Per ora soltanto due indizi che fanno una coincidenza

Per ora soltanto due indizi che fanno una coincidenza

Mauro Barzagna

17.09.2017 - 14:56

0

Un indizio è un indizio, due indizi sono una coincidenza. Speriamo di non arrivare a contare tre indizi che come diceva Agatha Christie fanno una prova. Quindi fermiamoci a due che non sono veri e propri indizi bensì mancate partecipazioni a due appuntamenti che celebravano nel giro di 24 ore due prodotti principi della nostra terra, e cioè l’olio e il vino. Venerdì mattina a Palazzo Donini un pezzo consistente di questa regione, ben sei comuni che vanno da Assisi a Spoleto, la cosiddetta fascia olivata (un nome senza troppo appeal, onestamente) celebravano un passaggio importante, vale a dire l’iscrizione al registro nazionale del paesaggio rurale per poi pensare a una candidatura in un programma della Fao e l’avvio del processo di candidatura Unesco. Un progetto che è in fieri, che sta muovendo i primi passi, che ha bisogno di tanto sostegno, sia in termini di investimenti, che di pacche sulle spalle a chi lo porta avanti. Sabato mattina a Montefalco la manifestazione Enologica 2017 festeggiava i 25 della Docg (Denominazione di origine controllata e garantita) del Sagrantino, un evento nel corso del quale si è voluto ripercorrere un sogno che si è realizzato, ricordare una sfida vinta dai privati, produttori, e dal pubblico, la Regione che ha sempre investito nel settore, e il tema del convegno era proprio “Ieri, oggi e domani”, vale a dire un excursus dalle origini, una riflessione sul presente e uno sguardo al futuro.
Una manciata di numeri per capire di che cosa stiamo parlando: nel 1992 esistevano 16 cantine e si coltivavano 66 ettari, oggi nel 2017 dopo un quarto di secolo le cantine sono 75 e gli ettari coltivati 767. I numeri si riferiscono ai territori dei cinque comuni (oltre Montefalco, Bevagna, Giano dell’Umbria, Gualdo Cattaneo e Castel Ritaldi) inseriti nel disciplinare del Sagrantino.
Bene, a entrambe le iniziative l’assessore regionale all’agricoltura Fernanda Cecchini era assente. Per correttezza va detto che a quest'ultima iniziativa è stato inviato un funzionario dell’assessorato, per la conferenza della fascia olivata nessuno neanche per un saluto visto che si svolgeva nel palazzo della Regione.
Ora ci possono essere mille e più valide motivazioni, tutte giustificate ci mancherebbe altro, ma di sicuro ai produttori di olio e di vino non avrà fatto piacere l’assenza dell'assessore di riferimento. E non avrà fatto piacere neppure ai sindaci degli undici comuni interessati, i sei della fascia olivata e i cinque del Sagrantino, anche se la diplomazia costringe a fare buon viso a cattivo gioco.
Qui si vuole sottolineare solo un aspetto, e cioè che forse la Regione dovrebbe essere più attenta ai territori, a chi fa impresa con fatica di questi tempi, ai sindaci delle nostre città, a chi si impegna notte e giorno per promuovere i prodotti locali e quindi l’Umbria. E l’attenzione non si misura solo con le promesse e gli investimenti, questi sì graditissimi e sacrosanti, ma anche condividendo un percorso, lanciando nuovi modelli e nuove sfide.
Nessun giudizio di merito sull'assenza dell’assessore ma soltanto una critica costruttiva perché non si arrivi al terzo indizio quello che costituisce la prova. Perché a quel punto si dovrebbe aprire un discorso più profondo su dove sta andando questa regione, qual è la visione che hanno i nostri amministratori. 
anna.mossuto@gruppocorriere.it

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Ceri mezzani, grandi emozioni come sempre
gubbio

Ceri mezzani, grandi emozioni come sempre

Li chiamano Ceri mezzani perché a portarli di corsa per le strade di Gubbio fino al monte Ingino sono i giovani, i ceraioli del futuro, ma non per questo l'emozione del secondo atto della Festa dei Ceri è meno emozionante. Uno splendido sole di maggio bacia la domenica dei Ceri mezzani, a cominciare dall'alzata e dalle birate del mattino in piazza Grande.

 
Royal wedding, è il giorno del sì: Harry e Meghan marito e moglie

Royal wedding, è il giorno del sì: Harry e Meghan marito e moglie

Milano (askanews) - Si sono guardati e sorrisi a lungo, poi si sono presi per mano e così si sono scambiati le promesse di matrimonio: il principe Harry d'Inghilterra e Meghan Markle sono diventati marito e moglie nella cappella di St George del castello di Windsor. La sposa, arrivata in auto con la madre Doria, è entrata da sola in chiesa, seguita dai 10 paggetti e damigelle, tra cui i ...

 
Mattarella alla cerimonia per i 150 anni dei Corazzieri

Mattarella alla cerimonia per i 150 anni dei Corazzieri

Roma (askanews) - Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, è intervenuto alla cerimonia per il 150esimo anniversario di costituzione del Reggimento Corazzieri presso la caserma "Magg. Alessandro Negri di Sanfront" di Roma. Mattarella ha espresso "apprezzamento e riconoscenza" al reggimento dei corazzieri, sottolineandone "lo spirito di servizio allo Stato, di sostegno alla nostra ...

 
Doppia italia sul podio di Cannes

festival del cinema

Doppia italia sul podio di Cannes

Trionfo dell'Italia al Festival del cinema di Cannes. "Dogman" di Matteo Garrone regala a Marcello Fonte il premio come miglior attore protagonista, mentre Alice Rohrwacher ...

20.05.2018

Da Giovanni Guidi, quel jazz tutto in "Salida"

L'intervista

Da Giovanni Guidi, quel jazz tutto in "Salida"

Nuova avventura musicale per Giovanni Guidi che chiama accanto a sé tre esponenti del jazz newyorkese. Ad accompagnare il pianista ci sono infatti David Virelles alle ...

17.05.2018

Miss Mondo in passerella

Sfida a colpi di bellezza

Miss Mondo in passerella

Sabato 19 maggio, a iniziare dalle 18,30, quindici bellissime miss sfileranno in passerella al centro di intrattenimento Gherlinda, a Corciano, per conquistare una delle tre ...

16.05.2018