Con 5 porte è una Mini in grande

MITO INTRAMONTABILE

Con 5 porte è una Mini in grande

23.10.2014 - 09:55

0

Il blasone originale è ormai consegnato alla storia. Ma adesso - dopo la rivoluzione del 2001, tre milioni di esemplari finora venduti - spunta ancora un’altra Mini che guarda dall’alto in basso (in quanto a proporzioni, beninteso) la “pulce atomica”" creata nel 1959 dall’ingegnere anglo-greco Alec Issigonis, che dominò anche il “Montecarlo” con l’aggressività dei piccoli e cattivi. In realtà la nuova Mini 5 porte non sembra manco parente di quella minuscola antenata, tranne pochi particolari estetici che aiutano a mantenere - concetto di moda - una sfumatura di dna. Anche perché, su quella “pulce”", due porte in più proprio non ci stavano. Guardando adesso questa Mini “stirata”, ci sarà certo chi griderà all’ennesimo sacrilegio: cinque porte, che sfacciati. In compenso, dicono ai piani alti, si potrebbe aprire un mercato rivolto ai giovani che “possono” (colori da flipper su display, strumentazione, Radio Mini Visual Boost; divertimento, sicurezza, integrazione con lo smartphone, perfetto collegamento in rete) e alle famiglie che cercano il fascino unito alla praticità dello spazio maggiorato. Atti dovuti, oggi più che mai, anche nel segmento delle compatte premium. Si dirà: c’è già la Countryman che ha cinque porte, trazione integrale e spazio in più: ma che - replicheranno i concessionari - si rivolgono a tutt’altri clienti, vogliosi di un altro termine fascinoso e modaiolo: crossover. Presentata a Pietrasanta, centro versiliano degli artisti, in vendita tra pochi giorni in sei modelli, tre benzina e tre diesel tutti TwinPower Turbo, la “Cinqueporte” aumenta il passo di 72 centimetri, la lunghezza di 161 per poter caricare - con qualche sforzo - fino a cinque passeggeri. Dietro ci sono 7,2 centimetri in più per le gambe, 1,5 per la testa, 6 di larghezza interna: ma l'alloggiamento di soggetti ben superiori al metro e ottanta è abbastanza spartano. Il bagagliaio, invece, è soddisfacente, con i suoi 950 litri, ovviamente a sedili abbattuti. Secondo la Bmw, questa Mini, in Italia, sarà la più desiderata e quindi la più venduta. Rafforza questa convinzione il feeling della vettura con le linee posteriori inclinate e sportive, coi suoi materiali e assemblaggi in linea con la tradizione Mini, con le tredici colorazioni esterne, con la tecnologia a led che è possibile avere sui gruppi ottici ed è presente sul grande display centrale che fruisce di una serie di colori variabili a seconda delle funzioni, dei servizi connessi con il Mini Connect e delle situazioni istantanee di guida. Per quanto concerne i propulsori, la “Cinqueporte” disporrà dei top di gamma a quattro cilindri Mini Cooper SD con il turbodiesel da 170 cv e il Mini Cooper S col turbo a benzina 2.0 da 192 cv, entrambe provviste del cambio automatico a 6 rapporti Steptronic: motori entrambi appaganti e prestazionali, che abbiamo messo alla prova sulle tortuose stradine delle Cinque Terre, risultati anche eccezionalmente elastici, abbastanza silenziosi ma anche cattivi e ringhiosi quando il piede affonda. Unitamente al telaio, hanno consentito una guida estremamente maneggevole e sicura col classico gol-kart feeling. Al momento del lancio, entro questo mese, la Mini cinque porte (che partirà da 19.100 euro e toccherà i 29.400 euro a seconda dei modelli One e Cooper) sarà equipaggiata anche con la gamma classica dei propulsori, vale a dire i 3 cilindri 1.2 benzina e 1.5 diesel, tutti con tecnologia TwinPower Turbo. Consumo di carburante nel ciclo combinato da 3,5 a 5,9 litri per 100 km; emissioni di Co2 da 92 a 136 grammi per chilometro. Sono previsti e disponibili, naturalmente, i più avanzati sistemi di sicurezza. Compresa l'innovazione del Mini Driving Modes in optional, con tre diverse tarature (Midi, Sport e Green) inseribili attraverso una manopola alla base del cambio, e che influiscono sulla linea caratteristica dall'acceleratore allo sterzo.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Dl Dignità, Di Maio: "Non possiamo rimuovere Boeri"

Dl Dignità, Di Maio: "Non possiamo rimuovere Boeri"

(Agenzia Vista) Liguria, 16 luglio 2018 "Non possiamo rimuovere Boeri Ora. Quando scadrà terremo contro che non è minimamente in linea col Governo". Cosi commenta le polemiche sulle stime dell'Inps relative al Dl Dignità il ministro del Lavoro Luigi Di Maio a 'Liguria d'Autore' / Courtesy Giuseppe Sciortino Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev agenziavista.it

 
Mondiali, tensioni e scontri con le forze dell'ordine a Parigi durante i festeggiamenti

Mondiali, tensioni e scontri con le forze dell'ordine a Parigi durante i festeggiamenti

(Agenzia Vista) Parigi, 16 luglio 2018 Mondiali, tensioni e scontri con le forze dell'ordine a Parigi durante i festeggiamenti Francia in festa per la vittoria del secondo Campionato del Mondo. Gli uomini di Didier Deschamps hanno battuto per 4-2 la Croazia aggiudicandosi un titolo che fu dei transalpini nel 1998. Nelle strade delle città frasi sono esplosi i festeggiamenti, accompagnati tuttavia ...

 
Mondiali, il tricolore francese proiettato sull'Arco di Trionfo

Mondiali, il tricolore francese proiettato sull'Arco di Trionfo

(Agenzia Vista) Parigi, 16 luglio 2018 Mondiali, il tricolore francese proiettato sull'Arco di Trionfo Francia in festa per la vittoria del secondo Campionato del Mondo. Gli uomini di Didier Deschamps hanno battuto per 4-2 la Croazia aggiudicandosi un titolo che fu dei transalpini nel 1998. Nelle strade delle città frasi sono esplosi i festeggiamenti, accompagnati tuttavia da momenti di tensione ...

 
Alla fine Quincy Jones dirige tutti sul palco

Umbria jazz

Alla fine Quincy Jones dirige tutti sul palco

Sono solo alcuni dei tanti artisti che hanno incrociato la sua strada, pochissimi rispetto alla gran mole di lavoro svolto nel corso di settanta anni di musica, ma l’effetto ...

14.07.2018

Umbria Jazz, Funk off: "Noi da quindici anni a uno dei festival più belli del mondo"

La band

Umbria Jazz, Funk off: "Noi da quindici anni a uno dei festival più belli del mondo"

Dario Cecchini, leader e fondatore dei Funk Off, ci ricorda che la band partecipa a Umbria Jazz da ben quindici anni. Non solo: c'è anche il traguardo dei vent'anni della ...

14.07.2018

Il film con Argentero girerà anche in Valnerina

Norcia

Il film con Argentero girerà anche in Valnerina

Anche la Valnerina, e non soltanto Spoleto, farà da cornice alle riprese del film “Copperman - L’uomo di rame” con protagonista Luca Argentero. La casa di produzione Eliofilm ...

13.07.2018