Sotto l'albero coltelli e veleni

18.12.2016 - 16:14

0

Non c’è serenità nella terra umbra nonostante si avvicini il Natale che invita tutti a essere più buoni. Smaltiti i numeri, pessimi, del referendum, ricompaiono i coltelli e i veleni, le polemiche e gli attacchi.
L’atmosfera è tesa un po’ dappertutto, la medaglia d’oro dell’agitazione se la guadagna Terni dove ancora una volta Palazzo Spada è teatro di una baruffa dopo quella andata in scena nell’aula del consiglio poche settimane fa, all’indomani del maxi blitz sugli appalti sospetti nell’ambito municipale.
Questa volta la bagarre si è consumata quando alcuni rappresentanti delle cooperative coinvolte nell’inchiesta si sono fiondati negli uffici del movimento 5Stelle che stava tenendo una conferenza sull’argomento. Si è sfiorata la rissa, un’altra volta, con successive stigmatizzazioni degli eventi. In città si respira una brutta aria da qualche tempo, prima per le beghe politiche scaturite da una maggioranza debole e dal dissesto finanziario e culminate in un rimpasto ridicolo, poi da un mese con l’Operazione Spada che getta ombre sull’amministrazione anche a causa di due assessori indagati. E i nervosismi si riversano nella caccia alle streghe ma anche alle intercettazioni e agli atti giudiziari da cui emergono particolari e dettagli alla base delle indagini.

Il sindaco Di Girolamo in preda a una crisi di nervi tenta di buttare acqua sul fuoco ma i panni del pompiere non gli si addicono e il liquido si trasforma in benzina. Prima se la prende con i grillini responsabili a suo modo di vedere di non rispettare il voto democratico e la magistratura, poi rimprovera le cooperative che non rispettano la libertà di espressione. Insomma a Terni si sta vivendo un clima infuocato dove è vero che manca il rispetto ma non solo da parte delle componenti coinvolte nell’ultima baruffa, nel capoluogo il rispetto pare sia diventata merce rara da parte della politica, da parte di quella classe dirigente che si sta rendendo protagonista di uno spettacolo indecoroso. Il riferimento non può non essere al Pd, il partito che governa la città e che soffre di lacerazioni all’ennesima potenza, rispecchiando in pieno una diatriba che parte da Perugia e si propaga nelle periferie. Dal capoluogo di regione le fibrillazioni sono alle stelle anche per le prossime elezioni della Provincia, entro domani alle 12 vanno presentate le candidature e i nervosismi si riflettono sulle liste con Mismetti bis che prima si è dimesso e poi ci ha ripensato facendo tutto da solo e ancora non si sa bene il perché. E per questa partita vanno in scena imboscate, impegni non mantenuti e di tutto e di più, compreso un bizzarro listone unico con il centrodestra. Per la Provincia di Terni si fronteggiano il sindaco di Guardea Lattanzi e quello di Amelia Pernazza, con i numeri dalla parte del primo. Ma la contrapposizione dappertutto riguarda le appartenenze dei protagonisti perché il giochino, chiamiamolo così, in voga da qualche tempo dalle parti del Pd è se si rientra nel novero dei bocciani o dei mariniani. Una “guerra” continua, a volte sotterranea, a volte alla luce del sole, con il povero segretario regionale Leonelli che proprio non ce la fa a ricomporre gli animi e se qualche volta si sente parlare di tregua non è certo per merito suo. A proposito, dovrà trovare applicazione l’accordo sulla riorganizzazione, vale a dire il rimescolamento delle deleghe dei direttori della Regione, accordo raggiunto per trovare una soluzione alla crisi di febbraio scorso con l’uscita dell’assessore alla Sanità dalla giunta. Intanto dopo due settimane dal referendum costituzionale la direzione umbra del Pd si è riunita e il segretario ha analizzato le luci e le ombre del voto. Tra le luci il fatto che a Perugia ha vinto il sì, un refrain di consolazione di chi indica il dito e non la luna. Per la cronaca ricordiamo che in Umbria ha vinto il no e più ombra di così non si può.
Il quadro del Pd in Umbria non è dei più esaltanti, tanto per essere chiari, ma non è che gli altri partiti godano di ottima salute. Anzi. Se fossimo a scuola sarebbero tutti da bocciare o rimandare. Solo il cardinale Bassetti a domanda di Punzi concede la sufficienza, giustificando il voto come una reminiscenza del ’68. Una sorta di sei politico, insomma. Speriamo che non se ne penta altrimenti dovrà recitare un bel po’ di atti di dolore.
anna.mossuto@gruppocorriere.it
www.annamossuto.it

