GIGANTI DIVISI E NANI ALLEATI

Mauro Barzagna

09.04.2017 - 15:11

0

Sarà la primavera, saranno le primarie del Pd, sarà la tornata amministrativa che si avvicina, di sicuro la politica non riesce a stare ferma. E così si cercano candidati, si inventano alleanze, si formano nuovi partiti e si continua a dare i numeri. Come quelli delle primarie dei circoli piddini dove anche in Umbria Renzi la fa da padrone rispetto agli altri due sfidanti, Orlando ed Emiliano. Esattamente con il 75,9 per cento contro il 22,2 e l’1,9.
Un trionfo per i renziani della prima, seconda e ultima ora, guastato purtroppo per loro da due dati. Il primo, l’affluenza degli iscritti, ferma a poco più del 50 per cento (54,01 per la precisione), che qualcosa vorrà pur dire. Una specie di disaffezione verso queste forme di partecipazione di cui si capisce poco il senso quando si organizzano primarie di circoli e primarie di popolo? O in generale un crescente allontanamento dei cittadini dalla vita del partito? Il secondo dato, le dimissioni di un gruppo di piddini di un certo peso che hanno firmato un pezzo di storia del partito umbro, a cominciare dall’ex segretario regionale Bottini all’ex sindaco di Perugia Locchi, che sono confluiti nel neonato movimento Articolo 1 di D’Alema e Bersani. In questo quadro gli occhi sono puntati alle primarie aperte a tutti, quelle del 30 aprile, che dovrebbero consacrare l’ex premier segretario del Partito.
Intanto nei sette comuni umbri chiamati al voto l’11 giugno è tutto un movimento di candidati e liste, alleanze da stringere e coalizioni da cementare. Da Todi a Narni, passando per Deruta, e altri quattro piccoli municipi (Cascia, Monteleone di Spoleto, Attigliano e Valtopina), la sfida è di quelle che contano e appassionano veramente. E’ ancora presto per conoscere le griglie di partenza, c’è tempo un mese per definire e presentare i concorrenti, di sicuro la lotta è apertissima nei due comuni più grandi dove è possibile il turno di ballottaggio e dove i bookmakers si stanno allenando di più.
Per quanto riguarda le alleanze a muoversi per primi due partiti che hanno da poche ore ufficializzato il matrimonio, e cioè il Psi e Alternativa popolare, ex Ncd di Alfano. Un’intesa di interesse, un cartello elettorale in cui due debolezze si uniscono sperando di diventare una forza. E’ questa la tesi più istintiva e immediata, pronti a essere contraddetti qualora si conoscerà qualcosa in più del programma. Certo, bisogna fare un bello sforzo di fantasia per vedere insieme sullo stesso tavolo a braccetto Monni e Rometti, la domanda che anche questa viene spontanea è che c’azzeccano i socialisti con gli alfaniani, i primi guardavano a sinistra e i secondi nel nome fino a ieri si riferivano al centrodestra anche se sono stati folgorati dal PdR, il partito di Renzi.
La verità vera è che la legislatura è agli sgoccioli, quindi bisogna attrezzarsi, per mirare a un posto al sole che sia ben chiaro non è il titolo della fiction di successo ma molto più venalmente una poltroncina nelle istituzioni. E allora via con gli esperimenti, con i laboratori, così tanto per contarsi e provare a contare qualcosa. Perché le ambizioni e i desiderata sono tanti, i posti sempre meno, e i voti pure.
Comunque per un’alleanza che si crea, ecco un altro partito nuovo di zecca che appare all’orizzonte e con un nome romantico, l’Italia nel cuore, che punta dritto a Roma. Della serie più siamo, peggio stiamo in questa terza o quarta Repubblica. 

anna.mossuto@gruppocorriere.it
www.annamossuto.it

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

La costituente pro-Maduro assume potere legislativo
VENEZUELA

La costituente pro-Maduro assume potere legislativo

Caracas (askanews) - L'assemblea costituente legata al presidente venezuelano Nicolas Maduro ha dichiarato il 19 agosto 2017 di aver assunto i poteri dal parlamento, che è invece controllato dall'opposizione al presidente. In una riunione, l'assemblea ha adottato un decreto che autorizza ad "assumere tutte le funzioni per legiferare su materie direttamente collegate con la garanzia della pace, ...

 
Incendio a Cosenza, tre morti. In cenere le opere di Telesio
IL FATTO

Incendio a Cosenza, tre morti. In cenere le opere di Telesio

Cosenza (askanews) - Un rogo divampato in un appartamento a corso Telesio, nel centro storico di Cosenza, ha causato la morte di tre persone che sono rimaste intrappolate nell'edificio avvolto dalle fiamme. Il fuoco ha divorato anche il vicino Palazzo Ruggi d'Aragona, storico edificio-museo del 1100 di proprietà della famiglia Bilotti. Sono andati in fumo tra l'altro manoscritti originali dal ...

 
Barcellona, il ministro spagnolo: smantellata tutta la cellula terroristica
TERRORISMO

Barcellona, il ministro spagnolo: smantellata tutta la cellula terroristica

Barcellona (askanews) - La cellula terroristica di Ripoll, che è dietro al doppio attacco a Barcellona e Cambrils di due giorni fa, è stata "smantellata". L'ha affermato il 19 agosto 2017 il ministro dell'Interno Juan Ignacio Zoido, mentre la polizia caccia ancora l'ultimo latitante. "La cellula è stata completamente smantellata", ha detto il ministro ai giornalisti. I componenti erano 12, molti ...

 
Alla Darsena il Duo Bucolico

Notte in pista

Alla Darsena il Duo Bucolico

Sabato, 19 agosto, sarà il caso di muoversi verso il Lago Trasimeno, come di consueto. Alla Darsena si fa sul serio: sul palco del locale di Castiglione del Lago si esibirà ...

18.08.2017

Ancora un disco "tiratissimo" per Olden

Novità discografiche

Ancora un disco "tiratissimo" per Olden

Ci sono voluti quasi tre mesi per metterci a parlare di questo disco, perché d’estate le cose da raccontare in provincia son tante. Ma finalmente eccoci qua, a dirvi che il ...

18.08.2017

Un direttore per il Teatro Stabile dell'Umbria

Il toto nome

Un direttore per il Teatro Stabile dell'Umbria

Il suo nome, Franco Ruggieri, (scritto subito sotto il logo del Teatro Stabile), è sparito dal depliant con il programma della Stagione di prosa 2017-2018 del teatro ...

18.08.2017