio è stato fatto da Luca de Meo, Presidente SEAT, in occasione della presentazione annuale alla stampa dei risultati di bilancio, avvenuta a Madrid. Seat fa un importante passo avanti nella promozione della mobilità elettrica e questo porterà, sempre nel 2020, a includere nella gamma una versione ibrida della nuova generazione della Leon. Inoltre, il marchio proseguirà con la propria offensiva all’insegna del metano, così come dei motori a combustione.

 

“Siamo felici dei risultati raggiunti nel 2017, ma non dobbiamo considerarci soddisfatti. Insieme, abbiamo portato a termine un periodo di consolidamento ed è giunto il momento di guardare al futuro con l’ambizione di crescere” ha dichiarato il presidente de Meo.

Seat ha portato a termine l’esercizio 2017 con successo. Dopo aver ottenuto i migliori risultati di sempre nel 2016, nell’anno appena concluso l’utile dopo le imposte ha raggiunto 281* milioni di Euro, +21,3% rispetto all’anno precedente (232 milioni di Euro), senza contare l’effetto straordinario legato alla cessione della filiale VW Finance, S.A. a Volkswagen AG. L’utile operativo, inoltre, si è attestato a 116 milioni di Euro (143 milioni di Euro nel 2016) per effetto dei maggiori volumi e maggiori investimenti legati a prodotti con maggiori livelli di ammortamento.

Il fatturato ha raggiunto il volume record di 9.552 milioni di Euro, +11,1% rispetto all’esercizio precedente (8.597 milioni di Euro). Queste cifre sono state raggiunte grazie all’incremento delle vendite, con il risultato più alto dal 2001 e un totale di 468.400 unità consegnate, che hanno reso la SEAT uno tra i Marchi che cresce più rapidamente in Europa, e grazie a un migliore mix di prodotto guidato dalla Ateca, un modello con un maggior margine di contribuzione. Dal 2013, il fatturato di SEAT è cresciuto quasi del 50%.

 

“Il 2017 è stato un altro anno record per Seat”, sottolinea Luca de Meo. Dal punto di vista delle vendite, “i risultati raggiunti sono l’effetto del corretto rendimento di ciascun modello della gamma. Oggi abbiamo a disposizione una delle gamme modelli più giovani del mercato, con una media di poco più di tre anni, che copre tutti i segmenti rilevanti del mercato europeo con prodotti di valore”. “In pochi anni abbiamo convertito SEAT in un Marchio rilevante per la grande maggioranza dei clienti in Europa” ha affermato inoltre de Meo.

 

L’offensiva di prodotto in atto è il risultato del più importante volume di investimenti effettuato da Seat dal 1992, anno di costruzione dello stabilimento di Martorell. Lo scorso anno, Seatha destinato 962 milioni di Euro a investimenti e spese per R&D, che rappresentano un +11,6% rispetto al 2016 (862 milioni) e il 10,1% del fatturato totale dell’Azienda. Di questi, 464 milioni di Euro sono stati destinati interamente a Ricerca e Sviluppo. Una cifra che rappresenta circa il 3% degli investimenti totali in R&D effettuati in Spagna, riconfermando SEAT come il principale investitore industriale del Paese.

 

Tra il 2013 e il 2017, la Seat ha destinato oltre 3.300 milioni dieuro al proprio futuro, concentrandosi principalmente sull’offensiva di prodotto più grande della propria storia, così come su nuovi servizi volti a renderla un’impresa di riferimento per digitalizzazione, connettività e mobilità intelligente.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Pensioni d'oro, Di Maio: "I soldi che taglieremo li metteremo nelle pensioni minime degli italiani"

Pensioni d'oro, Di Maio: "I soldi che taglieremo li metteremo nelle pensioni minime degli italiani"

(Agenzia Vista) Pozzallo, 21 luglio 2018 "Ci saranno circa il 20% di persone che ora non prendono più il vitalizio. Vogliamo ora avviare l'iter della legge che taglia pensioni d'oro a tutti. Vi faccio una promessa: ogni euro che taglieremo dalle pensioni d'oro li metteremo nelle pensioni minime degli italiani". Lo ha detto il ministro dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio a Pozallo. _Courtesy ...

 
Di Maio: "Pugno duro in Ue? Ci faremo sentire, abbiamo appena iniziato"

Di Maio: "Pugno duro in Ue? Ci faremo sentire, abbiamo appena iniziato"

(Agenzia Vista) Roma, 21 luglio 2018 Di Maio Pugno duro in Ue Ci faremo sentire, abbiamo appena iniziato L'ha dichiarato il ministro del Lavoro e vicepremier Luigi Di Maio, parlando a Catania ad un incontro sulla filiera agrumicola. _Facebook /Luigi Di Maio Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
David Byrne e la sua utopia americana

Concerto a Perugia per Umbria Jazz (Foto gallery)

David Byrne e la sua utopia americana

L'elegante concerto di David Byrne all'arena Santa Giuliana per Umbria jazz. Il live di venerdì 20 luglio 2018 scatto dopo scatto Foto servizio di Giancarlo Belfiore

21.07.2018

Avvocato e cantautore

La storia

Avvocato e cantautore

Dopo gli “inni” al Grifo e all’Inter ora è la volta della solidarietà. Fabrizio Cunsolo, avvocato-cantuatore, passa da un successo all’altro, dalle arringhe in tribunale alla ...

21.07.2018

Anche Silvio Orlando tra gli oltre 4mila di Byrne

Umbria jazz

Anche Silvio Orlando tra gli oltre 4mila per Byrne

Tra gli oltre quattromila spettatori di venerdì 20 luglio al concerto di David Byrne, è stato avvistato anche l'attore Silvio Orlando impegnato in questo periodo in uno ...

21.07.2018