Passione, devozione e umiltà. Cosi' ha vissuto Gaetano Bettelli

Passione, devozione e umiltà. Cosi' ha vissuto Gaetano Bettelli

“Di solito una persona che si occupa per anni della stessa cosa lo fa per abitudine. Il suo entusiasmo era incredibile, tutti i giorni andava a vedere se tutto fosse a posto”

18.10.2012 - 10:14

0

Con la scomparsa di Gaetano Bettelli se ne è andato un uomo come pochi devoto alla sua città. Un personaggio che nell’arco della sua vita ha dato davvero tutto se stesso per Gubbio, mostrando una passione straordinaria per le cose di cui si è occupato. É morto all'età di 85 anni, gran parte di questi trascorsi a custodire con la massima cura la chiesetta dei Muratori e - soprattutto - i Santi dei Ceri, per i quali nutriva una speciale devozione. A ricordare la sua figura Angelo Lauri, che negli ultimi anni (per la prima volta nel 1997) ha affiancato Gaetano nel ruolo di custode della chiesetta: “Che personaggio - ha affermato - di lui voglio sottolineare in particolar modo la devozione, il rispetto e l’umiltà con cui si è occupato dei Santi. Aveva per loro una vera e propria venerazione, caratterizzato da una cura quotidiana, un rapporto speciale. L’aspetto che mi sorprendeva maggiormente è l’entusiasmo che aveva. In fondo, da una persona che svolge più o meno gli stessi compiti nello stesso luogo da 40-50 anni uno si attende che lo faccia per abitudine e che consideri l’attività una sorta di routine. Tutt’altro, non c’era giorno che Gaetano non passasse in chiesetta per vedere se tutto fosse a posto: aveva una cura maniacale per i dettagli, dai fili di ferro alle lampadine della barella su cui poggiavano le statuine. Credo che i suoi metodi abbiano portato a benefici per i prossimi 100 anni”. Lauri menziona poi un episodio specifico: "Nel 2009 Gaetano stava poco bene e non ha potuto essere presente il 15 maggio - ha ricordato - mi sono quindi occupato personalmente della ricerca del vino per le ampolline della messa, che peraltro non può contenere conservanti. Dopo una ricerca non proprio agevole sono riuscito a trovare da un contadino un ottimo rosso. Ero dunque soddisfatto, ma nei giorni successivi alla Festa incontrai Gaetano, che nel frattempo si ristabilì, e mi disse: ‘Giusto te cercavo, volevo sapere chi ha messo quel vino rosso nell'ampolla, durante la messa ci vuole il vino bianco’. Aveva visto le immagini e non poteva 'tollerare' una simile imprecisione, a testimonianza della sua cura per i dettagli”. Di una cosa Angelo è sicuro: “Qualora fossi io a raccogliere l’eredità di Gaetano cercherò di portare avanti i suoi insegnamenti: tengo molto al mantenimento delle tradizioni e dobbiamo far tesoro dei messaggi dei nostri antenati”. Gaetano Bettelli verrà ricordato pure per la sua fede ceraiola; sangiorgiaro verace alzò il Cero guerriero nel 1974, dimostrando sempre una passione genuina. Fu una figura di riferimento anche per la Processione del Cristo morto, facendo parte della Confraternita di Santa Croce: anche in questo caso si è preso cura della chiesa e degli oggetti e simboli utilizzati per la stessa Processione. Se ne è andato a 85 anni, ma la sua energia dovrà essere per forza di cose un esempio per i più giovani.

Roberto Minelli

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

"Il gelato dopo il mare" e le cose da Custodire per Renzo Rubino

"Il gelato dopo il mare" e le cose da Custodire per Renzo Rubino

Roma, (askanews) - Un gran bel ritorno quello di Renzo Rubino sul palco dell'Ariston con il brano intimo "Custodire", prodotto da Giuliano Sangiorgi. "Tratta il tema della separazione dei genitori e quindi mi sono inventato questo dialogo immaginario tra mio padre e mia madre", ha spiegato Rubino in un'intervista ad askanews. Della sua terza partecipazione a Sanremo - nel 2014 con il brano "Ora" ...

 
Scelti gli studenti più belli

Miss e mister 2018

Scelti gli studenti più belli

Un successo lo School Day gran finale 2018. Oltre 2000 le presenze: il pubblico degli istituti delle scuole superiori di Perugia e provincia in occasione del carnevale delle ...

19.02.2018

Con Montesano al Lyrick trionfa la romanità

L'intervista

Con Montesano al Lyrick trionfa la romanità

C’è Enrico Montesano sabato 17 e domenica 18 febbraio al teatro Lyrick di Assisi nell'anteprima nazionale del “Conte Tacchia”, commedia in musica, rivisitazione del film del ...

17.02.2018

Arriva Sfera Ebbasta

L'appuntamento

Arriva Sfera Ebbasta

Il Centro Commerciale Collestrada è pronto per un evento d'eccezione: domenica 18 febbraio alle 17 salirà sul palco Sfera Ebbasta, in tour per promuovere "ROCKSTAR" il nuovo ...

17.02.2018