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Casa abusiva? Rischi poco, guadagni molto. Ma ci perdiamo tutti

Casa abusiva? Rischi poco, guadagni molto. Ma ci perdiamo tutti

Roma, (askanews) - Come ti faccio una casa abusiva (non fatelo!). La casa abusiva costa meno a chi la costruisce su un terreno di proprietà, 100 metri quadrati costano 155mila euro. Abusivi, 65mila. Si risparmia sui documenti del permesso: visure, progetto, relazione sui materiali certificati sanitari, strutturali, paesaggistici. Si risparmia sui costi da versare al Comune: oneri di ...

 
Il card. Parolin incontra Putin a Sochi

Il card. Parolin incontra Putin a Sochi

Sochi, (askanews) - Stretta di man calorosa e incontro a Sochi, nella residenza estiva del presidente russo, tra il segretario di Stato vaticano, il cardinale Pietro Parolin e il leader del Cremlino, Vladimir Putin. "Grazie per l'invito - ha detto Parolin a Putin - che mi è stato rivolto da lei e dalle autorità di questo Paese e grazie anche per l'accoglienza e la possibilità di incontrarci in ...

 
Scoperto a Gerusalemme un mosaico bizantino unico del VI secolo

Scoperto a Gerusalemme un mosaico bizantino unico del VI secolo

Roma, (askanews) - Un mosaico bizantino del sesto secolo che porta inciso il nome dell'imperatore Giustiniano e quello di un abate: è la rara scoperta di un gruppo di archeologi israeliani nella città vecchia di Gerusalemme. Come spiega David Gellman, direttore degli scavi: "Eravamo molto vicini agli scavi quando ho notato che alcune tessere invece che bianche, erano posizionate ad angolo diverso ...

 
Il terremoto? Costa più della prevenzione, ecco le cifre

Il terremoto? Costa più della prevenzione, ecco le cifre

Roma, (askanews) - Il terremoto costa più della prevenzione: ecco le cifre. L'Italia è divisa in 4 zone sismiche La 1 e la 2 sono considerate ad alto rischio; in queste zone, oltre il 56% degli edifici sono pre-1970 e sono stati quindi costruiti senza alcuna tecnica antisismica. Solo il 5% degli edifici è stato costruito dopo il 2000, con tecniche moderne e norme restrittive. Nella sola zona 1 ...

 
Su Youtube torna il talk show "Pour parler"

Foligno

Su Youtube torna il talk show "Pour parler"

Pour Parler, l’ormai rinomato talk show in onda su youtube condotto e ideato dal folignate  Giacomo Innowhite, torna a fare colpo con una nuova e interessante intervista. Ad ...

23.08.2017

Alle falde del Kilimangiaro torna in Umbria

Bevagna

Alle falde del Kilimangiaro torna in Umbria

Sono iniziate questa mattina, martedì 22 agosto, le riprese a Bevagna della troupe di “Alle falde del Kilimangiaro”. Al programma televisivo della Rai il compito di ...

22.08.2017

Ecco Miss Umbria

La scelta

Ecco Miss Umbria

Venti principesse per un trono, quello di regina della bellezza umbra. Sarà incoronata lunedì sera 21 agosto, in piazza del Municipio a San Giustino, Miss Umbria 2017 che ...

21.08.2017