Con 5 porte è una Mini in grande

MITO INTRAMONTABILE

Con 5 porte è una Mini in grande

23.10.2014 - 09:55

0

Il blasone originale è ormai consegnato alla storia. Ma adesso - dopo la rivoluzione del 2001, tre milioni di esemplari finora venduti - spunta ancora un’altra Mini che guarda dall’alto in basso (in quanto a proporzioni, beninteso) la “pulce atomica”" creata nel 1959 dall’ingegnere anglo-greco Alec Issigonis, che dominò anche il “Montecarlo” con l’aggressività dei piccoli e cattivi. In realtà la nuova Mini 5 porte non sembra manco parente di quella minuscola antenata, tranne pochi particolari estetici che aiutano a mantenere - concetto di moda - una sfumatura di dna. Anche perché, su quella “pulce”", due porte in più proprio non ci stavano. Guardando adesso questa Mini “stirata”, ci sarà certo chi griderà all’ennesimo sacrilegio: cinque porte, che sfacciati. In compenso, dicono ai piani alti, si potrebbe aprire un mercato rivolto ai giovani che “possono” (colori da flipper su display, strumentazione, Radio Mini Visual Boost; divertimento, sicurezza, integrazione con lo smartphone, perfetto collegamento in rete) e alle famiglie che cercano il fascino unito alla praticità dello spazio maggiorato. Atti dovuti, oggi più che mai, anche nel segmento delle compatte premium. Si dirà: c’è già la Countryman che ha cinque porte, trazione integrale e spazio in più: ma che - replicheranno i concessionari - si rivolgono a tutt’altri clienti, vogliosi di un altro termine fascinoso e modaiolo: crossover. Presentata a Pietrasanta, centro versiliano degli artisti, in vendita tra pochi giorni in sei modelli, tre benzina e tre diesel tutti TwinPower Turbo, la “Cinqueporte” aumenta il passo di 72 centimetri, la lunghezza di 161 per poter caricare - con qualche sforzo - fino a cinque passeggeri. Dietro ci sono 7,2 centimetri in più per le gambe, 1,5 per la testa, 6 di larghezza interna: ma l'alloggiamento di soggetti ben superiori al metro e ottanta è abbastanza spartano. Il bagagliaio, invece, è soddisfacente, con i suoi 950 litri, ovviamente a sedili abbattuti. Secondo la Bmw, questa Mini, in Italia, sarà la più desiderata e quindi la più venduta. Rafforza questa convinzione il feeling della vettura con le linee posteriori inclinate e sportive, coi suoi materiali e assemblaggi in linea con la tradizione Mini, con le tredici colorazioni esterne, con la tecnologia a led che è possibile avere sui gruppi ottici ed è presente sul grande display centrale che fruisce di una serie di colori variabili a seconda delle funzioni, dei servizi connessi con il Mini Connect e delle situazioni istantanee di guida. Per quanto concerne i propulsori, la “Cinqueporte” disporrà dei top di gamma a quattro cilindri Mini Cooper SD con il turbodiesel da 170 cv e il Mini Cooper S col turbo a benzina 2.0 da 192 cv, entrambe provviste del cambio automatico a 6 rapporti Steptronic: motori entrambi appaganti e prestazionali, che abbiamo messo alla prova sulle tortuose stradine delle Cinque Terre, risultati anche eccezionalmente elastici, abbastanza silenziosi ma anche cattivi e ringhiosi quando il piede affonda. Unitamente al telaio, hanno consentito una guida estremamente maneggevole e sicura col classico gol-kart feeling. Al momento del lancio, entro questo mese, la Mini cinque porte (che partirà da 19.100 euro e toccherà i 29.400 euro a seconda dei modelli One e Cooper) sarà equipaggiata anche con la gamma classica dei propulsori, vale a dire i 3 cilindri 1.2 benzina e 1.5 diesel, tutti con tecnologia TwinPower Turbo. Consumo di carburante nel ciclo combinato da 3,5 a 5,9 litri per 100 km; emissioni di Co2 da 92 a 136 grammi per chilometro. Sono previsti e disponibili, naturalmente, i più avanzati sistemi di sicurezza. Compresa l'innovazione del Mini Driving Modes in optional, con tre diverse tarature (Midi, Sport e Green) inseribili attraverso una manopola alla base del cambio, e che influiscono sulla linea caratteristica dall'acceleratore allo sterzo.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Casa abusiva? Rischi poco, guadagni molto. Ma ci perdiamo tutti

Casa abusiva? Rischi poco, guadagni molto. Ma ci perdiamo tutti

Roma, (askanews) - Come ti faccio una casa abusiva (non fatelo!). La casa abusiva costa meno a chi la costruisce su un terreno di proprietà, 100 metri quadrati costano 155mila euro. Abusivi, 65mila. Si risparmia sui documenti del permesso: visure, progetto, relazione sui materiali certificati sanitari, strutturali, paesaggistici. Si risparmia sui costi da versare al Comune: oneri di ...

 
Il card. Parolin incontra Putin a Sochi

Il card. Parolin incontra Putin a Sochi

Sochi, (askanews) - Stretta di man calorosa e incontro a Sochi, nella residenza estiva del presidente russo, tra il segretario di Stato vaticano, il cardinale Pietro Parolin e il leader del Cremlino, Vladimir Putin. "Grazie per l'invito - ha detto Parolin a Putin - che mi è stato rivolto da lei e dalle autorità di questo Paese e grazie anche per l'accoglienza e la possibilità di incontrarci in ...

 
Scoperto a Gerusalemme un mosaico bizantino unico del VI secolo

Scoperto a Gerusalemme un mosaico bizantino unico del VI secolo

Roma, (askanews) - Un mosaico bizantino del sesto secolo che porta inciso il nome dell'imperatore Giustiniano e quello di un abate: è la rara scoperta di un gruppo di archeologi israeliani nella città vecchia di Gerusalemme. Come spiega David Gellman, direttore degli scavi: "Eravamo molto vicini agli scavi quando ho notato che alcune tessere invece che bianche, erano posizionate ad angolo diverso ...

 
Il terremoto? Costa più della prevenzione, ecco le cifre

Il terremoto? Costa più della prevenzione, ecco le cifre

Roma, (askanews) - Il terremoto costa più della prevenzione: ecco le cifre. L'Italia è divisa in 4 zone sismiche La 1 e la 2 sono considerate ad alto rischio; in queste zone, oltre il 56% degli edifici sono pre-1970 e sono stati quindi costruiti senza alcuna tecnica antisismica. Solo il 5% degli edifici è stato costruito dopo il 2000, con tecniche moderne e norme restrittive. Nella sola zona 1 ...

 
Su Youtube torna il talk show "Pour parler"

Foligno

Su Youtube torna il talk show "Pour parler"

Pour Parler, l’ormai rinomato talk show in onda su youtube condotto e ideato dal folignate  Giacomo Innowhite, torna a fare colpo con una nuova e interessante intervista. Ad ...

23.08.2017

Alle falde del Kilimangiaro torna in Umbria

Bevagna

Alle falde del Kilimangiaro torna in Umbria

Sono iniziate questa mattina, martedì 22 agosto, le riprese a Bevagna della troupe di “Alle falde del Kilimangiaro”. Al programma televisivo della Rai il compito di ...

22.08.2017

Ecco Miss Umbria

La scelta

Ecco Miss Umbria

Venti principesse per un trono, quello di regina della bellezza umbra. Sarà incoronata lunedì sera 21 agosto, in piazza del Municipio a San Giustino, Miss Umbria 2017 che ...

21.08.2017