Che il buon senso prevalga in tutti

La lezione di Bassetti alle istituzioni

12.02.2017 - 14:41

0

La Chiesa fa la sua parte e certe istituzioni no, o meglio non ancora. E’ l’ennesima volta che chi amministra sta su un pianeta diverso e lontano dalla realtà, dalla vita quotidiana di chi fatica e soffre per andare avanti, di chi lotta per la sopravvivenza, di chi non ha un lavoro e vive ai margini della società.
E per fortuna che ci sono apparati come la Chiesa appunto che invece sta con i piedi per terra, in mezzo alla gente e tocca tutti i giorni l’entità della sofferenza sforzandosi di dare qualche risposta e qualche aiuto. La conferma di questa tesi ci viene dalle promesse, le solite, sbandierate da assessori al welfare che annunciano investimenti e progetti per l’accoglienza dei poveri e dei senzatetto. Così loro studiano e parlano di piani ad hoc che vedranno la luce non prima dell’anno prossimo, mentre la Curia di Perugia allestisce un dormitorio nell’oratorio di San Giovannino, centro storico della città, per ospitare una quindicina di clochard. Insomma c’è chi parla e chi realizza. L’Umbria non è tanto diversa dagli altri posti del mondo, anche da noi, nelle nostre strade e nelle nostre piazze, vivono i senzatetto, persone che si adattano alla meno peggio a dormire negli angoli più nascosti o sotto qualche pensilina con dei cartoni al posto delle coperte. Quando le temperature precipitano trascorrere la notte all’addiaccio diventa più pesante, più doloroso. Tant’è che un mese fa di fronte al freddo gelido papa Bergoglio diede ordine all’Elemosiniere del Vaticano di procedere con un piano per aiutare i clochard della capitale, a cominciare dall’apertura dei dormitori 24 ore, poi le auto per ripararsi e sacchi a pelo speciali per chi non si voleva muovere.<CS10.2> Questa notizia fece il giro dei giornali e delle tv, tutti a sottolinere l’eccezionalità dell’evento anche se a pensarci bene non stava succedendo niente di trascendentale, si stava soltanto operando nel nome del Vangelo, si stava soltanto offrendo un tetto a chi non ce l’aveva. Da noi è successa più o meno la stessa cosa. Durante una serata in cui il gelo penetrava nelle ossa e la tramontava congelava i muscoli, un gruppo di clochard ha bussato al campanello della Curia e le porte si sono spalancate.
L’accoglienza non è durata una notte ma sta durando tra mille difficoltà e qualche resistenza. Eh sì perché il bene il più delle volte si proclama con le parole e non con i fatti. E addirittura c’è chi guarda di traverso la presenza di questi poveracci nel quartiere. Eppure si tratta di persone sfortunate verso cui una società civile, la politica, non può restare indifferente o peggio ancora alzare i muri. A prescindere se si è credenti o meno. La solidarietà dovrebbe essere un valore, il bene comune un obiettivo di tutti, anche dei laici, anche di chi ha la responsabilità di governare questa città o questa regione. Non si può chiudere gli occhi e girarsi dall’altra parte di fronte agli ultimi, di fronte ai bisognosi. La dottrina cattolica è piena e zeppa di precetti che vanno in questa direzione, tutti gli uomini e le donne di chiesa dovrebbero, come insegnano papa Francesco e il cardinale Bassetti, aprire le porte degli oratori e delle canoniche ai senza tetto. Le prediche della domenica che insegnano la misericordia vanno ascoltate ma sopratutto trasformate in comportamenti, altrimenti sono soltanto bei discorsi che non portano da nessuna parte. Quindi un plauso a chi ha colto l’essenza dell’essere cattolico e si comporta come tale, ponendo al centro la persona, sempre e comunque. Non si può dire lo stesso di chi nonostante la delega al sociale continua a promettere azioni che come ha riferito con dovizia di particolari la collega Patrizia Antolini sul Corriere di ieri saranno attuate tra un anno. E oggi, in pieno inverno, cosa devono fare questi cristi di senzatetto? Continuare a dormire per strada al gelo? Oppure morire di freddo subito? Una volta Antonio Gramsci spiegò perché odiava gli indifferenti, di recente Bergoglio ha puntato l’indice contro la globalizzazione dell’indifferenza. Espressioni di due mondi opposti, eppure entrambi dalla parte degli ultimi.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Tre attentati in Afghanistan, uno contro sede dell'intelligence

Tre attentati in Afghanistan, uno contro sede dell'intelligence

Kabul, (askanews) - Tre morti e una ventina di feriti è il primo bilancio di tre attentati kamikaze in Afghanistan. Uno degli attentati è avvenuto nei pressi della sede dell'intelligence afgana (NDS), gli altri due rispettivamente a un ufficio dei servizi e una postazione dell'esercito nell'Helmand. "Questa mattina un attentatore suicida si è fatto esplodere nell'area di Shash Darak di Kabul, ...

 
Macron fischiato al Salone dell'agricoltura a Parigi

Macron fischiato al Salone dell'agricoltura a Parigi

Parigi, (askanews) - Il presidente francese Emmanuel Macron è stato fischiato per diversi minuti al Salone internazionale dell'agricoltura 2018, in programma a Parigi dal 24 febbraio al 4 marzo. A contestarlo alcuni giovani agricoltori, che indossavano magliette con la scritta "Attenzione, agricoltore arrabbiato". Secondo un giornalista di Afp sul posto, Macron, alla sua prima visita da ...

 
Regata di barche drago ad Hanoi, la prima dopo decenni

Regata di barche drago ad Hanoi, la prima dopo decenni

Hanoi, (askanews) - Migliaia di persone si sono radunate al lago di Hanoi per seguire i canottieri in abiti colorati che hanno partecipato alla gara delle tradizionali barche drago, la prima che si svolge nella capitale vietnamita dopo decenni. Una delle rematrici, Lan: "Abbiamo ricevuto la notizia di questa competizione solo quattro giorni fa. Siamo molto felici di avere partecipato, perché ...

 
Due autobombe firmate Al Shabab provocano 38 morti a Mogadiscio

Due autobombe firmate Al Shabab provocano 38 morti a Mogadiscio

Mogadiscio, (askanews) - Almeno 38 persone sono morte nell'esplosione di due autobombe a Mogadiscio. Nel mirino degli attentatori un hotel e il palazzo presidenziale della capitale somala. Il direttore dei servizi di soccorso Aamin ha precisato: "La gente non smette di chiamarci, ma abbiamo detto loro che stiamo già salvando dei feriti. Abbiamo visto almeno 38 persone morte", ha dichiarato. La ...

 
I tanti universi del Fuseum

Alla scoperta dell'arte

I tanti universi del Fuseum

In mezzo al verde e alla natura di Montemalbe, bella collina di Perugia, da una casa museo s’alza il richiamo di una nuova stagione. Quella casa è l’universo dei tanti ...

23.02.2018

Ritmo e adrenalina, c'è Caparezza

In concerto

Ritmo e adrenalina, c'è Caparezza

Qualcuno si ricorderà quella notte d’inverno di quattordici anni fa. Metà gennaio del 2004, giorno più giorno meno. A Perugia c’era ancora il Norman, e il più delle volte i ...

23.02.2018

Ultimo e Moro, passaggio in Umbria

Dal palco dell'Ariston

Ultimo e Moro, passaggio in Umbria

L’eco di Sanremo 2018 si fa sentire. Con l’arrivo di due big. Mercoledì 28 febbraio alle 17.30 il centro commerciale Quasar Village di Ellera di Corciano ospiterà il ...

23.02.2018